CONDANNATI EMILIO FEDE E NICOLE MINETTI NEL PROCESSO “RUBY BIS”

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Le condanne di Emilio Fede e Nicole Minetti sono definitive. La Cassazione ha confermato la condanna a 4 anni e 7 mesi per l’ex direttore del Tg4 e quella a 2 anni e 10 mesi per l’ex consigliera regionale

di Pascale Chevalier

l’ex direttore del Tg4 Emilio Fede

Anche il processo noto come “Ruby bis“, che prende il nome dal soprannome di Karima el Marough e riguarda le “cene eleganti” organizzate nella casa di Arcore di Silvio Berlusconi è giunto alla conclusione.
Le condanne di Emilio Fede e Nicole Minetti sono definitive. La Cassazione ha confermato la condanna a 4 anni e 7 mesi per l’ex direttore del Tg4 e quella a 2 anni e 10 mesi per l’ex consigliera regionale mettendo fine al processo Ruby bis. Accolta dunque la richiesta del procuratore generale della Cassazione Pina Casella che aveva chiesto di confermare la sentenza della corte d’appello.

Nicole Minetti, ex consigliera regionale della Lombardia

Le accuse sono di favoreggiamento della prostituzione per le serate a Villa San Martino ad Arcore. Fede dovrebbe scontare la prima parte della pena, alcuni mesi, in detenzione domiciliare, e non in carcere, per poi poter chiedere l’affidamento in prova ai servizi sociali, mentre la Minetti, condannata ad una pena più bassa (inferiore ai 4 anni), potrà da subito chiedere l’affidamento in prova.
Il problema per Fede è che la pena supera i 4 anni e, dunque, la Procura generale deve emettere un ordine di carcerazione. Ordine che, tuttavia, può essere sospeso dagli stessi magistrati, dando 30 giorni di tempo alla difesa di Fede per chiedere la detenzione domiciliare come ultrasettantenne (ha 87 anni). Il favoreggiamento della prostituzione non è un reato ostativo per questo genere di istanza, anche se la stessa sospensione non è automatica e decide la Procura generale.
 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli