PRADA, RICAVI IN CRESCITA

  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

«I nostri obiettivi?», spiega il ceo di Prada, «Continuare ad investire nelle tecnologie digitali e nelle infrastrutture industriali al fine di garantire tempestività delle risposte alle diverse esigenze dei singoli mercati»

Patrizio Bertelli, ceo del gruppo Prada e Miuccia Prada

Ricavi che crescono del 3% per Prada che nel 2018, alla voce ricavi
del conto economico ha potuto scrivere la cifra 3.142 milioni, in crescita rispetto ai 3.056 milioni del 2017 (+6% a cambi costanti).

Il canale Retail è progredito del 7%. Stabile il canale Wholesale, Il marchio Prada chiude l’esercizio in esame con una crescita del 7% . Anche le vendite del marchio Miu Miu, hanno subito un incremento del 2% a cambi costanti, con abbigliamento in crescita del 7%. E poi ci sono gli investimenti che hanno toccato quota 284 milioni di euro destinati a sviluppare nuovi progetti di crescita nel settore del lusso, attivo con i marchi Prada, Miu Miu, Church’s e Car Shoe.

«Il 2018 si chiude con risultati che dimostrano come le nostre recenti iniziative abbiano avuto un riscontro positivo dal mercato con un ritorno in termini di crescita dei ricavi», ha detto Patrizio Bertelli, Amministratore delegato del gruppo Prada e marito della stilista Miuccia Prada.
«Il rinnovamento strategico e la conseguente revisione organizzativa, da completarsi nei prossimi mesi, conferiranno all’azienda una struttura più dinamica e una rinnovata capacità di interpretare l’evoluzione culturale delle nuove generazioni, con le quali condividere l’identità dei nostri brand. Abbiamo già avviato un programma di aggiornamento tecnologico che accrescerà il controllo e l’efficienza su tutti i fattori del business, dal marketing alla logistica, dal prodotto al servizio al cliente», ha spiegato Bertelli. «La trasformazione digitale ha cambiato radicalmente la relazione con il consumatore, rendendolo più consapevole delle sue scelte di acquisto e come la comunicazione sta assumendo una rilevanza ancor più cruciale per raggiungere i clienti in modo efficace. I nostri obiettivi? Continuare ad investire nelle tecnologie digitali e nelle infrastrutture industriali al fine di garantire tempestività delle risposte alle diverse esigenze dei singoli mercati, traducendo la nostra visione creativa dell’evoluzione dei costumi, in prodotti prontamente disponibili presso i nostri negozi».

Per Prada l’Ebitda si è attesto a 551 milioni, l’Ebit a 324 milioni, l’utile a 205 milioni (249 milioni l’anno precedente).


  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

What-u.com

Mi chiamo Patrizia Vassallo, sono il direttore di What-u, scrivo da sempre, da quando alle elementari ho iniziato a fare il mio primo giornalino scolastico e sono una giornalista professionista dal 1993 (iscritta all'Albo dei Giornalisti Professionisti della Lombardia). Ho lavorato per alcuni quotidiani, (Il Secolo XIX, Il Mercantile, The Daily Mirror, Le Monde), e poi per molti magazine italiani e alcuni stranieri, The Face, Gente, Onda Tv, Gente Viaggi, Gioia, Gente Money, Il Nostro Budget, Eva Tremila, Marie Claire), sono spesso stata in giro per il mondo... Ora, da poco più di un anno, sono il direttore di What-u! Scrivere per me non è una professione, ma una passione da condividere con i lettori!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error: Content is protected !!