[gtranslate] ONU APPROVA RISOLUZIONE PER INCREMENTARE GLI AIUTI A GAZA - WHAT-U

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione per incrementare gli aiuti umanitari a Gaza. La risoluzione, che chiede misure “per creare le condizioni per una cessazione sostenibile delle ostilità”, è stata approvata oggi con 13 voti a favore, nessuno contrario e l’astensione di Stati Uniti e Russia. Il voto è arrivato tra le richieste internazionali di porre fine al conflitto durato mesi, mentre le forze israeliane colpiscono Gaza con una delle campagne più distruttive della storia moderna e le condizioni umanitarie nella Striscia assediata hanno raggiungono livelli critici .

Più del 90% dei 2,3 milioni di residenti di Gaza sono stati sfollati e le condizioni sotto l’assedio e i bombardamenti israeliani sono state descritte dai funzionari delle Nazioni Unite come “l’inferno sulla terra”. Nell’ultima settimana si sono svolti intensi negoziati, con gli altri Stati membri alla ricerca di un linguaggio che evitasse le obiezioni degli Stati Uniti che hanno condannato le precedenti risoluzioni su Gaza nell’organismo dei 15 membri, dove gli Stati Uniti sono uno dei cinque paesi che detengono il veto. La bozza originale richiedeva “una cessazione urgente e sostenibile delle ostilità” e conferiva alle Nazioni Unite un maggiore controllo sulle consegne di aiuti a Gaza. La risoluzione adottata opta per un linguaggio meno equivoco sul cessate il fuoco e mantiene il controllo di Israele su tutti gli aiuti. “È stata dura, ma ci siamo arrivati”, ha detto l’ambasciatrice americana all’ONU Linda Thomas-Greenfield dopo il voto. Sebbene un piccolo numero di camion di aiuti umanitari abbia fornito l’assistenza tanto necessaria a Gaza, i gruppi umanitari affermano che affrontare veramente la crisi umanitaria della Striscia non sarà possibile finché le ostilità continueranno.

“Il vero problema è che il modo in cui Israele sta conducendo questa offensiva sta creando enormi ostacoli alla distribuzione degli aiuti umanitari all’interno di Gaza. Un’operazione di aiuto efficace a Gaza richiede sicurezza per il personale. Che non esiste”, questo il pensiero del capo delle Nazioni Unite Antonio Guterres ai giornalisti dopo il voto. Prima del voto, la Russia ha proposto un emendamento che rafforza il linguaggio del cessate il fuoco, affermando che il progetto di risoluzione era stato “modificato” dagli Stati Uniti. “Approvando questo, il Consiglio darebbe essenzialmente alle forze armate israeliane completa libertà di movimento per un’ulteriore pulizia della Striscia di Gaza”, questo è quanto ha dichiarato l’ambasciatore russo all’ONU Vassily Nebenzia prima del voto. La Thomas-Greenfield ha accusato la sua controparte russa di ipocrisia, sottolineando la distruttiva invasione dell’Ucraina da parte della Russia, iniziata nel febbraio 2022.

Gli Stati Uniti dal loro canto hanno dovuto affrontare accuse di doppio standard riguardo alla loro posizione su Gaza, perché hanno passato mesi a inveire contro la Russia per le violazioni del diritto internazionale in Ucraina, e nel contempo hanno dato armi e sostegno diplomatico a Israele, anche se si trova ad affrontare situazioni simili. Ponendo il veto a una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che chiedeva un cessate il fuoco all’inizio di questo mese e distinguendosi con uno dei pochi voti dissenzienti quando l’ Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato lascorsa settimana una risoluzione di cessate il fuoco. “La stragrande maggioranza dei membri del Consiglio di Sicurezza e dei membri dell’Assemblea Generale, vogliono tutti un cessate il fuoco, una cessazione completa del bombardamento di Gaza, al fine di facilitare gli aiuti”, ha riferito il corrispondente di Al Jazeera Gabriel Elizondo dal quartier generale delle Nazioni Unite.

All’inizio di questa settimana, le Nazioni Unite hanno chiesto un’indagine sulle accuse di uccisione di palestinesi disarmati da parte delle truppe israeliane nella Striscia, e sono stati presi di mira anche ospedali, scuole delle Nazioni Unite, operatori sanitari, moschee e chiese . Israele ha affermato che sta lavorando per smantellare Hamas, il gruppo armato palestinese che governa Gaza e che il 7 ottobre ha lanciato un attacco mortale nel sud di Israele che ha ucciso più di 1.000 persone, la maggior parte dei quali civili, e ne ha fatti prigionieri più di 240 . Più di 20.000 palestinesi, la maggior parte dei quali donne e bambini, sono stati uccisi dall’inizio dell’attuale tornata di combattimenti.

“Israele continuerà la guerra fino al rilascio di tutti i rapiti e all’eliminazione di Hamas nella Striscia di Gaza”, questa la dichiarazione del ministro degli Esteri israeliano Eli Cohen che ha definito “giusta la decisione del Consiglio di sicurezza che l’Onu garantisca una razionalizzazione nel trasferimento degli aiuti umanitari e assicurarsi che arrivino a destinazione e non ad Hamas”. Israele, ha poi aggiunto, “continuerà ad agire secondo il diritto internazionale, ma rivedrà tutti gli aiuti umanitari a Gaza per ragioni di sicurezza”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY