SPAGNA ALLE URNE. IN GIOCO NON C'È SOLO LO SCRANNO DA PREMIER - WHAT-U

La Spagna è pronta votare. Domani 23 luglio tutti i cittadini spagnoli verranno chiamati alle urne per eleggere la 15a Cortes Generales del Regno di Spagna . Tutti i 350 seggi del Congresso dei Deputati saranno eletti, così come 208 dei 265 seggi del Senato.

Stavolta in gioco però non c’è solo lo scranno da premier, ma anche i futuri equilibri europei, visto che queste elezioni, insieme a quelle polacche, sono le ultime prima che tutta l’Unione vada alle urne l’anno prossimo. La Spagna è un paese storicamente diviso in due che assiste agli ultimi comizi dei quattro leader in lizza per la Moncloa, il palazzo dove ha sede la presidenza del Governo, in vista di un voto ancora dall’esito incerto. Le destre, il Pp e Vox insieme, potrebbero avere la maggioranza alle Cortes ma certamente non hanno un programma comune, anzi i loro leader su due sponde differenti continuano a darsi battaglia anche a suon di battute. Il Psoe e Sumar, invece, sarebbero indietro secondo gli ultimi sondaggi di una settimana fa. Ma mai come ora Sanchez e Diaz appaiono uniti e compatti, convinti di poter continuare il loro lavoro al governo. Un paradosso che emerge chiaro in questa ultima giornata di campagna elettorale, visto che domani le partite da vincere saranno due. Perché non c’è solo quella per avere la maggioranza, ma anche l’altra, molto più complicata, per formare un governo. Il candidato premier del Pp, Alberto Nunez Feijòo, è certo della vittoria: “C’è un partito, il nostro, che è pronto a vincere, e altri tre che si battono per chi guiderà l’opposizione”, continua a ripetere da giorni. Il suo obiettivo? Vincere da solo, ipotesi quanto meno remota se non impossibile, ma l’unica che gli permetterebbe di snobbare Santiago Abascal, l’alleato estremista così ingombrante ma necessario per diventare premier.

Qualche passo indietro

Il governo formato dopo le elezioni del novembre 2019 consisteva in una coalizione di sinistra tra il Partito socialista dei lavoratori spagnoli (PSOE) e Unidas Podemos , il primo governo nazionale di questo tipo in Spagna dai tempi della Seconda Repubblica spagnola . Tuttavia, il mandato del governo è stato rapidamente messo in ombra dallo scoppio della pandemia di COVID-19 nel marzo 2020, insieme alle sue conseguenze politiche ed economiche. Ossia la grave recessione globale derivante dalle ampie misure di blocco implementate per frenare la diffusione del SARS-CoV-2virus, nonché l’impatto economico dell’invasione russa dell’Ucraina nel 2022 .

Sul lato destro dello spettro politico, il Partito popolare (PP) ha subito un cambio di leadership nel febbraio 2022, a seguito di una spinta interna dei presidenti galiziano e madrileno , Alberto Núñez Feijóo e Isabel Díaz Ayuso , per rimuovere il leader del partito Pablo Casado . Dall’adesione di Feijóo, il PP ha guidato i sondaggi d’opinione ed è arrivato primo alle elezioni regionali e locali del 28 maggio 2023. L’estrema destra Vox è stata disponibile a sostenere il PP in un parlamento sospeso in cambio della partecipazione del governo e di concessioni programmatiche.

Il partito dei cittadini liberali, una volta una forza trainante, ma che ha perso la maggior parte del suo sostegno dal 2019, ha deciso di non candidarsi a queste elezioni, concentrando invece i suoi sforzi sulle elezioni del Parlamento europeo del 2024. Nonostante le speculazioni su un’elezione anticipata, l’ex primo ministro Pedro Sánchez , l’incumbent, aveva costantemente espresso la sua intenzione di completare la legislatura come previsto nel 2023. Inizialmente aveva fissato una data provvisoria per le elezioni per dicembre 2023, vicino alla conclusione della presidenza spagnola del Consiglio dell’Unione europea. Tuttavia, gli scarsi risultati del blocco di sinistra alle elezioni regionali e locali di maggio, con perdite per PP e Vox in tutte le regioni tranne tre, hanno portato a uno scioglimento anticipato a sorpresa delle Cortes in quella che è stata descritta come una scommessa di Sánchez per spiazzare l’opposizione.  



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY