L’OMS PUBBLICA NUOVE LINEE GUIDA SULL’ABORTO PER AIUTARE I PAESI A FORNIRE CURE SALVAVITA


Credito: Elijah Nouvelage Getty Images

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) oggi ha pubblicato sul suo sito nuove linee guida sulla cura dell’aborto, nel tentativo di proteggere la salute di donne e ragazze e aiutare a prevenire oltre 25 milioni di aborti non sicuri che attualmente si verificano ogni anno.

“Offrire assistenza per un aborto sicuro è una parte cruciale dell’assistenza sanitaria”, ha affermato Craig Lissner, direttore ad interim per la salute e la ricerca sessuale e riproduttiva dell’OMS. “Quasi tutti i decessi e le lesioni risultanti da un aborto non sicuro sono del tutto prevenibili. Ecco perché consigliamo alle donne e alle ragazze di accedere ai servizi di aborto e pianificazione familiare quando ne hanno bisogno”.

Sulla base delle più recenti evidenze scientifiche, queste linee guida consolidate riuniscono oltre 50 raccomandazioni che abbracciano la pratica clinica, l’erogazione di servizi sanitari e gli interventi legali e politici a sostegno di un’assistenza abortiva di qualità.

Nuove raccomandazioni per migliorare l’accesso a servizi di alta qualità incentrati sulla persona

Quando l’aborto viene praticato con una metodica raccomandata dall’OMS, adeguata alla durata della gravidanza e assistita da qualcuno con le informazioni o le competenze necessarie, è una procedura semplice ed estremamente sicura. Tuttavia, solo circa la metà di tutti gli aborti avviene in queste condizioni, tutti gli altri vengono portati a termine con modalità non sicure che causano circa 39.000 morti ogni anno o migliaia di ricoveri in ospedale per complicazioni. La maggior parte di questi decessi si concentra nei paesi a basso reddito – oltre il 60 per cento in Africa e il 30 per cento in Asia – e tra quelli che vivono nelle situazioni più vulnerabili.

Le linee guida includono raccomandazioni su molti semplici interventi a livello di assistenza primaria che migliorano la qualità dell’assistenza abortiva fornita a donne e ragazze. Questi includono la condivisione dei compiti da parte di una gamma più ampia di operatori sanitari; garantire l’accesso alle pillole abortive mediche, il che significa che più donne possono ottenere servizi di aborto sicuri e assicurarsi che informazioni accurate sulle cure siano disponibili a tutti coloro che ne hanno bisogno. Per la prima volta, le linee guida includono anche raccomandazioni per l’uso, quando possibile, della telemedicina, che ha contribuito a sostenere l’accesso all’aborto e ai servizi di pianificazione familiare durante la pandemia di COVID-19.

La rimozione delle barriere politiche non necessarie facilita l’accesso sicuro all’aborto

Oltre alle raccomandazioni cliniche e di erogazione dei servizi, le linee guida raccomandano di rimuovere gli ostacoli politici non necessari dal punto di vista medico all’aborto sicuro, come la criminalizzazione, i tempi di attesa obbligatori, il requisito che l’approvazione debba essere data da altre persone (ad es. partner o familiari) o istituzioni e limiti su quando durante la gravidanza può aver luogo un aborto. Tali barriere possono portare a ritardi critici nell’accesso alle cure e mettere le donne e le ragazze a maggior rischio di aborti non sicuri, stigmatizzazione e complicazioni per la salute, aumentando al contempo le interruzioni dell’istruzione e della loro capacità di lavorare.

Mentre la maggior parte dei paesi consente l’aborto in circostanze specifiche, circa 20 paesi non forniscono basi legali per l’aborto. Più di 3 in 4 paesi hanno sanzioni legali per l’aborto, che possono includere lunghe pene detentive o pesanti multe per le persone che hanno o assistono la procedura.

“È fondamentale che un aborto sia sicuro in termini medici”, ha affermato la dott.ssa Bela Ganatra, capo dell’Unità per la prevenzione dell’aborto pericoloso dell’OMS. “Ma da solo non basta. Come per qualsiasi altro servizio sanitario, l’assistenza all’aborto deve rispettare le decisioni e i bisogni delle donne e delle ragazze, garantendo che siano trattate con dignità e senza stigma o giudizio. Nessuno dovrebbe essere esposto ad abusi o danni come essere denunciato alla polizia o messo in prigione perché ha chiesto o fornito cure per l’aborto”.

L’evidenza mostra che limitare l’accesso agli aborti non riduce il numero di aborti che vengono effettuati. In effetti, è più probabile che le restrizioni spingano le donne e le ragazze verso procedure non sicure. Nei paesi in cui l’aborto è più limitato, solo 1 aborto su 4 è sicuro, rispetto a quasi 9 su 10 nei paesi in cui la procedura è ampiamente legale.

“L’evidenza è chiara: se si vogliono prevenire gravidanze indesiderate e aborti non sicuri, è necessario fornire alle donne e alle ragazze un pacchetto completo di educazione sessuale, informazioni e servizi accurati sulla pianificazione familiare e l’accesso a cure di qualità per l’aborto”, ha aggiunto il Dr. Rinesh Ganatra .

Dopo il lancio delle linee guida, l’OMS sosterrà i paesi interessati ad attuare queste nuove linee guida e a rafforzare le politiche e i programmi nazionali relativi ai servizi di contraccezione, pianificazione familiare e aborto, aiutandoli a fornire i più alti standard di cura per donne e ragazze.

Un database online interattivo contenente informazioni complete sulle leggi, le politiche, gli standard sanitari e le linee guida sull’aborto per tutti i paesi è disponibile su https://abortion-policies.srhr.org .


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!