[gtranslate] COME SI VIAGGIA IN EUROPA? - WHAT-U

La durata media di un viaggio è di 5,1 notti. Il mezzo preferito? La macchina

Tre quarti di tutti i viaggi dei residenti dell’UE vengono effettuati all’interno del proprio paese e per la maggior parte dei viaggi viene scelta prevalentemente la macchina. Nel 2017, i residenti dell’UE hanno effettuato 1,3 miliardi di viaggi con pernottamenti pari a circa 6,4 miliardi di notti. La durata media di un viaggio è stata di 5,1 notti. Rispetto al 2016, il numero di viaggi turistici da parte dei residenti nell’UE è aumentato del 4%. Tre quarti (73%) di tutti i viaggi sono stati spesi all’interno del paese di residenza (viaggi nazionali), mentre un quarto (27%) è stato effettuato all’estero (viaggi in uscita), di cui il 21% verso altri paesi dell’UE e il 6% verso destinazioni al di fuori dell’UE.

1 su 7 turisti francesi e tedeschi viaggiano in treno

I mezzi di trasporto più comuni usati per i viaggi sono stati i veicoli privati ​​o noleggiati (prevalentemente auto) (64%), seguiti da aerei (17%), treni (11%), autobus (6%) e navi d’acqua (2%). Gli aerei sono stati i principali mezzi di trasporto per oltre la metà dei viaggi di andata (56%), mentre per i viaggi domestici i residenti UE hanno viaggiato principalmente con auto (76%) e treni (13%). Chi ha optato per l’aereo lo ha fatto per motivi personali (82%), mentre il restante 18% ha viaggiato per motivi di lavoro. Quasi la metà di tutti i viaggi (49%) è stato effettuato per vacanze e tempo libero, il 35% per le visite a parenti e amici, il 12% per lavoro e il 4% per altri motivi. Oltre la metà dei 6,4 miliardi spesi in viaggi, sono stati destinati all’affitto di un alloggio (55%). Il top della spesa è stato riservato ad alberghi o alloggi simili che offrono servizi di pulizia giornaliera. Il bed-making è arrivato al top con il 32%, mentre il 6% è stato speso nei campeggi e il restante 17% in altri tipi di affitti di alloggio (ad es. alloggio in affitto, appartamento, ostello della gioventù, rifugio).

Auto il mezzo preferito (e più usato)

I veicoli a motore (auto private o noleggiate) sono stati il mezzo di trasporto principale per più dei due terzi di tutti i viaggi effettuati in dodici paesi, con la quota più alta per i residenti della Slovenia (85% dei viaggi), il Portogallo (80%), la Repubblica Ceca (79%), la Spagna e la Bulgaria (entrambi il 77%). Le auto sono state utilizzate per meno della metà di tutti i viaggi in Lussemburgo e a Cipro (entrambi il 48%) e in Irlanda (49%). Gli aerei sono stati il principale mezzo di trasporto per i turisti a Malta (63%), in Irlanda(43%) e in Lussemburgo (42%), mentre in Romania (3%), Bulgaria (5%), Repubblica Ceca (6%), Croazia e Slovenia la quota dei fruitori si è attestata sull’8%.

Treno che passione

Il più alto uso di treni per viaggi turistici è stato registrato in Francia (15%) e Germania (14%). Mentre il minor uso viene effettuato in Grecia e in  Slovenia (entrambe l’1%), e in  Bulgaria e in Croazia (entrambe il 2%).

Vie navigabili le preferite a

Le vie navigabili sono state le preferite dalla maggiore parte dei viaggi effettuati dai residenti a Malta (37%) e dai residenti in Grecia , mentre in Romania e Croazia (entrambi 19%), Bulgaria (16%) ed Estonia (15%) i residenti preferito viaggiare in autobus. Le più alte percentuali di viaggi raggiunte dai residenti nell’UE all’interno del loro paese (viaggi nazionali) sono state registrate in Romania (94%),Spagna (91%), Portogallo (89%), Grecia

 (88%), Francia (87%) e Bulgaria (86%). D’altra parte, il più grandele percentuali di viaggi all’estero (viaggi di andata) sono state registrate per i residenti in Lussemburgo (98%), Belgio (80%),Malta (68%) e Slovenia (62%).La durata media del soggiorno durante un viaggio variava da dieci notti per i residenti in Grecia (9,9 notti), seguita daresidenti di Lussemburgo (7.1), Belgio e Paesi Bassi (entrambi 6.5), a meno di quattro notti per residenti diLettonia ed Estonia (entrambe 3.3), Finlandia (3.4), Ungheria (3.6), Danimarca (3.8) e Romania (3.9).



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY