[gtranslate] Trump la condanna contribuirà a fargli vincere le elezioni? - WHAT-U

silhouette of statue near trump building at daytime
Photo by Carlos Herrero on Pexels.com

Sulla condanna di Trump i detrattori si sono scatenati. I suoi alleati e molti sondaggisti  prevedono  invece che ciò contribuirà a spingerlo alla vittoria a novembre, rafforzando la sua base e conquistando altri elettori convinti come ha detto che  il processo di New York sia una “truffa” e un “processo truccato”. 

“Questo è stato un processo truccato e vergognoso”, ha detto Trump pochi istanti dopo aver ascoltato la decisione della giuria. “Il vero verdetto sarà emesso dal popolo il 5 novembre”. L’ex presidente aveva anticipato che si aspettava un verdetto di colpevolezza nella città di New York, fortemente democratica, dicendo che nemmeno Madre Teresa  poteva sfuggire a una condanna lì.  Donald Trump Jr.  ha detto che suo padre vincerà a novembre, perché il tentativo di condannarlo si ritorcerà contro i democratici. Il team elettorale del  presidente Biden ha avvertito  gli elettori che, Trump, condannato oppure no, sarà presente alle elezioni di novembre come candidato repubblicano.

Il giudice dello stato di New York  Juan Merchan , che ha presieduto il processo, ha fissato l’ultima udienza, quella della lettura della sentenza, per l’11 luglio. L’ex presidente farà appello rapidamente al verdetto e gli analisti  ritengono  che abbia almeno tre argomenti legali promettenti per ottenere l’annullamento della sua condanna.

Secondo il sondaggio PBS NewsHour/NPR/Marist, precedente al verdetto, il 67% dei potenziali elettori aveva affermato che un verdetto di colpevolezza non avrebbe influenzato il loro voto; Il 76% ha detto lo stesso riguardo a un verdetto di non colpevolezza, compreso il 74% degli indipendenti.

I numeri riflettono una divisione partitica sul processo, con il 25% dei repubblicani che aveva affermato che sarebbe stato più propenso a votare per Trump se ritenuto colpevole mentre il 27% dei democratici aveva detto che ciò li avrebbe resi meno propensi a votare per lui. Solo il 10% dei repubblicani e l’11% degli indipendenti aveva dichiarato che sarebbe stato propenso a votare per Trump se ritenuto colpevole. Lo stesso sondaggio del mese scorso ha rilevato che la maggioranza degli americani (55%) ha affermato di prestare poca o nessuna attenzione al processo di Trump.

Anche una campagna di Trump ha affermato che un suo stesso sondaggio mostrava che il vantaggio di Trump sarebbe diminuito di 2 punti percentuali in caso di condanna e aumentato di 1 punto in caso di assoluzione. Inoltre sembra sempre meno probabile che altri tre procedimenti penali contro Trump raggiungano la fase processuale prima di novembre.

“Sono disposto a fare tutto ciò che devo fare per salvare il nostro Paese e la nostra Costituzione”, ha detto Trump ha elogiando i donatori che hanno versato denaro nelle casse della sua campagna elettorale dopo il verdetto di colpevolezza. La sua campagna ha raccolto ben 34,8 milioni di dollari da piccoli donatori. Trump ha poi insistito sul fatto che “sta combattendo per l’America” ​​e ha incoraggiato le persone a visitare il sito web della sua campagna. Lo storico verdetto rende Trump il primo ex presidente ad essere condannato per un crimine. La sua sentenza è prevista per l’11 luglio, appena quattro giorni prima della Convention Nazionale Repubblicana, dove dovrebbe diventare ufficialmente il  candidato del partito . 

Dopo che il  verdetto è stato annunciato  giovedì, Trump  lo ha definito  come una “vergogna” e si è dichiarato “un uomo molto innocente”. Il procuratore distrettuale di Manhattan Alvin Bragg ha affermato che Trump ha falsificato i documenti aziendali “per nascondere un piano per corrompere le elezioni del 2016” e ha ringraziato la giuria per il loro servizio. “Molte voci là fuori. L’unica voce che conta è la voce della giuria, e la giuria ha parlato”,  ha detto Bragg in una conferenza stampa  dopo il verdetto.

E Biden?

Non è una novità che Biden continua continuerà a sostenere che Trump è una minaccia per la democrazia americana e inadatto a servire il popolo americano. “Donald Trump ha sempre erroneamente creduto che non avrebbe mai dovuto affrontare conseguenze per aver infranto la legge per il suo tornaconto personale”, ha detto in una nota il direttore delle comunicazioni della campagna di Biden, Michael Tyler. “Ma il verdetto di oggi non cambia il fatto che il popolo americano si trova di fronte a una realtà semplice. C’è ancora un solo modo per tenere Donald Trump fuori dallo Studio Ovale: alle urne”. 

Melania Trump assente alle comparizioni in tribunale di Trump

L’ex first lady Melania Trump era assente durante le dichiarazioni di Trump post-condanna venerdì, e non era in aula quando giovedì è stato letto il verdetto. Lei non ha partecipato ai precedenti procedimenti giudiziari di suo marito, hanno notato i giornalisti di CBS News. Anche la figlia di Trump, Ivanka Trump, era assente durante il processo di suo padre. Giovedì sera ha pubblicato una sua vecchia foto con suo padre su Instagram con la didascalia “Ti amo papà”. Il figlio di Trump, Eric Trump, era presente in aula giovedì per il verdetto e ha assistito per diversi giorni al processo. Alla fine dell’udienza Trump ha afferrato la mano di suo figlio Eric mentre usciva dall’aula.

I repubblicani del Congresso condannano rapidamente il verdetto

Gli alleati di Trump hanno rilasciato una raffica di dichiarazioni pochi minuti dopo l’annuncio della decisione della giuria sul caso del silenzio di Donald Trump. “Il verdetto di New York è una completa parodia che si prende gioco del nostro sistema di giustizia”, ​​ha pubblicato sulla piattaforma social X il senatore Marco Rubio, un repubblicano della Florida e potenziale candidato alla vicepresidenza. Il presidente della Camera Mike Johnson, un repubblicano secondo in linea di successione alla presidenza, in una dichiarazione ha definito il processo “un esercizio puramente politico, non legale”. Johnson ha aggiunto: “Il presidente Trump farà giustamente appello contro questo verdetto assurdo e VINCERÀ!”Prima che la giuria annunciasse il verdetto, un repubblicano ha esortato le persone a rispettare il processo legale.Larry Hogan, l’ex governatore del Maryland che ora è candidato al Senato, ha scritto su X che “tutti i leader, indipendentemente dal partito, non devono gettare benzina sul fuoco con una faziosità più tossica. Dobbiamo riaffermare ciò che ha reso grande questa nazione: lo Stato di diritto”.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY