[gtranslate] ISTAT IN CALO L'OCCUPAZIONE A GIUGNO, COINVOLTI MAGGIORMENTE GLI UOMINI E GLI OVER 35 - WHAT-U

di Patrizia Sinclair

Secondo gli ultimi dati di Istat, a giugno, dopo tre mesi di crescita sostenuta, l’occupazione ha registrato un calo (-0,2% rispetto a maggio, pari a -49 mila) e il tasso di occupazione è sceso al 58,7% (-0,1 punti percentuali).

La diminuzione congiunturale dell’occupazione ha coinvolto soprattutto gli uomini 

(-42mila) e le persone di 35 anni o più (-56mila). La crescita della disoccupazione ha riguardato entrambi i generi e tutte le classi di età. E il tasso di disoccupazione è salito al 10,9%, in aumento di 0,2 punti percentuali su base mensile, con una crescita per quello giovanile che si attestata attorno al 32,6% (+0,5 punti).

 

Un segno meno dopo che nei tre mesi precedenti era invece stata stimata una consistente crescita degli occupati (+0,8% rispetto al trimestre precedente, pari a +196 mila).

E l’aumento aveva interessato entrambe le componenti di genere, coinvolgendo persone di 25 anni o più e tra queste principalmente gli ultracinquantenni (+140 mila). Con una crescita dei lavoratori a termine (+123mila) e degli indipendenti (+ 75mila), mentre erano rimasti sostanzialmente stabili i dipendenti permanenti.

E il calo dei disoccupati si era attestato intorno allo 0,7% (-21mila), mentre quello degli inattivi era stato più sostanzioso: del -1,2% (-154mila).

Quindi un giugno con il segno meno sul tasso occupazionale che però non ha intaccato la volontà delle persone alla ricerca di un nuovo lavoro che secondo le stime di Istat hanno fatto registrare un +2,1% (+ 60mila), con un calo del -0,2% degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-27 mila). E la flessione ha riguardato

principalmente le donne (-23 mila) e si è distribuita tra i 15-49enni facendo scendere il tasso di inattività al 33,9% (-0,1 punti percentuali).

Per contro nei dodici mesi la crescita dell’occupazione è stata consistente, e si è concentrata tra i lavori a termine, con riferimento all’età, tra i 15-34enni e soprattutto tra gli ultracinquantenni. La disoccupazione è calata lievemente mantenendosi sui livelli della fine del 2012 e contestualmente è stato registrato un calo dell’inattività, che si è mantenuto sul minimo storico.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY