[gtranslate] TAV RAGGIUNTE 11MILA FIRME SU CHANGE.ORG - WHAT-U

Ha superato le 111 mila firme, su Change.org, la petizione online a sostegno della Torino-Lione.
 Lo annuncia il promotore dell’iniziativa, Mino Giachino, che dà appuntamento a tutti i sostenitori dell’opera in piazza Montecitorio, giovedì 21 febbraio, per presentare la sua analisi costi benefici sulla Tav.
«Le manifestazioni si Tav organizzate con le ‘madamin’ e il dialogo che ho aperto con Salvini hanno cambiato le cose, la spaccatura nel governo è evidente ed è saltato l’accordo iniziale tra Salvini e Di Maio», sostiene Giachino.

«Ma la sfida non è stata ancora vinta definitivamente e Toninelli testardamente ha presentato una analisi costi e benefici scritta da professori No Tav. La battaglia si sposta a Roma, dobbiamo far capire a Toninelli che se va in Parlamento con la sua decisione di dire No alla TAV verrà bocciato. Ecco perché giovedì ci troveremo alle 11.30 in Piazza Montecitorio a presentare la nostra analisi costi e benefici», conclude.
«Cercate di esserci: sarà un segnale forte». Che cosa farà ora Toninelli? E soprattutto le questioni sulla Tav riusciranno davvero a dividere Salvini e Di Maio?

“Nei giorni scorsi la grande stampa pro-Tav ha sparacchiato numeri a casaccio, dai 3-400 milioni fino addirittura a 2,4 mld di presunti benefici del progetto, collegandoli, in alcuni casi, all’appunto inviato dal professor Pierluigi Coppola a chiosa della analisi costi benefici redatta dal gruppo del professor Marco Ponti”. Lo scrive il Mit in una nota. ” Ebbene, quei numeri rappresentano una grossolana patacca, un falso clamoroso. Si tratta di una tabella di cui nemmeno Coppola risulta autore e che peraltro non è mai pervenuta al Mit”. “E’ un grave inquinamento del dibattito”.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY