IN AUMENTO I CONTAGI DI HIV PER I CHI HA 50 ANNI E OVER - WHAT-U

blood samples for hiv test
Photo by Towfiqu barbhuiya on Pexels.com

Al Congresso Europeo di Microbiologia Clinica e Malattie Infettive (ECCMID 2024) uno degli appuntamenti più importanti nel campo delle infezioni, che si terrà dal 27 al 30 aprile 2024 a Barcellona, in ​​Spagna e che quest’anno ospiterà oltre 16.000 esperti che rappresentano tutte le discipline relative alla microbiologia clinica, alle malattie infettive, alla prevenzione e al controllo delle infezioni e alla salute pubblica, uno degli argomenti di punta sarà l’HIV. Il motivo? Perché i casi di contagio sono aumentati, tra gli anziani e non solo, e usando l’Inghilterra come esempio, coloro che hanno un’età pari o superiore ai 50 anni o superiore ai 65 anni ne sono stati contagiati. Tendenze simili esistono in Italia e in altri paesi dell’Europa occidentale. Quello che preoccupa maggiormente ad oggi è il fatto che gli anziani con HIV in tutti i paesi hanno anche maggiori probabilità di avere comorbilità e di diventare “fragili” precocemente rispetto agli anziani senza HIV. In Italia il Centro operativo AIDS (COA) dell’Istituto Superiore di Sanità dal 1984 raccoglie i dati relativi alle notifiche di AIDS e dal 2008 raccoglie anche i dati delle nuove diagnosi di infezione da HIV, questi ultimi dal 2012 sono a copertura nazionale. Il “Notiziario dell’ISS (Volume 36 – Numero 11, Novembre 2023) – ha pubblicato un aggiornamento delle nuove diagnosi di infezione da HIV e dei casi di AIDS in Italia al 31 dicembre 2022” segnalando i dati sulle nuove diagnosi di infezione da HIV e sui casi di AIDS segnalati in Italia aggiornati a dicembre 2022.

Sorveglianza HIV

Nel 2022 sono state segnalate 1888 nuove diagnosi di infezione da HIV, pari a un’incidenza di 3,2 nuovi casi per 100.000 residenti, un valore che pone l’Italia al di sotto della media osservata tra i Paesi dell’Europa occidentale e dell’Unione Europea (5,1 nuove diagnosi per 100.000 residenti). Dal 2012 l’incidenza di nuove diagnosi di HIV è in continua diminuzione, che appare più evidente dal 2018 al 2020, con un leggero aumento negli ultimi due anni post-COVID-19. Nel 2022, le incidenze più alte si osservano in Lazio, Toscana, Abruzzo e Campania. Le nuove diagnosi di infezione da HIV nel 2022 sono in maschi nel 78,7% dei casi. L’età mediana è di 43 anni per i maschi e 41 per le femmine e l’incidenza più alta si riscontra nelle fasce d’età 30-39 anni (7,3 nuovi casi ogni 100.000 residenti) e 25-29 anni (6,5 nuovi casi ogni 100.000 residenti). Nel 2022 la maggioranza delle nuove diagnosi di infezione da HIV è attribuibile a rapporti sessuali, che costituiscono l’83,9% di tutte le segnalazioni (40,9% di Men who have sex with men; 25,1% eterosessuali maschi; 17,9% eterosessuali femmine).

Il numero di nuove diagnosi di infezione da HIV tra gli stranieri sia maschi sia femmine è in diminuzione dal 2016 al 2020, con un lieve aumento negli ultimi due anni post-COVID-19. Nel 2022, gli stranieri costituiscono il 31,2% delle nuove diagnosi. Dal 2015 aumenta la quota di persone a cui viene diagnosticata tardivamente l’infezione da HIV, cioè con bassi valori di linfociti CD4 o in AIDS, ma nel 2022 si osserva una leggera diminuzione rispetto all’anno precedente. Nel 2022, il 40,6% delle persone con una nuova diagnosi di infezione da HIV ha un numero di linfociti CD4 inferiore a 200 cell/μL e il 58,1% un numero di linfociti CD4 inferiore a 350 cell/μL. Nel 2022, quasi la metà delle persone con nuova diagnosi HIV ha eseguito il test per sospetta patologia HIV o presenza di sintomi HIV correlati (41,2%). Altri principali motivi di esecuzione del test sono: comportamenti sessuali a rischio (24,3%), iniziative di screening o campagne informative (8,9%) e accertamenti per altra patologia (4,5%). La sorveglianza AIDS, riporta i dati delle persone con una nuova diagnosi di AIDS. Dall’inizio dell’epidemia, nel 1982 a oggi, sono stati segnalati 72.556 casi di AIDS, di cui 47.408 deceduti fino al 2020. Le nuove diagnosi di AIDS notificate nel 2022 sono 403, pari a un’incidenza di 0,7 nuovi casi per 100.000 residenti, con un leggero aumento negli ultimi due anni post-COVID-19. Nel 2022, il 75,4% delle persone diagnosticate con AIDS non ha ricevuto una terapia antiretrovirale prima della diagnosi e in queste la più comune patologia di esordio è la polmonite da Pneumocystis jirovecii (21,9%). La proporzione delle persone con nuova diagnosi di AIDS che ha scoperto di essere HIV positiva nel semestre precedente la diagnosi di AIDS nel 2022 è rimasta stabile (83,7%). Dal 2014, il numero annuale di decessi in persone con AIDS è pressoché stabile, intorno ai 550 decessi.

