Russian President Vladimir Putin (R) and Russian Foreign Minister Sergei Lavrov (L) attend the main session for the International Libya Conference in Berlin, Germany, 19 January 2020. ANSA/SEAN GALLUP / POOL

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov parlando al telefono con il suo omologo turco Mevlut Cavusoglu dell’operazione militare speciale della Russia nel Donbass, assieme alle milizie delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, ha evidenziato la sua disponibilità a cooperare con tutte le forze costruttive al fine di trovare una soluzione rapida e sostenibile alla questione ucraina nell’interesse della pace e della stabilità”.

Ieri il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha affermato che le forze armate russe non dovrebbero vincere in Ucraina. Lo ha detto in una conferenza stampa dopo i colloqui che i leader occidentali ossia i presidenti Joe Biden degli Stati Uniti, Emmanuel Macron della Francia, Andrzej Duda della Polonia, Klaus Iohannis della Romania, il primo ministro britannico Boris Johnson, il primo ministro italiano Mario Draghi, il primo ministro giapponese Fumio Kishida, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, europeo La presidente della Commissione Ursula von der Leyen e il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, hanno tenuto tramite collegamento video. 

“Insieme ai nostri partner nell’UE e nella NATO siamo completamente uniti nell’opinione che la Russia non deve vincere questa guerra”, ha affermato Scholz. Il cancelliere si è rivolto direttamente al presidente russo Vladimir Putin, dicendo: “Smettete di bombardare le città ucraine. Consentite di stabilire un cessate il fuoco immediato e ritirate le vostre truppe. Fermate questa guerra orribile”.

Russia e Armenia sempre più solidali

Le relazioni tra Russia e Armenia sono ai massimi livelli, inclusa la cooperazione in tutte le industrie chiave di entrambi i paesi, ha affermato martedì il primo ministro armeno Nikol Pashinyan durante la sua visita ufficiale a Mosca al presidente russo Vladimir Putin. “Questa visita non è solo di importanza pratica, ma anche di significato simbolico, perché è dedicata ai 30 anni di relazioni diplomatiche tra i nostri paesi e mostra che le relazioni tra i nostri Stati sono di altissimo livello”, ha detto il premier armeno. “Manteniamo contatti permanenti, spesso ci incontriamo, teniamo conversazioni telefoniche”, ha continuato Pashinyan. “La nostra agenda di relazioni bilaterali è ricca, a cominciare da questioni di economia per finire con questioni di cooperazione culturale, militare e tecnica”.

Il presidente russo ha osservato che le Giornate della cultura armena in Russia e le Giornate della cultura spirituale russa in Armenia sono state annunciate prima della visita del primo ministro armeno e del 30° anniversario dell’instaurazione delle relazioni diplomatiche tra i due paesi.

Pashinyan è arrivato martedì in visita ufficiale di due giorni in Russia. Oltre ai colloqui con il presidente russo, Pashinyan ha pianificato di incontrare il suo omologo russo, Mikhail Mishustin, il presidente della Duma di Stato russa (la camera bassa del parlamento russo) Vyacheslav Volodin e il presidente del Consiglio della Federazione (la camera alta del parlamento russo) Valentina Matvienko.

Un altro passo indietro del Regno Unito

Le autorità britanniche intendono revocare lo status di borsa riconosciuta dalla borsa di Mosca, ha affermato martedì HM Revenue & Customs (HMRC).

“L’autorità fiscale del Regno Unito, HM Revenue and Customs (HMRC), ieri martedì 19 aprile, ha annunciato la sua intenzione “di revocare lo status della Borsa di Mosca (MOEX) come borsa valori riconosciuta”, ha affermato l’autorità. “Ciò significa che gli investitori non saranno in grado di accedere ad alcuni vantaggi fiscali del Regno Unito in futuro quando negoziano titoli su MOEX, sebbene gli investimenti esistenti saranno protetti”, ha aggiunto. “Lo status di borsa valori riconosciuta è una classificazione fornita dall’HMRC a fini fiscali, su richiesta, alle borse valori qualificate. I titoli negoziati su una borsa valori riconosciuta possono beneficiare di determinati trattamenti e sgravi fiscali”, ha affermato l’autorità fiscale. L’HMRC ha avviato una consultazione di due settimane con una bozza di ordine di revoca allegato e ha invitato i commenti delle parti interessate prima che la decisione fosse finalizzata, ha aggiunto.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!