• 14
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Dalla collezione di Luigi e Peppino Agrati ALBERTO BURRI 1955 Sacco nero e rosso

di Marcella Baldassini

Nelle strade agostane avare di anime, l’arte a Milano non si lascia desiderare. Alle Gallerie d’Italia in Piazza Scala,  fino al 19 di agosto negli spazi espositivi realizzati da Intesa San Paolo saranno esposte le collezioni di Luigi e Peppino Agrati  con lavori di Warhol, Basquiat, Burri, Rauschenberg, Christo e tanti altri.

La prima, mostra, “Arte come rivelazione”, ripercorre l’idea dei collezionisti Luigi e Peppino Agrati, eredi ed esponenti della borghesia illuminata lombarda che hanno saputo dar vita a questa splendida collezione di arte moderna e contemporanea creata a partire dal 1968. Si tratta di lavori unici di Andy Warhol, Jean-Michel Basquiat, Robert Rauschenberg, Christo, e, accanto ad essi, di una folta schiera di artisti italiani fra i più prestigiosi, tra i quali Lucio Fontana, Piero Manzoni, Mario Schifano, Alberto Burri, Fausto Melotti, molti dei quali coltivano rapporti di dialogo e di amicizia con gli Agrati.

(Fino a domenica 19 agosto 2018)

GEROLAMO INDUNO (Milano, 1827 – 1890) La battaglia della Cernaja

 

La seconda mostra “I cinque movimenti” di Pino Pinelli, si sviluppa tra le due sedi di Palazzo Reale e le Gallerie d’Italia – Piazza Scala. La mostra narra i cinquant’anni di lavoro di uno dei protagonisti dell’arte contemporanea. Autore affermato a livello internazionale, dagli anni settanta del secolo scorso, protagonista di un genere di pittura che si definisce attraverso la monocromia e del superamento della forma-quadro.

(Fino a domenica 16 settembre 2018)

  

La terza è “L’universo verde” di Alik Cavaliere, illustre artista della scultura italiana del secondo Novecento. La mostra offre ai visitatori una panoramica sul percorso creativo nel ventennale della sua scomparsa.

(Fino a domenica 9 settembre 2018)

 

UMBERTO BOCCIONI (Reggio Calabria, 1882 – Verona, 1916)
Tre donne

Per chi, infine, volesse vedere le numerose collezioni permanenti dall’Ottocento fino all’arte contemporanea, sempre nella sede delle Gallerie d’Italia, può ammirare le preziose collezioni della pittura che raccontano “Il romanticismo italiano” dell’illustre Francesco Hayez. Non manca, inoltre, il secolo risorgimentale con gli innumerevoli quadri che documentano le battaglie e la trasformazione di Milano in quel periodo rivoluzionario. Il percorso alle Gallerie prosegue verso il Novecento fino all’arte contemporanea. Molte sale sono dedicate al movimento Simbolista e poi a Umberto Boccioni, artista ineguagliabile con la sua carica di uomo Futurista e Moderno nell’arte e nella vita. Altri spazi sono dedicati all’arte contemporanea con collezioni permanenti e nomi altisonanti dell’arte moderna, astratta e concettuale.

 

Gallerie d’Italia – Piazza Scala

Piazza della Scala, 6

20121 Milano

Numero verde 800.167619

www.gallerieditalia.com

 

 

Tariffe

Ingresso libero fino a domenica 19 agosto 2018.

Da martedì 21 agosto 2018 ingresso a pagamento:

5 € intero

3 € ridotto

 

Orari

da martedì a domenica dalle ore 9.30 alle ore 19.30 (ultimo ingresso ore 18.30).

Giovedì dalle ore 9.30 alle ore 22.30 (ultimo ingresso ore 21.30).

Lunedì chiuso.

 

Aperture straordinarie

Mercoledì 15 agosto dalle ore 9.30 alle ore 19.30 (ultimo ingresso ore 18.30), ingresso gratuito.

(visitabile unicamente la mostra Arte come rivelazione)

 

Libreria

da martedì a domenica dalle ore 9.30 alle ore 19.30.

Giovedì dalle ore 9.30 alle ore 22.30.

Lunedì chiuso.


  • 14
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!