[gtranslate] ITALIANI, 1 SU 3 PREOCCUPATO DALLE FAKE NEWS E DAGLI EFFETTI DI DIPENDENZA CREATA DAI SOCIAL - WHAT-U

Fake news, distacco dalla realtà e dipendenza rappresentano i rischi principali legati alla comunicazione online e all’utilizzo dei social network per gli italiani. Secondo un’indagine realizzata da SWG per Parole O_Stili, realtà dal 2017 impegnata nel contrasto del fenomeno della violenza delle parole online e offline, 1 italiano su 3 (33%) è preoccupato dalle false notizie in Rete, il 29% teme di distaccarsi dalla realtà a causa dell’uso di dispositivi tecnologici, mentre il 24% ha paura di sviluppare una dipendenza da social. I risultati della rilevazione sono stati realizzati in occasione della  sesta edizione del Festival della Comunicazione non ostile che si terrà a Trieste il 26 e 27 maggio. Lo studio, condotto su un campione di 1.200 soggetti maggiorenni, evidenzia una crescita nella percezione di questi tre fattori di rischio rispetto al 2017 quando i principali timori erano relativi prevalentemente al rischio di furto di dati personali (29%). Numeri oggi in calo, con il -18% sul timore di violazioni della privacy e  -9% per il furto di dati personali. Rimane stabile all’11% il dato relativo alla preoccupazione per l’odio e alla violenza in rete che, l’82% del campione, reputa la “nuova normalità” del modo di comunicare della società e sul web. “La normalizzazione di disinformazione e hate speech è un dato davvero preoccupante – spiega Rosy Russo, founder di Parole O_Stili – Fotografa la profonda mancanza di fiducia che coinvolge anche  le nostre vite digitali ma che parte, prima di tutto, da una sfiducia verso la politica, le istituzioni, la scuola, il mondo del lavoro. In questa epoca post pandemica, di guerra e di necessario confronto con la diversità viviamo alla continua ricerca di punti di riferimento che sappiano darci sicurezza. Come trovarli? Anche gli stessi social non sono più “quelli di una volta”, non più solo uno strumento, ma sono una cultura da abitare. Per questo non possiamo rinunciare a vivere appieno le nostre vite digitali, ma risulta necessario fare una sorta di reset. Un riavvio totale che deve partire da ciò che di più importante abbiamo, e che anche attraverso il web possiamo curare, le relazioni.

Attenzione, impegno e cura sono le tre parole chiave che ci permetteranno di accorciare , misurare ma soprattutto percorrere le distanze, non soltanto con gli altri, ma anche con noi stessi per recuperare terreno e vivere in modo sostenibile le nostre vite online e offline”. Lo sa bene Chanel Totti , la secondogenita dell’ex capitano giallorosso Francesco Totti, molto attiva sui Social, dove lo scorso 13 maggio ha pubblicato su Instagram le foto del suo sedicesimo compleanno mentre soffiava sulle candeline di una grande torta che riportava la seguente scritta: “Reggo più alcol che persone”. Una frase provocatoria che sollevato l’indignazione di molti che non le hanno risparmiato alcuna critica. Tanti contro, ma anche tanti a favore: “Ma cosa vi indignate… ma pensate per davvero che le vostre figlie siano degli angeli fuori dalle mura di casa?”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY