CAMBIA IL CLIMA? ECCO CHE COSA BISOGNA SAPERE

Gen 5, 2019 , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
  • 32
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

di Manuela Parodi

Il cambiamento climatico causato dalle attività umane è una grave minaccia per la società a causa degli impianti ad ampio raggio sugli ecosistemi, l’economia, la salute umana e il benessere. È un problema di interesse comune per tutti, che richiede una risposta globale al fine di limitare i rischi e gli impatti dei cambiamenti climatici.

Gli esseri umani stanno influenzando in modo crescente il clima e la temperatura della terra bruciando combustibili fossili, abbattendo foreste pluviali, allevando bestiame, attraverso alcuni processi industriali e il trattamento dei rifiuti .

Ciò aggiunge enormi quantità di gas serra a quelli che si trovano naturalmente nell’atmosfera, aumentando l’effetto serra e il riscaldamento globale.

Gli impatti diretti che sperimentiamo includono un aumento della temperatura globale, l’innalzamento del livello del mare e condizioni meteorologiche più estreme. Questi impatti hanno successivi  effetti ad ampio raggio sugli ecosistemi, l’economia, la società e la salute umana. Per questo motivo dobbiamo affrontare le conseguenze nel tentativo di contrastare le cause dei cambiamenti climatici. Le statistiche relative ai cambiamenti climatici possono aiutarci a comprendere meglio l’intero processo. Come anche quelle che evidenziano qui sotto in valori delle emissioni di gas serra nel nostro e in altri Paesi dell’Unione Europea.

Impatto gas a effetto serra partendo dai valori più bassi:
United Kingdom 63,6 Danimarca 73,9 Svezia 76,1 Ue 77,6 Italia 83,9 Finladia 84,1 Francia 85,6 Olanda 91,6 Irlanda 113,4 Spagna 116,4 Islanda 145,1

Gas a effetto serra

Alcuni gas nell’atmosfera terrestre agiscono un po ‘come il vetro di una serra, intrappolando il calore del sole e impedendogli di tornare nello spazio.

Molti di questi gas si verificano naturalmente, ma l’attività umana sta aumentando le concentrazioni di alcuni di loro nell’atmosfera, in particolare:

  • anidride carbonica (CO 2 )
  • metano
  • ossido nitroso
  • gas fluorurati

La CO 2 è il gas serra più comunemente prodotto dalle attività umane ed è responsabile del 64% del riscaldamento globale causato dall’uomo . La sua concentrazione nell’atmosfera è attualmente superiore del 40% rispetto a quando è iniziata l’industrializzazione.  

Altri gas serra sono emessi in quantità minori, ma intrappolano il calore in modo molto più efficace della CO 2 , e in alcuni casi sono migliaia di volte più forti. Il metano è responsabile del 17% del riscaldamento globale causato dall’uomo, il protossido di azoto del 6%.

Cause per l’aumento delle emissioni

  • Bruciare carbone, petrolio e gas produce anidride carbonica e protossido di azoto
  • Abbattere le foreste (deforestazione). Gli alberi aiutano a regolare il clima assorbendo CO 2 dall’atmosfera. Quindi quando vengono abbattuti, quell’effetto benefico viene perso e il carbonio immagazzinato negli alberi viene rilasciato nell’atmosfera , aggiungendo all’effetto serra
  • Aumentare l’allevamento del bestiame. Mucche e pecore producono grandi quantità di metano quando digeriscono il loro cibo
  • I fertilizzanti contenenti azoto producono emissioni di protossido di azoto
  • I gas fluorurati producono un effetto riscaldante molto forte, fino a 23.000 volte maggiore di CO 2 . Per fortuna questi sono rilasciati in quantità minori e sono in fase di riduzione dalla normativa europea

Riscaldamento globale

L’attuale temperatura media globale è superiore di 0,85 ° C rispetto alla fine del 19 ° secolo. Ognuno degli ultimi tre decenni è stato più caldo di ogni decennio precedente da quando le registrazioni sono iniziate nel 1850.

Leader a livello mondiale scienziati del clima pensano che le attività umane sono quasi certamente la causa principale del riscaldamento osservato dalla metà del 20 °secolo.

Un aumento di 2 ° C rispetto alla temperatura in epoca preindustriale è considerato dagli scienziati come la soglia oltre la quale c’è un rischio molto più elevato che si verifichino cambiamenti pericolosi e potenzialmente catastrofici nell’ambiente globale. Per questo motivo, la comunità internazionale ha riconosciuto la necessità di mantenere il riscaldamento al di sotto dei 2 ° C.

Il cambiamento climatico interessa tutte le regioni del mondo. Scudi di ghiaccio polari si stanno sciogliendo e il mare si sta alzando. In alcune regioni gli eventi meteorologici estremi e le piogge stanno diventando più comuni, mentre altri stanno vivendo ondate di calore più estreme e siccità.

Si prevede che questi impatti si intensificheranno nei prossimi decenni.

Scioglimento dei ghiacci e aumento del mare

Quando l’acqua si scalda si espande. Allo stesso tempo, il riscaldamento globale provoca la fusione delle calotte polari e dei ghiacciai.

La combinazione di questi cambiamenti sta causando l’innalzamento dei livelli del mare, con conseguenti inondazioni ed erosione delle aree costiere e basse.

Tempo estremo, pioggia variabile

Le forti piogge e altri eventi meteorologici estremi stanno diventando più frequenti. Ciò può portare a inondazioni e alla diminuzione della qualità dell’acqua , ma anche alla diminuzione della disponibilità di risorse idriche in alcune regioni.

Conseguenze per l’Europa

  • L’Europa meridionale e centrale sta vedendo ondate di calore più frequenti, incendi boschivi e siccità.
  • L’area mediterranea sta diventando più secca, rendendola ancora più vulnerabile alla siccità e agli incendi.
  • L’Europa settentrionale sta diventando molto più umida e le inondazioni invernali potrebbero diventare comuni.
  • Le aree urbane , dove attualmente vivono 4 europei su 5, sono esposte a ondate di calore, inondazioni o innalzamento del livello del mare, ma sono spesso mal equipaggiate per adattarsi ai cambiamenti climatici.

Conseguenze per i paesi in via di sviluppo

Molti paesi poveri in via di sviluppo sono tra i più colpiti. Le persone che vivono lì spesso dipendono fortemente dal loro ambiente naturale e hanno le risorse minime per far fronte al cambiamento del clima.

Rischi per la salute umana

Il cambiamento climatico sta già avendo un impatto sulla salute:

  • C’è stato un aumento del numero di decessi legati al calore in alcuni paesi e una diminuzione dei decessi dovuti al freddo in altri.
  • Stiamo già assistendo a cambiamenti nella distribuzione di alcune malattie trasmesse dall’acqua e di vettori di malattie.

Costi per la società e l’economia

I danni alla proprietà e alle infrastrutture e alla salute umana impongono pesanti costi alla società e all’economia.

Tra il 1980 e il 2011 le inondazioni hanno colpito oltre 5,5 milioni di persone e causato perdite economiche dirette superiori a 90 miliardi di euro.

I settori che dipendono fortemente da determinate temperature e livelli di precipitazioni, come agricoltura, silvicoltura, energia e turismo, sono quelli più colpiti.

Rischi per la fauna selvatica

Il cambiamento climatico sta avvenendo così velocemente che molte piante e specie animali stanno lottando per far fronte a questo fenomeno.

Molte specie terrestri, d’acqua dolce e marine sono già state spostate in nuove località. Alcune specie vegetali e animali saranno a maggior rischio di estinzione se le temperature medie globali continuano a salire senza controllo.

CHE COSA STA FACENDO L’UNIONE EUROPEA?

L’UE sta costruendo un’unione dell’energia che garantisca che l’approvvigionamento energetico dell’Europa sia sicuro, praticabile e accessibile a tutti per stimolare l’economia e attrarre investimenti che possano creare nuove opportunità di cambiamenti di lavoro.  

Il rispetto di questi obiettivi richiede un uso più consapevole dell’energia e misure efficaci per combattere i cambiamenti climatici. La relazione sullo stato dell’unione dell’energia mostra i progressi compiuti nella realizzazione di una transizione verso un’economia europea a basse emissioni di carbonio, sicura e competitiva.

La Commissione ha presentato la sua visione strategica a lungo termine per un’economia prospera, moderna, competitiva e neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050, dimostrando come l’Europa possa aprire la strada alla neutralità climatica in vista dei colloqui sul clima a Katowice, in Polonia.

Katowice, Polonia

STRATEGIE E OBIETTIVI CLIMATICI

L’UE si è prefissata obiettivi per ridurre progressivamente le proprie emissioni di gas a effetto serra fino al 2050.

I principali obiettivi climatici ed energetici sono fissati in:

  1. Pacchetto clima ed energia 2020
  2. 2030 quadro climatico ed energetico

Pacchetto clima ed energia 2020

Il pacchetto 2020 è un insieme di legislazione vincolante per garantire che l’UE soddisfi i suoi obiettivi in ​​materia di clima ed energia per il 2020.

Il pacchetto stabilisce tre obiettivi principali:

  • 20 % riduzione delle di gas serra delle emissioni (rispetto al 1990)
  • 20% dell’energia UE da fonti rinnovabili
  • 20% di miglioramento dell’efficienza energetica

Gli obiettivi sono stati fissati dai leader dell’UE nel 2007 e adottati nella legislazione nel 2009 e sono anche gli obiettivi principali della strategia Europa per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva.

L’UE sta intervenendo in diversi settori per raggiungere gli obiettivi.

2030 quadro climatico ed energetico

Il quadro 2030 per il clima e l’energia fissa tre obiettivi chiave per l’anno 2030:

  • Riduzione di almeno il 40% delle emissioni di gas a effetto serra (a partire dai livelli del 1990)
  • Almeno il 27% condivide per le energie rinnovabili
  • Almeno il 30% di miglioramento dell’efficienza energetica

Il quadro è stato adottato dai leader dell’UE nell’ottobre 2014. Si basa sul pacchetto clima ed energia 2020. 

Ed è in linea con la prospettiva a lungo termine stabilita nella tabella di marcia per passare a un’economia competitiva a basse emissioni di carbonio nel 2050 , la tabella di marcia per l’ energia 2050 e il Libro bianco sui trasporti 

E POI…

2050 strategia a lungo termine

La Commissione europea chiede un’Europa neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050.

Il 28 novembre 2018, la Commissione ha presentato la sua visione strategica a lungo termine per un’economia prospera, moderna, competitiva e neutrale rispetto al clima entro il 2050.

La strategia mostra come l’Europa può aprire la strada alla neutralità del clima investendo in soluzioni tecnologiche realistiche, responsabilizzando i cittadini e allineando l’azione in settori chiave come la politica industriale, la finanza o la ricerca, garantendo nel contempo l’equità sociale per una transizione giusta.

A seguito degli inviti del Parlamento europeo e del Consiglio europeo, la visione della Commissione per un futuro neutrale rispetto al clima copre quasi tutte le politiche dell’UE ed è in linea con l’ obiettivo dell’accordo di Parigi di mantenere l’aumento della temperatura globale ben al di sotto dei 2 ° C e proseguire gli sforzi per mantenerlo a 1,5 ° C.

Progressi compiuti nel ridurre le emissioni

L’UE è sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo di riduzione delle emissioni per il 2020 e sta mettendo in atto una legislazione per raggiungere l’obiettivo del 2030.

Nel 2015 l’UE era responsabile del 10% delle emissioni mondiali di gas a effetto serra. L’UE è una delle principali economie con le emissioni pro capite più basse.

LA LOTTA AL CAMBIAMENTO CLIMATICO RICHIEDE L’INTERVENTO DEI PAESI DI TUTTO IL MONDO

L’UE sta lavorando per promuovere un’azione globale ambiziosa attraverso

NEGOZIATI SUL CLIMA

L’UE e i suoi paesi membri partecipano agli sforzi internazionali per combattere i cambiamenti climatici nell’ambito della convenzione sul clima delle Nazioni Unite.

Convenzione sul clima delle Nazioni Unite

La Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), concordata nel 1992, è il principale trattato internazionale sulla lotta ai cambiamenti climatici. Il suo obiettivo è prevenire pericolose interferenze causate dall’uomocon il sistema climatico globale.

L’UE e tutti i suoi paesi membri sono tra le 197 parti della Convenzione.

Riunioni dell’UNFCCC

Conferenze delle parti (COP)
Il principale organo decisionale dell’UNFCCC è la Conferenza annuale delle parti (COP). Possono partecipare tutte le parti della Convenzione. Rappresentanti di imprese, organizzazioni internazionali, gruppi di interesse e associazioni hanno lo status di osservatori.

Riunioni delle parti del protocollo di Kyoto (CMP)
Il principale organo decisionale di Kyoto è la COP, che funge da riunione delle parti del protocollo di Kyoto (CMP). Tutte le parti del protocollo sono rappresentate. I governi che non ne fanno parte, partecipano come osservatori.

Organismi sussidiari
Preparano le decisioni prese dalla COP e dalla CMP. Le riunioni si tengono alla COP / CMP annuale e alla conferenza sul clima di Bonn ogni giugno.

Altri forum internazionali

L’UE e i suoi paesi membri partecipano attivamente a forum internazionali le cui decisioni o raccomandazioni alimentano direttamente o indirettamente il processo delle Nazioni Unite. Questi includono:

  • Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC)
  • G8 e G20
  • Major Economies Forum for Energy and Climate (MEF)
  • Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE)
  • Agenzia internazionale per l’energia (IEA).

Accordo di Parigi

L’accordo di Parigi adottato da tutte le parti dell’UNFCCC nel dicembre 2015 è il primo accordo globale sul clima a livello mondiale e giuridicamente vincolante.

Protocollo di Kyoto

Prima del 2020, l’unico strumento al mondo legalmente vincolante per ridurre le emissioni di gas serra è il Protocollo di Kyoto.

Il protocollo è stato ratificato nel 1997 da 192 dei partiti dell’UNFCCC, inclusa l’UE e i suoi paesi membri. Tuttavia, poiché molti emettitori principali non fanno parte di Kyoto, coprono solo il 12% circa delle emissioni globali .

2 i periodi di impegno concordati:

  • 1 ° periodo (2008-2012) : i paesi industrializzati si sono impegnati a ridurre le emissioni in media del 5% rispetto ai livelli del 1990
  • 2 ° periodo (2013-20) – le parti che si sono associate a questo periodo si sono impegnate a ridurre le emissioni di almeno il 18% rispetto ai livelli del 1990

Gli obiettivi di Kyoto sono diversi dagli obiettivi del 2020 dell’Ue

  • coprono diversi settori – ad esempio, l’uso del suolo, il cambiamento dell’uso del suolo e la silvicoltura (LULUCF), ma non l’aviazione internazionale
  • prendono come riferimento di unità di misura anni differenti e non fanno sempre riferimento al 1990
  • imporre all’UE di mantenere le sue emissioni in media del 20% al di sotto dei livelli dell’anno di riferimento per tutto il secondo periodo (2013-2020) , non solo entro il 2020.

Altri forum internazionali

L’UE e i suoi paesi membri partecipano attivamente a forum internazionali le cui decisioni o raccomandazioni alimentano direttamente o indirettamente il processo delle Nazioni Unite. Questi includono:

  • Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC)
  • G8 e G20
  • Major Economies Forum for Energy and Climate (MEF)
  • Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE)
  • Agenzia internazionale per l’energia (IEA).

Sistema dello scambio delle quote di emissione dell’Ue (ETS)

Il sistema di scambio delle emissioni dell’UE è lo strumento chiave dell’UE per ridurre le emissioni di gas a effetto serra prodotte da impianti di grandi dimensioni nei settori energetico e industriale, nonché nel settore dell’aviazione.

L’ETS copre circa il 45% delle emissioni di gas serra dell’UE .

Nel 2020, l’obiettivo è ridurre le emissioni di questi settori del 21% rispetto al 2005.

Obiettivi nazionali di riduzione delle emissioni

Ciò riguarda i settori non inclusi nel sistema ETS , che rappresentano circa il 55% delle emissioni totali dell’UE , come ad esempio:

  • alloggiamento
  • agricoltura
  • rifiuto
  • trasporto (escluso il trasporto aereo).

I paesi dell’UE hanno assunto obiettivi annuali vincolanti fino al 2020 per ridurre le emissioni in questi settori (rispetto al 2005), nell’ambito della “Decisione di condivisione dello sforzo”. 

Gli obiettivi variano in base alla ricchezza nazionale : da un taglio del 20% per i paesi più ricchi ad un aumento massimo del 20% per i meno abbienti.

I progressi sono monitorati dalla Commissione ogni anno e ogni paese è tenuto a comunicare le sue emissioni.

Energia rinnovabile – obiettivi nazionali

I paesi membri dell’UE hanno anche assunto obiettivi nazionali vincolanti per aumentare la quota di energie rinnovabili nel loro consumo di energia entro il 2020, nell’ambito della direttiva sulle energie rinnovabili.

Questi obiettivi variano anche per riflettere i diversi punti di partenza dei paesi per la produzione di energie rinnovabili e la capacità di aumentarlo ulteriormente, dal 10% a Malta al 49% in Svezia.

L’effetto complessivo consentirà all’UE nel suo complesso di raggiungere:

  • il suo obiettivo del 20% per il 2020 (più del doppio del livello del 2010 del 9,8%)
  • una quota del 10% di energie rinnovabili nel settore dei trasporti.

Innovazione e finanziamento

L’UE sostiene lo sviluppo di tecnologie a basse emissioni di carbonio, ad esempio attraverso:

Efficienza energetica

Le misure per aumentare l’efficienza energetica sono stabilite in:

Benefici

Anche il raggiungimento degli obiettivi del pacchetto 2020 dovrebbe essere d’aiuto

  • aumentare la sicurezza energetica dell’UE : ridurre la dipendenza dall’energia importata e contribuire alla realizzazione di un’Unione europea dell’energia 
  • creare posti di lavoro, promuovere la crescita verde e rendere l’Europa più competitiva 

Emissioni di gas serra: una riduzione di almeno il 40%  

Il quadro contiene un obiettivo vincolante per ridurre le emissioni nel territorio dell’UE di almeno il 40% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2030.

Ciò consentirà all’UE di:

  • adottare misure efficaci in termini di costi per conseguire l’obiettivo a lungo termine di ridurre le emissioni dell’80-95% entro il 2050
  • dare un contributo equo e ambizioso all’Accordo di Parigi

Per raggiungere l’obiettivo di almeno il 40%:

  • i settori del sistema di scambio delle quote di emissione (ETS) dell’EU dovrebbero ridurre le emissioni del 43% (rispetto al 2005) – a tal fine, l’ETS deve essere riformato e rafforzato 
  • i settori non ETS dovrebbero ridurre le emissioni del 30% (rispetto al 2005) – questo deve essere tradotto in singoli obiettivi vincolanti per gli Stati membri

Rinnovabili: aumento fino ad una quota del 27%

Il quadro stabilisce un obiettivo vincolante a livello UE per aumentare la quota di energie rinnovabili fino ad almeno il 27% del consumo energetico dell’UE entro il 2030.

Efficienza energetica – in aumento di almeno il 27%

Sulla base della direttiva sull’efficienza energetica , il Consiglio europeo ha approvato un obiettivo indicativo di risparmio energetico del 27% entro il 2030.

Questo obiettivo sarà riesaminato nel 2020 avendo in mente un obiettivo del 30%.

Costi del sistema energetico

  • I costi non differiscono in modo sostanziale dai costi di rinnovo di un sistema energetico obsoleto, necessario in ogni caso
  • Si prevede che il costo totale del sistema energetico nel 2030 aumenti di un equivalente dello 0,15% del PIL dell’UE se gli obiettivi saranno raggiunti in modo economicamente vantaggioso

Monitoraggio e reporting

Ogni anno la Commissione pubblica la sua relazione sullo stato di avanzamento del clima. Inoltre riferisce regolarmente all’ONU.

L’UE sta lavorando per promuovere un’azione globale ambiziosa attraverso

AVETE UN PROGETTO DA PRESENTARE?

L’European Innovation Council investirà 124 milioni di euro in 38 nuovi progetti innovativi, c’è tempo fino al 24 gennaio 2019

Il progetto pilota del Consiglio europeo per l’innovazione ( EIC ) sosterrà 38 progetti innovativi per sviluppare nuove idee verso tecnologie future radicalmente nuove. In totale, i progetti riceveranno 124 milioni di euro nell’ambito del futuro e delle tecnologie emergenti ( FET Open ) del progetto pilota EIC, gestiti nell’ambito del programma di ricerca e innovazione dell’UE Orizzonte 2020. In caso di successo, questi progetti creeranno nuovi mercati in Europa.

Calcolo neuromorfico e quantistico, de-orbitazione di veicoli spaziali, lotta contro i virus cerebrali, diagnosi precoce e non invasiva della malattia di Alzheimer sono solo alcuni esempi delle sfide che questi progetti stanno affrontando. FET Open offre sovvenzioni di circa 3 milioni di euro per promuovere la ricerca collaborativa e interdisciplinare e l’innovazione sulle tecnologie future ed emergenti. Queste borse di studio sono per consorzi di almeno tre entità.

Carlos Moedas, commissario per la scienza, la ricerca e l’innovazione, ha dichiarato: «Attraverso il Consiglio europeo per l’innovazione (EIC), sosteniamo le tecnologie innovative future ed emergenti, per un futuro e una società migliori. Stiamo investendo in idee innovative e sulle persone che e hanno sostenute per creare nuovi mercati del futuro».

Nel suo primo round di finanziamento nell’ambito del progetto pilota EIC, FET Open ha ricevuto 375 proposte e concesso finanziamenti a 236 beneficiari in 23 paesi in tutta Europa. 

Prossima scadenza per le domande è il 24 gennaio 2019.

Ma che cosa è FET Open e cosa finanzia?

FET Open mira a stabilire una leadership europea nell’esplorazione delle tecnologie future. Mira a mobilitare le imprese e i ricercatori più creativi e lungimiranti d’Europa di tutte le discipline per collaborare ed esplorare quelli che potrebbero diventare i principali paradigmi tecnologici del futuro.

FET Open supporta la ricerca scientifica e tecnologica in fase iniziale, esplorando nuove basi per tecnologie future radicalmente nuove, sfidando paradigmi attuali e avventurandosi in aree sconosciute. Un processo di selezione dal basso verso l’alto, ampiamente aperto a qualsiasi idea di ricerca, costruisce un portafoglio diversificato di nuove direzioni di ricerca. L’individuazione precoce di nuove aree, sviluppi e tendenze promettenti, oltre ad attrarre nuovi e potenti attori della ricerca e dell’innovazione, sono i fattori chiave di questa iniziativa.

Stanziamenti e prossime opportunità

Il bilancio totale indicativo per il tema FET-Open FETOPEN-01-2018-2019-2020 è di 579,50 milioni di EUR.

I budget di finanziamento indicativi disponibili per le prossime scadenze sono i seguenti:

  • 24/01/2019: EUR 160,40 M €
  • 18/09/2019: EUR 160,40 M €
  • 13/05/2020: EUR 135,00 M €

Partecipando al progetto pilota EIC, i partecipanti a FET-Open hanno accesso all’assistenza, al networking e alle possibilità di finanziamento offerte dall’EIC.

Clicca qui per costruire il tuo partenariato e candidare il tuo progetto alla call in scadenza il prossimo 24 gennaio 2019! https://ec.europa.eu/info/funding-tenders/opportunities/portal/screen/opportunities/topic-details/fetopen-01-2018-2019-2020


  • 32
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!