Quali progressi sono stati fatti finora?

All’ ECCMID 2024 lo spiegherà il relatore italiano, Professor Giovanni Guaraldi dell’Università di Modena e Reggio Emilia, che oltre a parlare del problema del maggior numero di persone anziane a cui viene diagnosticato l’HIV (1 su 5 tra coloro di età pari o superiore a 50 anni) e della diagnosi tardiva in quelle persone anziane, (sempre usando l’esempio dell’Inghilterra) che presentano una conta dei globuli bianchi CD4 inferiore a 350 cellule per mm³ di sangue entro 3 mesi dalla diagnosi, aumentando il rischio di mortalità nell’anno successivo di 5 volte, metterà in evidenza anche i progressi compiuti, con la differenza nell’aspettativa di vita rimanente tra le persone che vivono con l’HIV e quelle senza infezione da HIV di età compresa tra 21 anni diminuita da 22 anni nel 2003-2006 fino a 9 anni nel 2014-2016. Oggi, un altro segno di progresso, sta nel fatto che un giovane a cui viene subito diagnosticato l’HIV può aspettarsi la stessa aspettativa di vita di coloro che non vivono con l’HIV.

All’età di 65 anni, circa il 70% di coloro che vivono con l’HIV da 20 anni o più vivono con molteplici altre condizioni, rispetto a circa il 50% per coloro che sono infetti da meno di 20 anni e quasi al 40% per coloro che non vivono senza HIV. Queste cifre aumentano costantemente man mano che le persone con HIV invecchiano, ma il divario si riduce tra quelli con e senza HIV (vedi grafico nella presentazione). Una tendenza simile è mostrata per la politerapia (assunzione di più farmaci prescritti) nei soggetti affetti da HIV.

Un altro aspetto che verrà messo in luce dal professor Guaraldi sarà il fenomeno nascosto dell’invecchiamento accelerato o della “fragilità precoce” nelle persone che vivono con l’HIV. La fragilità è una sindrome clinica basata sulla presenza di segni e sintomi specifici, tra cui perdita di peso, esaurimento, mancanza di attività fisica, diminuzione della forza di presa e velocità di deambulazione. 

Come evitare scarsi risultati? I modi per evitarli includono la diagnosi precoce dell’HIV e l’inizio del trattamento antiretrovirale (per evitare il rischio di rapida progressione e deterioramento cognitivo), ma anche un’attenta analisi di tutti gli altri farmaci e farmaci tenuto conto che ce ne sono alcuni che dovrebbero essere evitati, dalle persone anziane con HIV, a causa delle interazioni farmacologiche che causerebbero.  Perché> ce ne sono alcuni che addirittura aumentano il rischio di fragilità. I farmaci alfalitici utilizzati per il trattamento dell’ipertensione e le benzodiazepine per esempio possono aumentare il rischio di cadute. “Siamo ora in un’era completamente nuova in cui vivere fino a 70, 80 e persino 90 anni con l’HIV è ora possibile e sta diventando sempre più comune. Dobbiamo assicurarci di fare tutto il possibile, a livello sociale, fisico e medico, per garantire che le persone che vivono con l’HIV vivano una vita il più sana possibile quando raggiungono gli anni più avanzati”. Il primo paziente affetto da HIV ha raggiunto i 100 anni di età.  Il “paziente di Lisbona” Miguel, è morto nell’agosto 2019 mesi dopo aver festeggiato il suo centesimo compleanno. Non soffriva di altre patologie o era sottoposto a politerapia, viveva da solo e in modo indipendente e non è mai stato ricoverato in ospedale in vita sua. 



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY