[gtranslate] NETANYAHU, ISRAELE VERSO LA PACE STORICA CON L'ARABIA SAUDITA - WHAT-U

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu oggi ha dichiarato all’Assemblea generale delle Nazioni Unite che Israele è “all’apice” di una svolta storica che porterà a un accordo di pace con l’Arabia Saudita, senza delineare un percorso chiaro sugli ostacoli significativi che deve affrontare tale un accordo. Il leader, durante tutto il suo discorso di circa 25 minuti, ha mostrato mappe contrastanti che hanno evidenziato l’isolamento di Israele al momento della sua creazione nel 1948 e i sei paesi (4 nel Duemila) che hanno normalizzato le relazioni col suo Paese nel 2020 con i cosiddetti Accordi di Abraham. “Non c’è dubbio che gli Accordi di Abraham abbiano segnato l’alba di una nuova era di pace. Ma credo che siamo al culmine di una svolta ancora più drammatica, una pace storica tra Israele e Arabia Saudita”, ha detto Netanyahu. “La pace tra Israele e Arabia Saudita creerà davvero un nuovo Medio Oriente”. Non si può nascondere però che ci sono diversi ostacoli sulla via di un simile accordo, inclusa la richiesta dei Sauditi di progredire nella creazione di uno stato palestinese, difficile da digerire per il governo di Netanyahu, il più religioso e nazionalista della storia di Israele. I sauditi stanno anche cercando un patto di difesa con gli Stati Uniti e vogliono aiuto nella costruzione del proprio programma nucleare civile, il che ha alimentato i timori di una corsa agli armamenti con l’Iran.

Il principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salman in un’intervista a Fox News questa settimana ha dichiarato che le due parti si stavano avvicinando a un accordo , senza fornire molti dettagli sui negoziati guidati dagli Stati Uniti. Rifiutandosi di specificare cosa stanno cercando esattamente i sauditi per i palestinesi. Da quando i colloqui di pace tra Israele e palestinesi si sono interrotti più di dieci anni fa, la violenza tra questi due popoli è aumentata vertiginosamente nell’ultimo anno e mezzo, e frequenti sono stati i raid militari israeliani nella Cisgiordania occupata e gli attacchi dei palestinesi contro gli israeliani che ora vogliono la maggior parte di quello che reputano il loro futuro Stato.

Il presidente palestinese Mahmoud Abbas, intervenuto giovedì all’Assemblea generale, non ha fatto alcun riferimento diretto agli sforzi per raggiungere un accordo di normalizzazione tra Israele e Arabia Saudita. Ma ha ribadito la centralità del conflitto israelo-palestinese, che non ha fatto altro che peggiorare da quando sono stati firmati gli Accordi di Abraham.

“Coloro che pensano che la pace possa prevalere in Medio Oriente senza che il popolo palestinese goda dei suoi pieni e legittimi diritti nazionali si sbagliano”, ha detto Abbas.

Netanyahu ha spesso criticato duramente dal podio dell’Assemblea Generale, i nemici di Israele. È noto che nel 2012 ha mostrato l’immagine di una bomba a forma di cartone animato per illustrare l’avanzamento dell’arricchimento dell’uranio in Iran. Nel 2020, ha affermato che Hezbollah stava accumulando esplosivi vicino all’aeroporto di Beirut, spingendo il gruppo militante alleato dell’Iran a organizzare una visita immediata di giornalisti , che hanno visto macchinari pesanti ma nessuna arma.

La mappa che ha mostrato quest’anno non faceva alcun riferimento alla Cisgiordania, a Gaza o a Gerusalemme est, territori conquistati da Israele nel 1967 e che i palestinesi vogliono per il loro futuro Stato. Ma sembrava mostrare che Israele li comprendesse tutti e tre. Durante il suo discorso l’aula era in gran parte vuota, anche se c’era un gruppo di sostenitori di Netanyahu che ha applaudito più volte durante il suo discorso. Manifestanti e sostenitori di Netanyahu hanno manifestato di fronte al quartier generale delle Nazioni Unite. Netanyahu ha poi fatto riferimento alla bomba-vignetta quando ha mostrato le mappe, estraendo un pennarello rosso e tracciando una linea che mostrava un corridoio commerciale pianificato che si estendeva dall’India attraverso il Medio Oriente fino all’Europa. L’ambizioso progetto, presentato al vertice del Gruppo dei 20 di questo mese , collegherebbe l’Arabia Saudita a Israele. Ha anche ripreso le sue critiche di lunga data all’Iran, che Israele considera la sua più grande minaccia. Netanyahu ha fatto riferimento alla repressione dell’Iran sulle proteste , alla fornitura di droni d’attacco alla Russia da utilizzare in Ucraina e alle sue attività militari in tutto il Medio Oriente.

Netanyahu ha chiesto di rafforzare le sanzioni sul programma nucleare iraniano, che è costantemente avanzato da quando gli Stati Uniti si sono ritirati da un accordo storico con l’Iran e le potenze mondiali a cui Israele si era fermamente opposto. Anche il presidente iraniano Ebrahim Raisi, presente all’Assemblea generale, ha esortato gli Stati Uniti a revocare le sanzioni per tornare all’accordo sul nucleare. L’Iran ha sempre insistito sul fatto che il suo programma nucleare è del tutto pacifico, ma gli Stati Uniti e altri credono che abbia un programma segreto sulle armi fino al 2003. Raisi ha anche negato che l’Iran abbia inviato droni alla Russia in seguito all’invasione dell’Ucraina. Funzionari statunitensi ed europei affermano che l’enorme numero di droni iraniani utilizzati dalla Russia dimostra che il flusso di tali armi si è intensificato dopo l’inizio delle ostilità. In un modo ambiguo durante il suo discorso, Netanyahu ha affermato che “soprattutto, l’Iran deve affrontare una minaccia nucleare credibile”. L’ufficio del primo ministro ha successivamente rilasciato un chiarimento, affermando che intendeva parlare di “minaccia militare credibile”. Israele, che è ampiamente ritenuto possedere armi nucleari, ma non le ha mai riconosciute pubblicamente, ha ripetutamente affermato che tutte le opzioni sono sul tavolo per impedire all’Iran di dotarsi di armi nucleari. Ora però si apre una nuova partita. E le squadre sono destinate ad allargarsi.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY