[gtranslate] La guerra di McDonald's per il Big Mac - WHAT-U

mcdonalds sign on building
Photo by Vojta Brisuda on Pexels.com

McDonald’s ha perso una controversia sul marchio dell’Unione Europea sul nome Big Mac dopo che un tribunale dell’Unione Europea si è schierato mercoledì con il rivale irlandese dei fast food Supermac’s in una lunga battaglia legale. Il Tribunale dell’UE, spiega AP,  ha affermato nella sua sentenza che il colosso statunitense del fast food non è riuscito a dimostrare di aver effettivamente utilizzato l’etichetta Big Mac per un periodo di cinque anni per sandwich di pollo, prodotti a base di pollame o ristoranti.

“Rappresenta una vittoria significativa per
le piccole imprese di tutto il mondo”

Il Big Mac è un hamburger composto da due polpette di manzo, formaggio, lattuga, cipolle, sottaceti e salsa Big Mac. È stato inventato nel 1968 da un affiliato della Pennsylvania che pensava che l’azienda avesse bisogno di un panino che piacesse agli adulti. La decisione non riguarda solo i nomi degli hamburger. Ciò apre le porte all’espansione di Supermac con sede a Galway in altri paesi dell’UE. La disputa è scoppiata quando Supermac’s ha chiesto di registrare la propria ragione sociale nell’UE mentre elaborava piani di espansione. McDonald’s si è opposto, dicendo che i consumatori sarebbero stati confusi perché aveva già registrato il nome Big Mac. Nel 2017 Supermac’s ha presentato una richiesta all’Ufficio per la proprietà intellettuale dell’UE per revocare la registrazione del marchio McDonald’s Big Mac, affermando che la società statunitense non poteva dimostrare di aver utilizzato il nome per alcune categorie non specificamente correlate all’hamburger per oltre cinque anni. Questa è la finestra di tempo in Europa entro la quale un marchio deve essere utilizzato prima che possa essere ritirato. Dopo che l’autorità di regolamentazione ha parzialmente approvato la richiesta di Supermac, McDonald’s ha presentato ricorso alla Corte europea.

“McDonald’s non ha dimostrato che il marchio contestato sia stato oggetto di un uso effettivo” in relazione a sandwich di pollo, alimenti a base di prodotti a base di pollame o alla gestione di ristoranti e drive-through e alla preparazione di cibo da asporto, ha affermato la corte, secondo una sintesi stampa della sua decisione. Supermac ha descritto la decisione come una vittoria in stile Davide e Golia. L’amministratore delegato Pat McDonagh ha accusato McDonald’s di “bullismo sui marchi per soffocare la concorrenza”. “Si tratta di una sentenza significativa che adotta un approccio basato sul buon senso nei confronti dell’uso dei marchi da parte delle grandi multinazionali. Rappresenta una vittoria significativa per le piccole imprese di tutto il mondo”, ha affermato McDonagh in una nota. L’azienda irlandese non vende un panino chiamato Big Mac ma ne ha uno chiamato Mighty Mac con gli stessi ingredienti. McDonald’s non è rimasto turbato dalla sentenza, che può essere appellata alla Corte di Giustizia Europea, la più alta corte del blocco, ma solo su questioni di diritto. “La decisione del Tribunale dell’UE non pregiudica il nostro diritto di utilizzare il marchio ‘BIG MAC'”, ha affermato l’azienda in un comunicato stampa. “Il nostro iconico Big Mac è amato dai clienti di tutta Europa e siamo entusiasti di continuare a servire con orgoglio le comunità locali, come facciamo da decenni”.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY