L’UE OFFRE 10 MILIONI DI EURO ALL'OMS PER COMBATTERE DROGA E DISTURBI LEGATI AL SUO CONSUMO IN AFGHANISTAN - WHAT-U

L’Unione europea (UE) ha stanziato ulteriori 10 milioni di euro (equivalenti a 800 milioni di afgani) per migliorare la salute mentale e affrontare i disturbi legati al consumo di droga in Afghanistan.

Questo finanziamento aggiuntivo dell’UE garantirà che l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e l’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC) possano ampliare l’accesso al sostegno per la salute mentale e ai servizi di trattamento e riabilitazione per l’abuso di droga per le popolazioni vulnerabili in Afghanistan, comprese donne e ragazze. .

“L’UE è fortemente impegnata a migliorare la salute e il benessere della popolazione afghana”, ha affermato Raffaella Iodice, incaricata d’affari dell’UE per l’Afghanistan. “È importante che le persone che lottano con disturbi mentali e legati all’uso di droghe abbiano accesso a servizi sanitari completi e che siano aiutate a reintegrarsi nella società. Ecco perché l’UE ha deciso di aumentare i finanziamenti ai nostri partner OMS e UNODC. Con questi finanziamenti aggiuntivi, verranno raggiunte più persone bisognose”. “Il sostegno dell’UE è essenziale per facilitare l’accesso al sostegno per la salute mentale e ai servizi di trattamento e riabilitazione per l’abuso di droga per le popolazioni vulnerabili in Afghanistan”, ha sottolineato Luo Dapeng, rappresentante dell’OMS in Afghanistan. “Questi ulteriori 10 milioni di euro di finanziamento miglioreranno in modo significativo i nostri sforzi per affrontare le sfide attuali legate alla salute mentale e ai disturbi legati all’uso di droghe tra queste popolazioni, consentendoci così di fornire le cure necessarie e il sostegno che giustamente meritano”.

L’Afghanistan conta quasi 4 milioni di consumatori di droga, ovvero circa il 10% della popolazione. L’aggravarsi della crisi della droga ha lasciato la maggior parte dei centri di trattamento e riabilitazione del paese in difficoltà per far fronte alla situazione, e i tossicodipendenti senza accesso alle cure. “I finanziamenti aggiuntivi sono fondamentali per affrontare il consumo di droga e i disturbi ad esso correlati in Afghanistan, aumentando l’accesso a servizi di riabilitazione e trattamento dalla droga integrati, basati sull’evidenza e orientati ai diritti umani”, ha affermato Anubha Sood, rappresentante dell’UNODC in Afghanistan.

Il punto

L’impegno costante dell’UE riflette la sua dedizione alla promozione della salute e del benessere in Afghanistan. Collaborando con l’OMS e l’UNODC, l’UE mira a creare soluzioni sostenibili che affrontino questioni complesse relative alla salute mentale e ai disturbi legati all’uso di droghe nel paese. Il finanziamento iniziale fornito dall’UE nel 2022 ha svolto un ruolo fondamentale nel rafforzamento dei servizi di salute mentale e disturbi legati al consumo di droga in Afghanistan. Attraverso la cooperazione con l’OMS e l’UNODC, le iniziative hanno contribuito a migliorare la qualità e la disponibilità di questi servizi cruciali. Ad esempio, il progetto finanziato dall’UE è stato determinante nel sostenere la ristrutturazione e la creazione di diversi centri per la tossicodipendenza in tutto il paese. Inoltre, gli operatori sanitari di tutto l’Afghanistan hanno seguito corsi di formazione completi sulla gestione della salute mentale e dei disturbi legati alla droga, dotandoli delle conoscenze e delle competenze essenziali per fornire assistenza e sostegno efficaci alle persone bisognose.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY