[gtranslate] LVMH FA CAUSA A TIFFANY E ACCUSA IL GIOIELLIERE AMERICANO DI CATTIVA CONDOTTA - WHAT-U

di Pamela Sacchi

LVMH Moët Hennessy Louis Vuitton ieri ha dichiarato che non andrà avanti con l’acquisizione da 16,2 miliardi di dollari di Tiffany & Co., aggiungendo che ora intende intraprendere un’azione legale contro il gioielliere americano, accusandolo di “disonestà” e cattiva gestione durante il crisi del Coronavirus. Un’accusa pesante che ha lasciato tutti di sorpresa anche perché sia l’annuncio dell’acquisizione sia quello del ritiro da uno degli accordi più importanti dell’anno non ha fatto solo danni all’immagine ma alle finanze di entrambi. Con il risultato che Tiffany ha deciso di fare causa a LVMH per costringere il gruppo a finalizzare l’acquisizione e LVMH ora farà causa a Tiffany per difendere il suo diritto a dire di no. E riconquistare la fiducia dei suoi azionisti che si sono trovati in mezzo a una querelle che ha lasciato basiti anche loro.

Oggi LVMH, ha detto che Tiffany vuole obbligarli a rispettare gli obblighi contrattuali ai sensi dell’accordo di fusione” e si è detta sorpresa dall’azione legale, che desidera intraprendere il gruppo americano.

“LVMH si difenderà vigorosamente. La lunga preparazione di questo incarico dimostra la disonestà di Tiffany nei suoi rapporti con LVMH. Questa azione si basa essenzialmente sull’accusa di Tiffany che LVMH non ha intrapreso le misure ragionevolmente necessarie per ottenere le approvazioni delle varie autorità di regolamentazione in modo tempestivo “, si legge nella dichiarazione. “Questa accusa non ha fondamento e LVMH lo dimostrerà alla Corte del Delaware. A tal proposito, il deposito a Bruxelles avverrà, come previsto, nei prossimi giorni e questo è semplicemente il risultato della programmazione fissata dalla Commissione Europea, di cui Tiffany è perfettamente a conoscenza. È legittimo aspettarsi che questa autorizzazione sarà ottenuta in ottobre “.

LVMH ha anche ribadito la sua delusione per la gestione di Tiffany durante la crisi del Coronavirus, che ha intaccato fortemente le vendite di lusso.

“I risultati del primo semestre e le sue prospettive per il 2020 sono molto deludenti e significativamente inferiori a quelli di marchi comparabili del Gruppo LVMH durante questo periodo”, ha affermato il colosso francese. “LVMH ritiene, tra le altre cose, che questo periodo sia stato influenzato da un effetto negativo sostanziale, che Tiffany non abbia seguito un normale corso degli affari, in particolare distribuendo dividendi sostanziali quando la società era in perdita e che il funzionamento e l’organizzazione di questa società non andavano bene”. Per la serie non è tutto ora quel luccica.

“LVMH conferma quindi che le condizioni necessarie per la conclusione dell’acquisizione di Tiffany non sono soddisfatte”. Ora la decisione finale spetta ai giudici.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY