IL PRESIDENTE BIELORUSSIA LUKASHENKO: “IL VERO PERICOLO SONO LE ARMI BIOLOGICHE E INFORMATICHE”. SOLO UN PASSO INDIETRO DI BIDEN POTREBBE FERMARE LA GUERRA


Il presidente bielorusso Lukashenko con il presidente russo Vladimir Putin

Il presidente russo Vladimir Putin ha avuto un altro colloquio telefonico, il secondo in una settimana dopo quello del 14 marzo, con il primo ministro lussemburghese Xavier Bettel, scrive l’agenzia di stampa del Cremlino,Tass.”Di fatto hanno ripreso il filo riguardo quanto si erano detti durante la loro precedente telefonata, le parti hanno discusso della situazione in Ucraina e nel Donbass”, si legge nel comunicato.

Putin ha spiegato al primo ministro lussemburghese le motivazioni dell’operazione militare speciale della Russia nel Donbass e lo ha informato sui dettagli degli ultimi colloqui con l’Ucraina. Il 24 febbraio, il presidente russo Vladimir Putin aveva annunciato un’operazione militare speciale su una richiesta dei capi delle repubbliche del Donbass che a suo dire volevano sganciarsi dall’egida ucraina.  Il leader russo ha sottolineato che Mosca non aveva intenzione di occupare i territori ucraini e l’obiettivo “era smilitarizzare e denazificare il Paese”.

Putin ha poi evidenziato a Bettel il pericolo delle attività biologiche militari degli Stati Uniti in Ucraina che ha segnalato anche con una dichiarazione scitta in una nota diramata dal Cremlino sabato. “È stato anche sottolineato che le attività biologiche militari degli Stati Uniti in Ucraina sono inaccettabili e rappresentano un grande pericolo sia per la Russia sia per l’intera Europa”. Putin ha poi accusato l’Ucraina di svolgere attività volte alla creazione di componenti per armi biologiche. E riavvolgendo il nastro del tempo al passato, lo fece anche anche nel 2015, quando puntò il dito contro gli Stati Uniti, rei, a suo avviso, di volere espandere la rete dei suoi laboratori biologici militari nei paesi vicini alla Russia minimizzando comunque i loro sforzi.

Bombardamento dell’esercito ucraino

Putin durante l telefonata con Bettel ha parlato anche delle vittime civili nei bombardamenti dell’esercito ucraino delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk (DPR, LPR) accusando l’Ucraina di continui attacchi contro Donetsk e altre città del Donbass. Bettel, a sua volta, ha informato Putin sui suoi contatti con le autorità ucraine e con i leader di altri paesi. 

Ieri il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha affermato che i paesi occidentali stanno spingendo il governo ucraino a iniziare una guerra. “L’Occidente li ha spinti verso questa guerra”, ha detto in un’intervista alla televisione giapponese TBS che è stata pubblicata sul canale YouTube Belarus-1. Il leader bielorusso ha affermato che Kiev ha imposto sanzioni alla Bielorussia anche prima dell’Occidente. “Hanno chiuso l’opportunità per noi di sorvolare l’Ucraina, il che significa che hanno chiuso il cielo e limitato tutti i voli”, ha detto.

Attività militari

Le attività militari in Ucraina finirebbero rapidamente se gli Stati Uniti prendessero posizione a favore della pace, ma è improbabile che Washington faccia una mossa del genere, ha affermato il presidente bielorusso. “La guerra potrebbe finire rapidamente se lui [[il presidente degli Stati Uniti Joe Biden] facesse una telefonata e gli Stati Uniti prendessero posizione a favore dell’instaurazione della pace sul suolo ucraino. Tuttavia, è improbabile che faccia una chiamata del genere “Il motivo è che l’attuale situazione in Ucraina è benefica per gli americani. Questo è ciò di cui l’America ha bisogno”, ha sottolineato Lukashenko.

Secondo lui, o la Russia e l’Ucraina possono porre fine alle ostilità firmando un accordo o gli Stati Uniti, ordinando alle autorità ucraine di interrompere le attività militari. Il presidente bielorusso ritiene che se Washington farà un passo del genere, l’Unione Europea e altri paesi lo sosterranno.

Donbass e Russia

La Bielorussia era pronta a schierare guardie di frontiera al confine tra Donbass e Russia, ma l’Ucraina ha respinto l’iniziativa, ha affermato il presidente bielorusso Alexander Lukashenko. “Ho fatto di tutto per prevenire la guerra e mantenere la pace lì prima che scoppiasse un conflitto tra Ucraina e Russia. Ero persino pronto a bloccare il confine tra Donbass e Russia. È lungo 400 chilometri ed ero pronto a schierare sul mio confine guardie e fornire altra assistenza all’Ucraina. La Russia ha accettato, ma l’Ucraina ha rifiutato. Perché? Perché l’Occidente li stava spingendo a lanciare questa guerra”, ha sottolineato Lukashenko, aggiungendo che l’Ucraina ha imposto sanzioni alla Bielorussia anche prima dei paesi occidentali. In particolare, Kiev chiudesse lo spazio aereo del Paese agli aerei bielorussi.

Le economie

Le economie di Russia e Bielorussia sono praticamente indivisibili, ha affermato Lukashenko. “Economicamente, sono sistemi praticamente indivisibili”, ha detto. “Siamo così radicati nel sistema manifatturiero russo e la Russia nel sistema bielorusso che la rottura dei legami di cooperazione causerebbe una catastrofe economica”, ha affermato. “In secondo luogo, abbiamo un mercato comune”, ha continuato Lukashenko. “Spediamo in Russia probabilmente la metà dei nostri prodotti. È il nostro mercato principale”. Russia e Bielorussia, ha affermato, sono “praticamente un’entità in termini di produzione, economia e mercato comune per le vendite”. Questo vale anche per le forze armate dei paesi in quanto sono un unico gruppo, ha affermato il presidente. “Siamo molto legati”, ha detto Lukashenko. 

Zelensky

Il presidente ucraino Vladimir Zelensky ha scarso controllo sui processi in corso nel paese, ha affermato Lukashenko. “Al momento posso solo esprimere il mio punto di vista su Volodya Zelensky. Credo che abbia scarso controllo sui processi in Ucraina”, ha sottolineato Lukashenko. “Anche prima del conflitto, non ha cercato di approfondire questi processi. Tuttavia, non è una persona stupida e speravo che man mano potesse acquisire esperienza per gestire adeguatamente la situazione in Ucraina, ma non è successo ed è scoppiato un conflitto”, ha aggiunto il presidente bielorusso.

Il governo ucraino

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha affermato che la Russia ha ragioni per diffidare dell’attuale governo ucraino. “Nel 2014 è stato raggiunto un cessate il fuoco sulla base degli accordi di Minsk. Le truppe sono state ritirate e com’ è finita? Che è nata questa guerra. Quindi, la Russia ha tutte le ragioni per non fidarsi dell’attuale governo ucraino”, aggiungendo che la Russia ha fissato obiettivi per le sue operazioni in Ucraina che “raggiungerà sicuramente”.

La Bielorussia resta neutrale

La Bielorussia rimane neutrale nel conflitto in Ucraina e farà di tutto per contribuire a porvi fine, ha affermato il presidente bielorusso. “Faremo di tutto per aiutare a porre fine a questo conflitto”, ha affermato “restando neutrali”. “Se qualcuno non ha nient’altro da fare, può condannare la Russia o l’Ucraina. Quanto a noi, dobbiamo fare sforzi per porre fine al conflitto in modo che tutti noi potessimo iniziare a costruire relazioni amichevoli per porre fine alla guerra”, ha aggiunto Lukashenko.

Armi cibernetiche

Le armi informatiche rappresentano un pericolo maggiore per l’umanità rispetto alle armi nucleari, ha detto il presidente bielorusso a un giornalista giapponese dopo un’intervista con la società di trasmissione giapponese TBS. “Le armi nucleari non saranno una fonte di pericolo in futuro poiché ci sono cose più pericolose delle armi nucleari. Queste includono armi biologiche e armi informatiche“, ha detto Lukashenko, in un video pubblicato su un canale Telegram vicino al servizio stampa presidenziale bielorusso. Secondo Lukashenko, “l’umanità non si è ancora resa conto del pericolo, in particolare quello proveniente dalle armi informatiche”. “Tutti tremano alla menzione delle armi nucleari, ma le armi informatiche sono più spaventose”, ha osservato il presidente bielorusso, aggiungendo che sono anche difficili da rilevare e le persone “non sono ancora pronte a temere la criminalità informatica e le armi informatiche”.

La Russia sarà in grado di completare

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha affermato che la Russia sarà in grado di completare da sola la sua operazione militare speciale in Ucraina e che a Minsk non verrà chiesto di intervenire. “Hanno abbastanza personale, hanno abbastanza equipaggiamento, che è lo stesso che abbiamo noi, ma ancora più avanzato”, ha continuato. “Quindi, la Russia sarà in grado di gestire questo problema senza la Bielorussia, senza il Giappone o qualsiasi altro paese”.

L’Ucraina non dovrebbe essere un punto d’appoggio per attaccare

Lukashenko ha affermato che l’Ucraina non dovrebbe possedere armi nucleari, minacciare la Russia e vietare alle persone che vivono nel paese di parlare la lingua che desiderano perché “ci sono molti russi lì. In nessun modo il nazismo dovrebbe prosperare lì [in Ucraina]”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!