PUTIN DICE SÌ A UN INCONTRO CON ZELENSKY, MA PRIMA OCCORRE REDIGERE UN PATTO SCRITTO


Il presidente russo Vladimir Putin non ha mai rifiutato in linea di principio di tenere un incontro con il presidente ucraino Vladimir Zelensky, ma è necessario redigere un documento prima che tale incontro possa essere organizzato, ha affermato oggi il portavoce presidenziale Dmitry Peskov.

“Non c’è alcuna novazione dettagliata su questo problema”, ha detto Peskov parlando in un briefing quotidiano. “Abbiamo già parlato di questo incontro dicendo che in linea di principio il presidente [russo] non l’ha mai rifiutato, ma prima di questo incontro devono essere concordate alcune condizioni, vale a dire un testo del documento”. Il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan martedì ha dichiarato di ritenere che solo Ankara è in grado di aiutare a raggiungere progressi nei negoziati in corso tra Russia e Ucraina. Tuttavia, il presidente russo Putin martedì ha dichiarato che Kiev ha portato nuovamente i negoziati con Mosca in un vicolo cieco allontanandosi dagli accordi raggiunti durante il round di Istanbul.

I negoziati russo-ucraini sono iniziati il ​​28 febbraio con diversi incontri tra le due delegazioni ch si sono svolti in Bielorussia. Successivamente, i colloqui sono proseguiti in videoconferenze. Il 29 marzo si è tenuto a Istanbul un nuovo ciclo di colloqui vis à vis

L’operazione militare speciale della Russia in Ucraina

Il 21 febbraio, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato il riconoscimento della sovranità delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk. La Russia ha riconosciuto le repubbliche del Donbass in conformità con le costituzioni DPR e LPR entro i confini delle regioni di Donetsk e Lugansk dall’inizio del 2014.

Il presidente russo Putin ha dichiarato in un discorso televisivo il 24 febbraio che in risposta a una richiesta dei capi delle repubbliche del Donbass aveva deciso di effettuare un’operazione militare speciale in Ucraina al fine di proteggere le persone “che hanno subito abusi e il genocidio del regime di Kiev per otto anni”. Ovviamente le sue sono dichiarazioni di propaganda, il cui scopo è quello di non prendersi la responsabilità di crimini di guerra che lo faranno passare alla storia, certamente non dalla parte degli eroi.

Il rapporto dell’OSCE sull’Ucraina

Il commissario russo per i diritti umani, Tatyana Moskalkova, si è scagliata contro il rapporto dell’OSCE sull’Ucraina dicendo che è stato scritto con notizie false ucraine contenenti accuse contro la Russia. La Moskalkova ha detto sul suo canale Telegram che nel rapporto OSCE sugli eventi in Ucraina dal 24 febbraio al 1 aprile, gli analisti sono giunti alla conclusione che le forze russe erano responsabili del bombardamento dell’ospedale pediatrico e del teatro di Mariupol. “È deplorevole che il rapporto dell’OSCE consista interamente in notizie false che accusano la Russia. Devo sottolineare che questo tipo di approccio non è affatto d’accordo con i principi dei sistemi di analisi e giornalismo statunitensi ed europei, che richiedono la presentazione dell’opinione di tutte le parti preoccupato”, ha detto Moskalkova sul suo canale Telegram. Allo stesso tempo, ha osservato che “non è successo nulla di nuovo, perché la missione OSCE per sette anni ha accuratamente ignorato i bombardamenti di civili dell’esercito ucraino nel Donbass”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!