[gtranslate] FUMATA BIANCA PER NOMINE EU: CHRISTINE LAGARDE ALLA BCE, URSULA VON DER LEYEN ALLA COMMISSIONE, CHARLES MICHEL AL CONSIGLIO - WHAT-U

Il ministro della Difesa tedesco Ursula Von der Leyen è la candidata alla presidenza della Commissione Eu
Mandatory Credit: Photo by ROMAN PILIPEY/EPA-EFE/REX/Shutterstock (9939570d)

Fumata bianca a Bruxelles per la popolare tedesca Ursula Von der Leyen alla Commissione Ue, il belga liberale Charles Michel alla presidenza del Consiglio europeo, la francese Christine Lagarde alla Bce e il socialista spagnolo Josep Borrell come Alto rappresentante. Lo twitta l’attuale presidente del Consiglio Ue Donald Tusk. Sono in corso contatti tra Bruxelles e Strasburgo per sciogliere anche l’ultimo nodo relativo al presidente del Parlamento europeo.
 Fino a poche ore fa erano due i pacchetti per le nomine per i posti chiave dell’Ue in discussione tra i leader del Ppe. In entrambe Christine Lagarde era candidata alla Banca centrale europea. Il primo scenario, quello che sembrava avere maggiori possibilità di successo, vedeva la candidatura del ministro della Difesa tedesco Ursula Von der Leyen alla presidenza della Commissione; il premier belga uscente Charles Michel per il Consiglio; Manfred Weber per la seconda parte del mandato della presidenza del Parlamento europeo e Christine Lagarde per la Bce.

Christine Lagarde, attuale direttore del FMI (Fondo Monetario Internationale) è la candidata alla direzione della Bce (Banca centrale europea)

Il secondo quello che vedeva Frans Timmermans per la Commissione europea, il premier croato Andrej Plenkovic al Consiglio, Manfred Weber alla presidenza del Parlamento e Christine Lagarde alla Bce. “I Paesi di Visegrad sostengono la candidatura della ministra della Difesa tedesca Ursula Von der Leyen per la presidenza della Commissione europea”, aveva scritto su Twitter Zoltan Kovacs, portavoce del premier ungherese Viktor Orban. E così è stato con la benedizione della cancelliera Angela Merkel.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY