[gtranslate] ARETHA FRANKLIN SUL TESTAMENTO LA SVOLTA DEI GIUDICI - WHAT-U

Sull’eredità contesa dai figli di Aretha Franklin, impegnati da tempo in una battaglia legale in mancanza di un testamento formale lasciato dalla madre, un tribunale del Michigan ha finalmente stabilito che una nota scritta a mano dalla defunta cantante è da ritenere valida come suo testamento. Nel 2019, la nipote della Franklin Sabrina Owens trovò in casa della cantante tre documenti scritti a mano. Solo uno, quello datato 2014, rinvenuto sotto un cuscino del divano, dove la donna spesso riposava, fu ritenuto di particolare importanza perché firmato dalla Franklin.

Due dei figli della Franklin, Kecalf ed Edward Franklin, attraverso i loro avvocati fino al giorno dell’attesa sentenza, hanno portato avanti la tesi che quest’ultima nota annullasse un testamento separato scritto nel 2010. La parte avversaria ossia il loro fratello, Ted White II, invece ha chiesto che il testamento del 2010 fosse ritenuto valido perché era stato trovato sotto chiave nella casa di Aretha Franklin. Il quarto figlio di Aretha Franklin, Clarence Franklin, che vive in una rsa, è stato l’unica delle parti interessate non presente al processo.

I voleri di Aretha nei vari testamenti

Il testamento più recente, del 2014, stabilisce che Kecalf e i nipoti di Aretha Franklin avrebbero diritto alla sua casa a Bloomfield Hills, Michigan. Il testamento del 2010 afferma che i suoi figli avrebbero bisogno di ottenere un certificato o una laurea in economia prima di avere diritto alla sua proprietà, ma non lo dice nella versione del 2014. Quello che è certo è che entrambe le versioni consentiranno ai quattro figli di Aretha di beneficiare di royalties musicali e diritti d’autore legati ai suoi successi.

La decisione della Corte

Sebbene molti dei documenti fossero difficili da leggere, la giuria ha concluso che ad avere valore legale testamentario fosse la nota del 2014 scritta e firmata con una faccina sorridente accanto da Aretha. L’intero patrimonio della cantante di A Natural Woman – la maggior parte dei quali è costituito da proprietà e contanti – ag oggi ammonterebbe a circa 4,1 milioni di dollari (3,2 milioni di sterline). La Franklin, incoronata “Queen of Soul” per successi come Respect, Chain of Fools e Day Dreaming, è morta nel 2018 all’età di 76 anni a causa di un cancro al pancreas.

In sunto

Nel 2019, è stato trovato un testamento, datato giugno 2010, in un bagno che il terzo figlio della defunta leggenda della musica, Ted White II, sostiene sia quello corretto. Kecalf Franklin ed Edward Franklin, secondo e quarto figlio dell’artista, affermano invece che validità dovrebbe avercela quanto scritto sul taccuino scoperto sotto un cuscino, datato marzo 2014, che indicava Kecalf come co-esecutore testamentario. in ballo c’è la villa da $ 1,2 milioni (£ 934.000) della madre a Detroit, nel Michigan. Sul secondo pezzo di carta, il nome di Ted è cancellato come esecutore testamentario e Kecalf è al suo posto e questo gli farebbe ereditare la casa.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY