[gtranslate] MUSK LANCIA IL SUO TOKEN PER FARE IL GRANDE PASSO NELL'INTELLIGENZA ARTIFICIALE - WHAT-U

Detto, fatto. Dal pensiero alla realtà per Elon Musk è un attimo. Lo ha dimostrato con TruthGPT ($TRUTH) un token gestito dalla comunità costruito sulla Binance Smart Chain. Il token è nato quasi per scherzo, da un suo tweet fino a diventare realtà a tutti gli effetti.

Il miliardario ha dichiarato che lancerà un’intelligenza artificiale, che chiamerà “TruthGPT”, in un’apparente sfida a ChatGPT, il popolare chatbot di OpenAI.

“Inizierò qualcosa che chiamo ‘TruthGPT’, o un’intelligenza artificiale massima alla ricerca della verità che cerca di comprendere la natura dell’universo”, ha detto Musk in un’intervista con Tucker Carlson di Fox News Channel lunedì 17 aprile . “E penso che questo potrebbe essere il miglior percorso verso la salvezza, nel senso che un’intelligenza artificiale che si preoccupa di comprendere l’universo, è improbabile che annichilisca gli esseri umani perché siamo una parte interessante dell’universo”, ha rimarcato. Musk il mese scorso ha registrato una società denominata X.AI Corp, costituita in Nevada, di cui lui risulta amministratore unico. Co-fondatore di OpenAI nel 2015, nel 2018 si è dimesso dal consiglio di amministrazione dell’azienda spiegando successivamente via Social di averlo fatto perché doveva concentrarsi su Tesla e SpaceX. “In quel momento Tesla stava gareggiando per alcune persone di OpenAI”, ha precisato Musk, “e non ero d’accordo con alcune delle cose che il team OpenAI voleva fare”. Musk, CEO di Tesla e SpaceX, l’anno scorso è diventato anche CEO di Twitter, la piattaforma di social media che ha acquistato per 44 miliardi di dollari. insomma mai dire mai soprattutto per Elon.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY