[gtranslate] GUERRA ISRAELE HAMAS, OLTRE 8MILA LE VITTIME PALESTINESI - WHAT-U

Carri armati e fanteria hanno fatto irruzione a Gaza durante il fine settimana, mentre il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu annunciava una “seconda fase” della guerra, innescata dalla brutale incursione di Hamas in Israele il 7 ottobre . Israele ha martellato il territorio anche dall’aria, dalla terra e dal mare. Il Ministero della Sanità di Gaza ha affermato che il bilancio delle vittime tra i palestinesi ha superato le 8.000 persone, per lo più donne e minori. È un bilancio senza precedenti in decenni di violenza israelo-palestinese, e si prevede che aumenterà ancora più rapidamente man mano che Israele spingerà la sua offensiva di terra. Sul versante israeliano sono morte oltre 1.400 persone, soprattutto civili uccisi durante l’assalto iniziale di Hamas.

Migliaia di persone hanno fatto irruzione nei magazzini degli aiuti a Gaza per prendere farina e prodotti igienici di base, ha detto domenica un’agenzia delle Nazioni Unite, in un segno di crescente disperazione e di crollo dell’ordine pubblico a tre settimane dall’inizio della guerra. guerra tra Israele e i militanti di Hamas a Gaza. Israele ha consentito l’ingresso di solo una piccola quantità di aiuti dall’Egitto, parte dei quali erano immagazzinati in uno dei magazzini in cui è stato fatto irruzione, ha detto l’UNRWA, un’associazione umanitaria che aiuta i rifugiati palestinese.

RAFAH , STRISCIA SUD DI GAZA

Sabato 28 ottobre, migliaia di persone hanno fatto irruzione in diversi magazzini e centri di distribuzione dell’UNRWA nelle aree centrali e meridionali della Striscia di Gaza, portando via farina di grano e altri beni di prima necessità come prodotti igienici. Uno dei magazzini, a Deir al-Balah, è dove l’UNRWA immagazzina le forniture dei convogli umanitari provenienti dall’Egitto. “Questo è un segnale preoccupante che l’ordine civile sta iniziando a crollare dopo tre settimane di guerra e uno stretto assedio a Gaza. Le persone sono spaventate, frustrate e disperate. Le tensioni e la paura sono aggravate dai tagli ai telefoni e alle linee di comunicazione Internet. Si sentono soli, tagliati fuori dalle loro famiglie a Gaza e dal resto del mondo”, ha affermato Thomas White, direttore degli affari dell’UNRWA nella Striscia di Gaza.     

Il massiccio sfollamento di persone dal nord della Striscia di Gaza verso sud ha esercitato un’enorme pressione su quelle comunità, aggiungendo ulteriore peso ai servizi pubblici fatiscenti. Alcune famiglie hanno accolto fino a 50 parenti che hanno trovato rifugio in una famiglia.  “ Le scorte sul mercato stanno finendo mentre gli aiuti umanitari che arrivano nella Striscia di Gaza con i camion provenienti dall’Egitto sono insufficienti. I bisogni delle comunità sono immensi, anche solo per la sopravvivenza di base, mentre gli aiuti che riceviamo sono scarsi e inconsistenti”, ha aggiunto White.  

Ad oggi, in una settimana a Gaza sono entrati poco più di 80 camion di aiuti. Molto pochi rispetto alle necessità contingenti. Sabato a causa dell’interruzione delle comunicazioni non è potuto passare nessuno. L’UNRWA – il principale attore per la ricezione e lo stoccaggio degli aiuti nella Striscia di Gaza – non è stata in grado di comunicare con le diverse parti per coordinare il passaggio del convoglio.  

“ L’attuale sistema dei convogli è destinato a fallire. Pochissimi camion, processi lenti, ispezioni rigorose, forniture che non soddisfano i requisiti dell’UNRWA e delle altre organizzazioni umanitarie, e soprattutto l’attuale divieto di carburante, sono tutti la ricetta per un sistema fallito. Chiediamo un flusso regolare e costante di forniture umanitarie nella Striscia di Gaza per rispondere ai bisogni soprattutto mentre crescono le tensioni e le frustrazioni”, ha concluso White.  Nel frattempo, le squadre dell’UNRWA a Gaza hanno riferito che i servizi e le connessioni Internet sono stati ripristinati. Rivaluteranno la situazione con l’obiettivo di riprendere questa mattina i convogli e la distribuzione degli aiuti.  

Videoconferenza del Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, On. Antonio Tajani, con gli Ambasciatori d’Italia in Israele, Egitto, Giordania e Libano e con il Console Generale a Gerusalemme

Il Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, On. Antonio Tajani, in mattinata ha tenuto una videoconferenza dall’Unità di Crisi, assieme al Segretario Generale e al Capo di Gabinetto della Farnesina, con gli Ambasciatori d’Italia in Israele, Egitto, Giordania e Libano e con il Console Generale a Gerusalemme. La riunione è stata organizzata per passare in rassegna la situazione regionale e in particolare quella degli italiani a Gaza, nel Nord di Israele e nelle regioni meridionali del Libano. L’intera rete diplomatico-consolare nell’area è mobilitata per seguire l’evolversi degli eventi e tenere attivati i piani di emergenza, in coordinamento con l’Unità di Crisi, al fine di potere rispondere ad ogni necessità. Le tradizionali destinazioni turistiche degli italiani in Egitto e Giordania non risultano coinvolte dagli eventi nella regione. Resta comunque valido l’invito ai viaggiatori a registrarsi sulla piattaforma www.dovesiamonelmondo.it per segnalare la propria presenza ovunque nel mondo.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY