[gtranslate] CHI FA PIÙ BUSINESS CON LA COMPRAVENDITA DI STRUMENTI MUSICALI NEL MONDO? - WHAT-U

Nel 2018, gli Stati membri dell’Unione europea (UE) hanno esportato strumenti musicali per un valore di oltre 1,9 miliardi di euro (comprese parti e accessori di tali articoli). Quasi due terzi di questi (€ 1,2 miliardi) sono stati scambiati all’interno dell’UE.

Germania maggiore esportatore

Tra gli Stati membri dell’UE, i tre principali esportatori erano la Germania (642 milioni di euro di strumenti musicali esportati lo scorso anno, ovvero il 34% delle esportazioni totali degli Stati membri dell’UE), i Paesi Bassi (310 milioni di euro, 16%) e la Francia (€ 259 milioni, 14%). Sono stati seguiti a distanza dall’Italia (139 milioni di euro, 7%), dal Regno Unito (129 milioni di euro, 7%) e dal Belgio (107 milioni di euro, 6%).

Un quarto delle esportazioni va negli Stati Uniti

Esportando in paesi non UE (668 milioni di EUR nel 2018), gli strumenti musicali dell’UE sono stati inviati principalmente negli Stati Uniti (182 milioni di EUR, pari al 27% del totale delle esportazioni extra UE di strumenti musicali), davanti al Giappone (€ 91 milioni, 14%), Cina (88 milioni di euro, 13%), Svizzera (49 milioni di euro, 7%), Hong Kong (36 milioni di euro, 5%), Corea del Sud (32 milioni di euro, 5%), Norvegia (28 milioni di euro, 4%) e Russia (23 milioni di euro, 3%).

L’Eu importa direttamente dalla Cina

Nel 2018, gli Stati membri hanno importato anche strumenti musicali del valore di oltre 1,1 miliardi di euro da paesi non UE. Quasi tutti provenivano da soli quattro paesi: Cina (453 milioni di euro, 40%), Stati Uniti (220 milioni, 19%), Indonesia (218%, 19%) e Giappone (116 milioni, 10%).



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY