[gtranslate] IMMOBILI, A HONG KONG E SINGAPORE I PREZZI SCENDERANNO DEL 10% E 3,9% - WHAT-U

city buildings and green trees near ocean
Photo by Jimmy Chan on Pexels.com

Quest’anno Hong Kong e Singapore sono tra le principali città che vedranno scendere i prezzi degli immobili residenziali perché gli alti tassi di interesse e un panorama economico difficile continuano a smorzare il sentiment dei potenziali acquirenti, secondo un rapporto di Savills World Research. Delle 30 città monitorate nel Savills World Prime Residential Index, ben 17 vedranno un calo delle quotazioni degli immobili, più significativamente Hong Kong fino al 10% e Singapore che probabilmente registrerà una diminuzione del 3,9%. E poi a seguire Londra, New York, San Francisco, Los Angeles e Seoul. Anche se gli immobili residenziali di prima qualità sono meno dipendenti dai mutui rispetto agli immobili residenziali tradizionali, si prevede che le condizioni macroeconomiche più deboli intaccheranno il sentiment. Di conseguenza, è probabile che molti potenziali acquirenti e venditori adottino un approccio attendista in un contesto con tassi di interesse più elevati.

Alla fine dello scorso anno, Hong Kong per rilanciare un mercato residenziale moribondo, ha adottato una serie di misure migliorative. Queste includevano il dimezzamento dell’imposta di bollo degli acquirenti al 7,5% per i residenti non permanenti e la rinuncia a un’imposta di bollo speciale di circa il 10% del prezzo della casa per i proprietari che rivendono la proprietà dopo due anni rispetto a tre di prima. Ma tanté il mercato ha continuato a rimanere debole in un contesto di tassi ipotecari più elevati, che probabilmente rimarranno elevati almeno fino alla seconda metà dell’anno, quando la Federal Reserve si muoverà per ridurre i costi di finanziamento. Ma se questo scenario colpisce la classe media, secondo gli osservatori del mercato, offre tuttavia ottime opportunità a chi di soldi invece ne ha tanti di acquistare al momento giusto. Mentre il mercato residenziale di fascia alta di Singapore è stato colpito dall’imposizione di una tassa del 60% applicabile agli acquirenti stranieri, “l’offerta relativamente bassa in questo segmento consentirà al mercato di trovare un prezzo minimo e, nel tempo, creare basi più solide”, ha detto Alan Cheong, capo della ricerca presso Savills Singapore. E con meno nuova offerta dal 2025 in poi nel mercato residenziale di fascia alta è probabile che i prezzi si stabilizzino presto”, ha aggiunto. Un dato di fatto è che il mercato immobiliare cinese continua a vacillare nonostante le misure adottate dalle autorità a livello centrale e provinciale per rilanciare la domanda.

Quali saranno le città che offriranno le migliori chances? Sydney e Dubai.

Sydney ha assistito a una forte domanda di case di prima qualità, ma l’offerta rimane bassa, secondo Savills. È probabile che questo squilibrio persista per tutto il 2024 e faccia salire i prezzi, che si prevede aumenteranno dall’8% al 9,9%. La crescita dei prezzi degli immobili di prima qualità a Dubai, che sono aumentati del 17,4% nel 2023, probabilmente rallenterà quest’anno poiché la società di consulenza immobiliare prevede che l’attività del mercato ritorni alla normalità. Secondo Savills, quest’anno i prezzi dovrebbero crescere dal 4% al 5,9%. In generale, i mercati con prezzi comparativamente più bassi rispetto ad altre città del mondo sembrano avere buone performance quest’anno. Si prevede che Città del Capo, Barcellona, ​​Madrid e Kuala Lumpur, che vantano prezzi inferiori a 800 dollari al metro quadrato, registreranno la crescita più elevata dopo Sydney e Dubai, ha concluso Savills.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY