[gtranslate] PHARRELL WILLIAMS IL RE MIDA DELLA MODA - WHAT-U

Dopo l’addio di Virigil Abloh, Pharrell Williams dal febbraio di quest’anno è divenuto il nuovo direttore creativo di Louis Vuitton. Ma non si è precipitato su quello scranno a spron battuto. Anzi. Pharrell prima ha discusso con i vertici di LVMH su chi potesse succedere a Virgil, offrendo nomi e condividendo opinioni anche con Alexandre Arnault, figlio del fondatore Bernard Arnault, senza rendersi conto verso la fine dei numerosi incontri che i riflettori erano già puntati su di lui. Nonostante lui si aspettasse che la scelta cadesse su Nigo, suo grande amico e collaboratore di lunga data già alla guida di un altro marchio LVMH, Kenzo. “È il mio eroe, è mio fratello ed è il generale”, ha sempre detto Pharrell parlando di lui. «L’ho difeso per un minuto. Sono sempre stato in disparte, ho solo dato consigli. Non avrei mai pensato di essere scelto per questo ruolo”, ha dichiarato il musicista designer lasciando trasparire un lieve senso di colpa nei confronti di Nigo. Va ricordato però che Pharrell aveva già lavorato direttamente con LVMH in qualità di designer in tre precedenti occasioni. Tutto merito di Pietro Beccari, anche lui in LVMH dal 2006 in qualità di Vicepresidente esecutivo Marketing e Comunicazione per Louis Vuitton, prima di diventare Presidente e CEO di Fendi nel 2012 e di Christian Dior Couture nel 2018. E poi dal febbraio 2023, Presidente e CEO di Louis Vuitton (oltre che membro del Comitato Esecutivo di LVMH). Il manager con lui aveva già avuto occasione di lavorare e di apprezzarne le doti, quando si occupava di marketing e comunicazione per Louis Vuitton. Così quando Abloh ha deciso di andarsene Williams è apparso la persona perfetta per sostituirlo. Perché è inutile negarlo tra lui e Beccari c’era già una forte sensazione di continuità. “Dopo la prematura dipartita di Virgil Abloh, non credo che avrei potuto scegliere un designer di formazione tradizionale”, ha poi ammesso Beccari. “Avevo bisogno di qualcuno che fosse, ancora una volta, connesso alle arti, che potesse toccare il cuore delle persone attraverso la musica e la moda ma anche collaborazioni”. Ed è stato lo stesso Beccari che lo ha informato Williams della decisione presa dai vertici tramite email facendogli una grande sorpresa.

“Alla fine, è l’occasione perfetta per lavorare di nuovo insieme”, gli scrisse Beccari.

La prima incursione di Pharrell con il marchio è avvenuta quasi 20 anni fa, dopo un incontro casuale con Marc Jacobs all’inaugurazione del negozio Louis Vuitton sulla 57esima strada a Manhattan. Jacobs, che all’epoca era il direttore creativo, si complimentò con Pharrell per gli occhiali da sole che indossava, disegnati da Nigo. E da quella conversazione Pharrell e Nigo iniziarono a collaborare con la maison francese lavorando assieme su una collezione di occhiali da sole LV, che venne lanciata nel 2004. Della dozzina di stili che hanno creato, uno, i Millionaires, è stato reinterpretato da Abloh durante il suo periodo in LV, e riappare nella nuova collezione di Pharrell. Jacobs e Pharrell poi hanno continuato a lavorare insieme su una campagna per LV nel 2006, e poi Pharrell si è occupato di una collezione di alta gioielleria co-progettata nel 2008. “Stava cambiando il paradigma”, raccontò poco dopo Pharrell parlando della sua esperienza di lavoro con Jacobs e LV. “A quel tempo, i musicisti venivano usati solo qua e là nelle campagne, soprattutto quelle nere. E forse avremmo potuto usare i vestiti in modo editoriale, ma non era possibile permettere alle persone che ci assomigliavano di entrare dietro il sipario e andare a disegnare e realizzare cose. Marc è stato il primo. È stato il pioniere di questo, e ora lo vedi dappertutto”.

“Sono stato attratto da Pharrell dalla sua musica, dal suo stile e dalla sua energia generale quando ci siamo incontrati per la prima volta”, ha detto Jacobs. “Credevo davvero che la via da seguire in Vuitton fosse collaborare con altri creativi, ed è quello che Pharrell era, ed è tuttora, per me: autenticamente creativo”.

E sono proprio la creatività e la curiosità di Pharrell che lo hanno portato a fare grandi passi nel mondo della moda, comprese collaborazioni a lungo termine con Adidas, Chanel e Tiffany & Co. Sarah Andelman, fondatrice dell’influente boutique di moda francese Colette, con la quale  Pharrell ha collaborato numerose volte, tornando alla sua prima collezione Adidas, che ha lanciato nel suo negozio nel 2014, e più recentemente come curatore per la casa d’aste Joopiter di Pharrell. “È lo stesso della prima volta che ci siamo incontrati”, mi dice. “Molto collaborativo, molto aperto, molto leale.”Era così così felice quando ha saputo della notizia della sua nomina in LV. E poi è generoso. Difatti vuole creare una comunità, usarla come piattaforma per aggiungere nuovi artisti o altri creativi”.

Da sei mesi Pharrell si è lasciato alle spalle le esperienze part-time in LV, e ha un ufficio tutto suo presso la sede LV a Parigi proprio di fronte al Pont Neuf nel 1° arrondissement. E ciò che indossa è diventato il suo look distintivo per questa nuova era della sua carriera: jeans LV con taglio a stivale sopra scarpe da ginnastica LV con scarponi da snowboard, una maglietta bianca del marchio Human Made dell’amico Nigo e un cappellino da baseball Human Made, con un sacco di oro- e catene di diamanti al collo e ai polsi e una griglia tutta d’oro. C’è chi dice che la quantità di oro e pietre preziose che Pharrell indossa sembra aumentare ogni volta che lo si incontra. 

Negli ultimi dieci anni circa, Pharrell ha trascorso anni come una delle celebrità vestite in modo più sgargiante, poi ha virato verso una sorta di semplicità ascetica che, ha detto, rappresentava l’umiltà che voleva proiettare dopo l’enorme successo delle sue canzoni Blurred Lines, Get Lucky e Happy. E alla fine del 2022, ha messo all’asta parte della sua collezione di ciondoli di diamanti Jacob & Co. “Ha 13 Grammy e persino nomination agli Oscar”, ha detto Beccari di lui. “Si potrebbe dire che ha un tocco da re Mida”. 

Al team di Pharrell si è aggiunto anche Pusha T . “È la vera definizione di multitasker”, ha detto di lui Pusha. “Il modo in cui può distogliere la sua attenzione da una cosa e ruotare tutto in un batter d’occhio è fantastico”. Virgil Abloh una volta disse che Pharrell aveva creato un “nuovo prototipo” per artisti neri. Naturalmente, quando Abloh è arrivato a LV, è stato lui a lanciare una nuova cultura nella maison introducendo la moda di lusso in un nuovo tipo di direzione creativa, e tutto ciò si è trasformato in un vantaggio di Pharrell. E Pharrell non poteva che ricambiare dedicando la sua prima sfilata proprio ad Abloh perché lui è uno che mette in risalto tutti. Ma soprattutto è un vero signore.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY