[gtranslate] USA INCRIMINANO WANZHOU MENG, HUAWEI RESPINGE LE ACCUSE - WHAT-U


Wanzhou Meng, CFO e figlia del fondatore di Huawei, è stata arrestata in Canada

di Steve Madden

Si aggravano le tensioni con Pechino. Gli Stati Uniti hanno incriminato Huawei, intensificando la loro lotta contro il gigante tecnologico cinese e complicando potenzialmente gli sforzi di Washington e Pechino per negoziare la fine della loro feroce guerra commerciale. Ieri il Dipartimento di Giustizia ha svelato la serie di accuse contro Huawei. L’arresto di Meng Wanzhou, l’1 dicembre a Vancouver, ha causato una serie di scambi di tensione di due mesi tra Cina e Canada sulla possibilità che potesse essere trasferita negli Stati Uniti.

La Cina si è fortemente opposta sia all’arresto sia alla prospettiva dell’estradizione.

Gli Stati Uniti hanno accusato la Huawei Technologies Co Ltd, il suo chief financial officer e due affiliati di frode bancaria e telematica di avere violato le sanzioni contro l’Iran.

Il Dipartimento di Giustizia ha affermato che Huawei ha ingannato le autorità statunitensi in merito al suo rapporto con le controllate Skycom Tech e Huawei Device USA Inc, con l’obiettivo di portare a termine degli affari in Iran.

Inoltre ha anche accusato Huawei di aver rubato segreti commerciali, di frode telematica e ostruzione della giustizia per il presunto furto della tecnologia robotica dal vettore T-Mobile US Inc chiamata Tappy, che imitava le dita umane e veniva usata per testare la durata degli smartphone.

Huawei risponde dicendo di avere risolto quella controversia nel 2017. E si oppone sia all’arresto di Meng Wanzhou, sia all’estradizione respingendo le accuse Usa di illeciti penali ufficializzate poche ore fa dal Dipartimento di Giustizia, affermando di “non aver mai commesso le violazioni citate”. Il colosso delle tlc cinese, in una nota, precisa anche di “non essere a conoscenza di alcuna violazione” fatta da Meng Wanzhou.

Nel frattempo negli Usa iniziano le prime ritorsioni commerciali: alle compagnie americane è stato chiesto di non acquistare router e switch dalla Huawei e di premere sugli alleati affinché facciano lo stesso.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY