• 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nel 2017, 1,7 milioni di persone hanno lavorato nel settore dello sport nell’UE-28, con i maggiori contributi dal Regno Unito (435 mila) e dalla Germania (253 mila).

Tra il 2012 e il 2017, l’occupazione nello sport è aumentata in quasi tutti gli Stati membri dell’UE . I maggiori incrementi in termini di tasso di crescita (AAGR) sono stati osservati in Grecia (+19%), Portogallo (+13%) e Malta (+12%) (cfr. Tabella 1). Va notato che nell’UE nel suo complesso e in quasi tutti i paesi, l’occupazione nello sport è aumentata a un ritmo più elevato rispetto all’occupazione totale.

La diminuzione dell’occupazione sportiva in Francia tra il 2012 e il 2017 (influenzando anche i dati dell’UE) è dovuta principalmente alla rottura delle serie nel 2013, causata da modifiche nella corrispondenza tra la classificazione nazionale delle professioni e la classificazione standard internazionale delle professioni (ISCO-08). 

Nel 2017, l’occupazione nello sport rappresentava lo 0,8% dell’occupazione totale nell’UE, dallo 0,2% in Romania all’1,6% in Svezia (cfr. Figura 1). Nella maggior parte degli Stati membri dell’UE, ha raggiunto l’1% al massimo. Oltre alla Svezia, solo altri quattro Stati membri dell’UE hanno superato l’1%: Regno Unito, Finlandia, Irlanda e Spagna.

Rispetto all’occupazione totale, i posti di lavoro nello sport rappresentano ancora quote relativamente piccole, ma il contributo dello sport è cresciuto lentamente ma in modo costante. Ad esempio, tra il 2012 e il 2017, il contributo dello sport all’occupazione totale è leggermente aumentato in quasi tutti gli Stati membri e, a livello dell’UE, è passato dallo 0,7% allo 0,8%.

Gli uomini sono più numerosi delle donne nel mondo dello sport

Nel 2017, le donne rappresentavano il 45% dell’occupazione nello sport nell’UE (cfr. Figura 2). Ciò riflette la struttura della popolazione totale impiegata (46% di donne). Più uomini che donne hanno lavorato nello sport in tutti gli Stati membri dell’UE, tranne in Germania (53% per le donne), ceca (52%), Finlandia e Svezia (entrambi il 51%).

All’estremo opposto della fascia, in Slovenia, l’occupazione sportiva comprendeva solo un terzo delle donne.

Tra gli Stati membri non appartenenti all’UE, solo la Svizzera contava più donne che uomini occupati nello sport (54%).

Quasi 4 lavoratori su 10 nel mondo dello sport hanno 15-29 anni

Rispetto alla struttura per età della popolazione occupata totale (cfr. Grafico 3), è evidente che i giovani rappresentano una quota relativamente significativa dell’occupazione nel settore dello sport: nel 2017, quasi quattro lavoratori su dieci nell’occupazione sportiva nell’UE (37%) avevano un’età compresa tra i 15 e i 29 anni, quasi il doppio rispetto al totale della popolazione occupata (19%). In tutti i paesi per i quali sono disponibili dati, la percentuale di giovani occupati nel settore dello sport è stata superata in termini di occupazione totale. La differenza era particolarmente elevata in Spagna, dove la percentuale di giovani occupati nello sport era 2,7 volte più elevata della quota di giovani occupati nell’occupazione totale, nonché in Grecia e in Italia (2,6 volte più alti).

A livello di Stati membri, sono state osservate quote particolarmente elevate di giovani occupati nello sport in Danimarca (57%), Svezia, Paesi Bassi e Regno Unito (44% ciascuno) e Finlandia (43%).

Oltre un terzo delle persone occupate nello sport ha completato l’istruzione terziaria

Considerando il background formativo delle persone occupate nello sport nell’UE nel 2017, il 37% ha completato l’istruzione terziaria (cfr. Figura 4). Questa cifra era leggermente superiore alla quota dei laureati dell’istruzione terziaria nell’occupazione totale (34%).

In cinque Stati membri dell’UE, la metà o più di coloro che lavorano nello sport erano laureati terziari: Lituania (66%), Grecia (58%), Spagna (53%), Bulgaria e Lettonia (50%). Rispetto all’occupazione totale, la percentuale di diplomati dell’istruzione terziaria era quasi il doppio in Grecia, Bulgaria, Croazia e Portogallo.

D’altra parte, Danimarca e Svezia hanno riportato una quota di laureati terziari occupati nello sport ai bassi livelli del 21% e del 24% rispettivamente. In otto Stati membri, la quota di diplomati dell’istruzione terziaria nel settore dello sport è stata inferiore a quella dell’occupazione totale.

Tra il 2012 e il 2017 (cfr. Figura 5), ​​la percentuale di diplomati dell’istruzione terziaria occupati nello sport è aumentata nell’insieme dell’UE, così come in tutti gli Stati membri tranne Grecia, Irlanda, Ungheria e Germania.


  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!