[gtranslate] MEGHAN E HARRY PROFESSIONE PODCASTER - WHAT-U

Il principe Harry con la moglie Meghan Markle
(ph. Getty Images)

di Patrizia Vassallo

Meghan Markle e il principe Harry diventeranno podcaster. In barba ai propositi di riservatezza e alla privacy tanto acclamata, il Duca e la Duchessa di Sussex, scrive Page Six, oggi hanno firmato un accordo multimilionario con Spotify per produrre i propri podcast.

Ed entro questo mese pubblicheranno uno speciale per le vacanze che ospiterà “storie di speranza raccontate da ospiti ispiratori per celebrare il nuovo anno”, in collaborazione con lo studio Gimlet di Spotify.

La coppia, che si è trasferita a Montecito, in California, all’inizio di quest’anno dopo avere detto addio a ruoli e impegni da reali, ha dichiarato: “Ciò che amiamo del podcasting è che ricorda a tutti noi di prenderci un momento per ascoltare davvero, di connetterci. L’un l’altro senza distrazioni” ha detto la coppia. “Con le sfide del 2020, non c’è mai stato un momento per farlo, perché quando ci ascoltiamo e ascoltiamo le storie degli altri, ci viene ricordato quanto siamo tutti interconnessi”.

Dawn Ostroff, chief content and advertising business officer di Spotify, che aveva già firmato un accordo con Michelle Obama per il servizio, che ha 320 milioni di utenti in tutto il mondo, ha dichiarato: “Il Duca e la Duchessa di Sussex possono vivere in California, ma il potere delle loro voci riposa nel loro status di cittadini del mondo. Il fatto che stiano abbracciando la straordinaria capacità dei podcast su Spotify mentre cercano anche di elevare le voci sottorappresentate è una testimonianza del loro apprezzamento per il potenziale della narrazione audio”, ha aggiunto.

“Così ora gli utenti di Spotify saranno in grado di ascoltare direttamente il Duca e la Duchessa, da questa piattaforma globale”.

La prima serie completa di Archewell Audio e Spotify è prevista per il prossimo anno.

I Sussex che continuano a sottolineare che desiderano continuare a essere finanziariamente indipendenti dalla famiglia reale, hanno già firmato un mega accordo anche con Netflix (esattamente come fecero l’ex presidente Barack Obama e l’ex first lady Michelle nel 2018).


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY