[gtranslate] PARENTI, ELETTO RAPPRESENTANTE PER L'ITALIA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - WHAT-U

Oggi Antonio Parenti, che dirige attualmente la sezione Affari economici, commercio e sviluppo della delegazione dell’UE presso le Nazioni Unite, è stato nominato capo della Rappresentanza in Italia della Commissione europea e risponderà alla Presidente Ursula von der Leyen. Parenti, che assumerà l’incarico, il 1 di giugno, sarà responsabile dell’intera Rappresentanza, dislocata nei due uffici di Roma e Milano. Assumerà l’incarico il 1º giugno 2020. Ma questa non è l’unica decisione presa oggi dalla Commissione europea che ha anche deciso di prorogare il mandato di Ferran Tarradellas Espuny, capo della Rappresentanza regionale a Barcellona, che rimarrà in carica fino al 31 agosto 2020 in considerazione dell’attuale crisi del Coronavirus.

La Commissione ha uffici di rappresentanza nelle capitali di tutti gli Stati membri, affiancati da uffici regionali a Barcellona, Bonn, Marsiglia, Milano, Monaco di Baviera e Breslavia. Le Rappresentanze permettono alla Commissione di essere presente negli Stati membri dell’UE e sostengono la Presidente e l’intera Commissione nelle interazioni con questi ultimi. I capi delle Rappresentanze sono nominati dalla Presidente e agiscono sotto la sua autorità politica, promuovendo il dialogo politico permanente con le autorità nazionali, regionali e locali, i parlamenti, le parti sociali e la società civile. Le Rappresentanze forniscono conoscenze, analisi e consulenze specifiche per paese alla Presidente e a tutti i membri del collegio, dialogano con i cittadini e, di concerto con il servizio del portavoce, promuovono l’azione dell’UE mediante attività di stampa, informazione e comunicazione. Una bella sfida per Parenti, che in questo periodo lo obbligherà a lavorare di più e che in base al suo operato potrà aprirgli molte altre strade.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY