•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini

di Mara Valsecchi

Molti settori dell’economia stanno affrontando difficoltà dovute agli effetti della pandemia e il settore culturale è tra quelli che ne hanno risentito di più. In tutta Europa sono stati cancellati spettacoli, posticipate conferenze e mostre, mentre cinema, teatri e musei sono stati chiusi e le produzioni televisive e cinematografiche sono state sospese. Chiusure e cancellazioni hanno forti ripercussioni sugli artisti che fanno affidamento su eventi e produzioni per guadagnarsi da vivere.

In molti stati membri sono state introdotte misure specifiche per aiutare i lavoratori del mondo culturale. L’8 aprile i ministri europei della cultura hanno discusso le misure per alleviare le conseguenze della crisi nel settore culturale e creativo. Nella risoluzione votata il 17 aprile gli eurodeputati avevano chiesto maggior sostegno alla cultura da parte dell’UE evidenziando le ripercussioni della pandemia sul settore culturale e le difficoltà affrontate dagli artisti in questo periodo di crisi. L’UE sta intervenendo per tutelare i posti di lavoro, ma la peculiarità del settore culturale di cui fanno parte artisti, piccole imprese e organizzazioni benefiche rende più difficile per i lavoratori riuscire a qualificarsi per il sostegno. Per questo motivo la commissione Cultura del Parlamento europeo sta chiedendo all’UE di creare aiuti specifici per sostenere il settore durante la crisi. Gli eurodeputati hanno suggerito alcune raccomandazioni per il settore culturale in una lettera indirizzata al Commissario per il mercato interno Thierry Breton e alla Commissaria per la cultura Mariya Gabriel.

Nella lettera gli eurodeputati avevano richiesto un aumento dei finanziamenti per il programma affinché i fondi dell’UE raggiungano il settore culturale. Infine gli eurodeputati hanno sollecitato la creazione di uno strumento finanziario ad hoc nel quadro del Fondo europeo per gli investimenti per convogliare finanziamenti al settore della cultura

Sabine Verheyen, presidente della Commissione per la cultura, ha detto che occorre fare di più a livello dell’UE per fornire sostegno su misura ai lavoratori del settore culturale fino a quando non si tornerà alla normalità.

Gli obiettivi chiave dell’Eu a sostegno della cultura
  • Supporto necessario per i media, con ricavi pubblicitari in calo dell’80%
  • Assicurare che il sostegno dell’UE raggiunga le PMI della cultura, i singoli creatori e le organizzazioni benefiche
  • Creare un fondo di emergenza per i media, stanziare fondi strutturali per la cultura e rafforzare lo strumento di garanzia

Fondo di sostegno di emergenza per i media

I settori dei media e della stampa svolgono attualmente un ruolo cruciale nel fornire informazioni accurate e rapporti accurati. Sono un antidoto critico alle notizie false e alla disinformazione, affermano i deputati. Tuttavia, il settore è attualmente colpito duramente, con un calo dell’80% delle entrate pubblicitarie in alcuni Stati membri e l’incertezza è l’unica certezza per il futuro.

I deputati chiedono alla Commissione di esplorare anche il potenziale di un fondo di emergenza per sostenere il settore dei media e della stampa, attingendo a fondi che non possono essere spesi nell’ambito di altri programmi a causa della pandemia di COVID-19

Cultura e settore creativo: aiutare i singoli creatori

Sottolineano che il settore culturale e creativo è composto da molti singoli creatori e PMI, nonché da enti di beneficenza. Il loro status spesso rende più difficile per loro beneficiare di regimi di sostegno nazionali o dell’UE.

Inoltre, dovrebbe essere presa in considerazione anche la creazione di uno strumento finanziario ad hoc nell’ambito del Fondo europeo per gli investimenti per convogliare fondi nel settore

Sabine Verheyen
(Photo: © FKPH)
La risposta dell’UE alla risposta COVID-19 è un buon inizio, ma è necessario fare di più

“Le modifiche alle norme sui fondi strutturali concordate i giorni scorsi dal Parlamento europeo possono contribuire a sbloccare finanziamenti aggiuntivi. I progetti che hanno a che fare con l’impatto della pandemia COVID-19 ora possono beneficiare di finanziamenti al 100% e le regole di concentrazione tematica sono state allentate, quindi i fondi possono essere più facilmente indirizzati dove sono maggiormente necessari “, ha affermato Sabine Verheyen (PPE, commissione per la cultura del PE, DE). “Questo denaro deve raggiungere rapidamente i settori culturali e creativi e dei media rispondendo ai modelli di business specifici e alle loro esigenze particolari. Chiediamo alla Commissione e agli Stati membri di garantire che i regimi di sostegno raggiungano tutti coloro che ne hanno bisogno. Ma dobbiamo anche fare di più a livello dell’UE per fornire un sostegno personalizzato ai settori, nonché per fornire credito e accesso per finanziare il settore culturale e creativo ”, ha aggiunto.

Sono decine di migliaia gli attori e le attrici ai quali sono saltate tournée teatrali e produzioni cinematografiche, non si sa quando potranno riprendere a lavorare

Lo scorso marzo, nel decreto #Cura Italia è stato approvato dal Consiglio dei Ministri un fondo di 20 milioni di euro, (N.d.R. che fanno parte del fondo di 130 milioni destinato dal decreto “Cura Italia” alle emergenze dello spettacolo e del cinema) da destinare alle “realtà delle arti performative che non hanno ricevuto contributi provenienti dal FUS (Fondo Unico per lo Spettacolo) nel 2019, contenente le misure che verranno messe in atto per supportare l’economia italiana e i lavoratori nel corso dei prossimi mesi, a seguito dell’emergenza pandemia.

“Nessun artista verrà dimenticato: nessun attore, nessun musicista così come nessun lavoratore del mondo dello spettacolo. Non parlo delle grandi star, che hanno le spalle robuste, parlo delle professionalità più indifese: le prime misure sono a loro tutela”, ha spiegato Franceschini durante il question time alla Camera


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!