[gtranslate] COMEY DIFENDE FBI - WHAT-U


ph Samuel Corum Anadolu Agency Getty Images

di Mandy Stewart

James Comey, l’ex direttore dell’Fbi, difende l’Fbi e attacca Donald Trump. In un editoriale sul Washington Post, l’ex direttore dell’Fbi ha difeso gli agenti e gli investigatori dell’agenzia criticati dal presidente, che li ha definiti dei traditori. “Non c’è stata nessuna corruzione. Non c’è stato tradimento. Non c’è stato nessun tentativo di colpo di Stato. Queste sono solo bugie. Si è trattato di brave persone che hanno cercato di arrivare alla verità in circostanze senza precedenti”, ha dichiarato Comey rispondendo alle accuse di Trump.

L’ex direttore dell’FBI , è stato ufficialmente licenziato da Trump il 9 maggio del 2017. La decisione del presidente giunse inaspettata: la nomina del direttore dell’FBI non è di natura politica e il suo mandato dura 10 anni. Tra l’altro quando Trump si insediò alla Casa Bianca confermò Comey anche con un certo entusiasmo. Nominato direttore dell’FBI nel settembre del 2013, Comey che era stato inizialmente voluto dal presidente George W. Bush al dipartimento della Giustizia, poi venne promosso da Obama.

In una lettera inviata a Comey mentre questo si trovava all’FBI di Los Angeles, Trump spiegò di aver preso la decisione su raccomandazione del procuratore generale statunitense Jeff Sessions. La lettera fu consegnata a Comey dall’assistente personale di Trump, decisione secondo molti non casuale, ma Comey aveva già appreso del suo licenziamento attraverso la tv. Secondo Trump, in sostanza, Comey non è più in grado di guidare efficacemente l’FBI.

L’ex direttore dell’FBI , rilasciò la sua prima intervista ai media quasi un anno dopo il suo licenziamento, esattamente il 15 aprile del 2018, nel programma “20/20” della ABC, per la precisione 2 giorni prima dell’uscita del suo libro “A Higher Loyalty”.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY