SUPER TOP, ANCHE OVER 50

  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Pat Cleveland, Christy Turlington, Yasmine Le Bon, Linda Evangelista, Naomi Campbell, Elle Macpherson, Patti Hansen, Jeny Howorth, Marie Sophie Wilson, belle, anzi bellissime e tutte ancora più affascinanti di quando avevano 20 anni e sfilavano sulle passerelle mondiali. Così ora gli stilisti puntano anche sui capi per le over 50

di Marika Belli

Finalmente i designer stanno finalmente comprendendo che le donne di tutte le età comprano vestiti, e che le donne di qualsiasi età vorrebbero vedere sulle passerelle modelle che assomigliano un po’ di più a noi.

l’ex top model Pat Cleveland, che compirà 69 anni il 23 giugno (dress Laura Biagiotti)

Così Laura Biagotti quest’anno ha chiuso la sua sfilata con la sessantottenne, Pat Cleveland. Meravigliosa, anche lei un’altra timeless che ha dato lustro alle ultime sfilate.Marc Jacobs quest’anno, ha chiuso la sua sfilata con Christy Turlington, 50 anni, la nota modella americana che assieme a Linda Evangelista e Naomi Campbell, è stata tra le modelle che nei primi anni novanta dominavano la moda mondiale. Scelta da Prada per essere testimonial del marchio, insieme ad altre modelle, della campagna autunno/inverno 2013/2014, oltre ad essere testimonial della linea Underwear di Calvin Klein, la Turlington è stata la prima donna su cui è stato visto il piercing all’ombelico in uno show di moda a Londra nel 1993. Si è occupata di svariate campagne benefiche, ma senza trascurare gli affari. Famosissima è anche la cordata di modelle Claudia Schiffer, Naomi Campbell e Elle Macpherson, con le quali fondò i Fashion Cafè.


Elle Macpherson, compirà 55 anni tra pochi giorni, il 29 marzo. Soprannominata “The Body” per il suo fisico statuario è tuttora una delle ex top model più amate

Patti Hansen, 62 anni, è stato il modello di punta e applauditissima da Michael Kors. Mentre E Simone Rocha, a Londra, ha fatto sfilare la cool girl degli anni ’80 Jeny Howorth e la modella Marie Sophie Wilson, 53 anni.

Anche l’ex modella britannica-iraniana Yasmin Le Bon, moglie del noto e idolatrato Simon Le Bon, leader dei Duran Duran, che negli anni Ottanta era una delle band al top delle classifiche mondiali, ha fatto il suo ritorno in passerella a settembre sfilando per le collezioni S/S 2019 di Calvin Klein all’età di 54 anni.

“Sembra stupido, ma non volevo sembrare la nonna di qualcuno sulla passerella”, ha detto Yasmine intervistata dal The Telegraph, . “In realtà, io sono la nonna di qualcuno e sono sulla passerella, quindi eccoti. L’ho fatto ed è stato molto divertente. ” Il suo ritorno è stabilito dal destino più che dalla sua volontà di tornare a sfilare. Tutto è accaduto durante una festa di Vogue e dopo l’incontro con l’allora capo dell’ufficio creativo Raf Simons che sulla pista da ballo le ha fatto la proposta di un time back nel mondo della moda.

Yasmine ha ammesso che la parte più strana dell’intera esperienza è stata lavorare con Kaia Gerber, la figlia diciassettenne della sua amica ed ex collega Cindy Crawford. “È meravigliosa”, ha dichiarato al The Telegraph. ‘Non avevo mai fatto una sfilata con la figlia di qualcun altro – l’avevo fatto con mia figlia – quindi è stato abbastanza strano.’

YASMIN LE BON 
Yasmine Le Bon dress Stella McCartney
ph. NICK HADDOW.STYLING LORNA MCGEE

Con Simon Le Bon, Yasmine è diventata mamma 3 volte. Di Amber, 29 anni, vive a Putney , Saffron, 27 anni, che lo scorso giugno è diventata a sua volta mamma di Taro e Tallulah, 24 anni, che vive ancora nella casa di famiglia a Richmond, nella zona ovest di Londra.

Una storia d’amore quella con Le Bon che sa un po’ si favola, visto che lui se n’era innamorato perdutamente vedendola su una rivista di moda e da quel momento ha scelto che lei e solo lei sarebbe stata per sempre la donna della sua vita. E così è stato.

Dopo avere lasciato le passerelle, Yasmine ha più volte ammesso di non dare più perso come prima al look e di vestire capi non necessariamente firmati, anche se nel suo guardaroba non mancano capi di stilisti di fama mondiale come Isabel Marant, Emilio Pucci, Versace, Saint Laurent e Azzedine Alaïa.

Yasmine ha confessato al The Telegrah di sentirsi ancora una ragazza
rock’n’roll, anche se adesso è diventata anche nonna. ‘Mi piace acquistare capi di stilisti che realizzano capi per persone come me, che non vogliono mai crescere. Sarei una ragazza rock per sempre. Indosso più minigonne ora di quando avevo 20, 30 anni. Sono sicura che la gente mi parli dietro, ma quello che non sento e non vedo non mi fa male”. “

Questo è anche uno dei motivi per cui la Le Bon si è sempre tenuta lontano dai Social.

‘Non vado davvero sui social media’, ha detto al The Telegraph. ‘Devi stare così attento a non passare il tempo a confrontarti e disperare. È così facile da fare, non importa quanto sia bello il posto in cui ti trovi. Penso solo che se non vedo tutte quelle persone, allora mi sento come se fossi in un posto felice e positivo, e di conseguenza mi sento molto diverso me stessa.’

Lasciato alle spalle un periodo di depressione, ora Yasmine dice che la sua visione della vita è cambiata radicalmente negli ultimi anni e si sente positiva nei confronti della donna – madre, nonna, modella, imprenditrice – che è ora.


  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli