[gtranslate] BCE, LAGARDE COMBATTE L'INFLAZIONE CON UN ALTRO RIALZO DEI TASSI - WHAT-U

L’inflazione continua a diminuire, ma si prevede che resterà troppo elevata per troppo tempo. Ora l’obiettivo della Bce è che l’inflazione ritorni all’obiettivo di medio termine del 2% in modo tempestivo. “Per rafforzare i progressi verso il nostro obiettivo”, ha detto Christine Lagarde, presidente della Banca Centrale Europea, “il Consiglio direttivo ha deciso di aumentare i tre tassi di interesse di riferimento della BCE di 25 punti base”.

L’aumento del tasso di oggi riflette la nostra valutazione delle prospettive di inflazione alla luce dei dati economici e finanziari in arrivo, della dinamica dell’inflazione sottostante e della forza della trasmissione della politica monetaria. Le proiezioni macroeconomiche di settembre degli esperti della BCE per l’area dell’euro vedono un’inflazione media al 5,6% nel 2023, al 3,2% nel 2024 e al 2,1% nel 2025. Si tratta di una revisione al rialzo per il 2023 e il 2024 e una revisione al ribasso per il 2025. La revisione per il 2023 e il 2024 riflette principalmente un percorso più elevato per i prezzi dell’energia. Le pressioni sottostanti sui prezzi rimangono elevate, anche se la maggior parte degli indicatori ha iniziato ad attenuarsi. Gli esperti della Bce hanno leggermente rivisto al ribasso il percorso previsto per l’inflazione al netto di energia e alimentari, a una media del 5,1% nel 2023, del 2,9% nel 2024 e del 2,2% nel 2025. Le condizioni di finanziamento si sono ulteriormente inasprite e stanno frenando sempre più la domanda, il che è un fattore importante per riportare l’inflazione al livello target. Con il crescente impatto dell’ inasprimento sulla domanda interna e l’indebolimento del contesto commerciale internazionale, lo staff della BCE ha abbassato significativamente le proiezioni di crescita economica. Ora si aspettano che l’economia dell’area euro si espanda dello 0,7% nel 2023, dell’1,0% nel 2024 e dell’1,5% nel 2025. 

“Sulla base della nostra attuale valutazione, riteniamo che i tassi di interesse chiave della BCE abbiano raggiunto livelli che, mantenuti per un periodo sufficientemente lungo, daranno un contributo sostanziale al tempestivo ritorno dell’inflazione al nostro obiettivo”, ha aggiunto la Lagarde. “Le nostre future decisioni garantiranno che i tassi di interesse chiave della BCE saranno fissati a livelli sufficientemente restrittivi per tutto il tempo necessario. Continueremo a seguire un approccio dipendente dai dati per determinare il livello e la durata appropriati della restrizione. In particolare, le nostre decisioni sui tassi di interesse si baseranno sulla nostra valutazione delle prospettive di inflazione alla luce dei dati economici e finanziari in arrivo, delle dinamiche dell’inflazione sottostante e della forza della trasmissione della politica monetaria”.

Operazioni di rifinanziamento

Mentre le banche rimborsano gli importi presi in prestito nell’ambito delle operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine, il Consiglio direttivo valuterà regolarmente in che modo le operazioni mirate di prestito e il relativo rimborso in corso contribuiscono al suo orientamento di politica monetaria. Le imprese investono meno e le esportazioni diminuiscono. Il settore manifatturiero è in difficoltà e i servizi iniziano a vacillare. Ma nel tempo, un’inflazione più bassa e redditi più alti dovrebbero aiutare la ripresa dell’economia.

Il mercato del lavoro è ancora forte

Anche se l’economia si sta raffreddando, la disoccupazione rimane ai minimi storici. I salari di molte persone stanno aumentando. Ma ora si creano meno posti di lavoro, anche nei servizi. L’inflazione scende ma è ancora troppo alta. Il cibo continua a diventare più caro, anche se i prezzi non aumentano più come prima. I prezzi dei servizi, soprattutto delle vacanze e dei viaggi, mantengono elevata l’inflazione. Nei prossimi mesi l’inflazione dovrebbe scendere ulteriormente.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY