[gtranslate] BOSSI VENDE LA VILLA DI GEMONIO - WHAT-U

La villa di Umberto Bossi a Gemonio in provincia di Varese

La famiglia Bossi ha deciso di mettere in vendita la villa di famiglia a Gemonio, in provincia di Varese. La casa in stile Liberty di Umberto Bossi a Gemonio, in provincia di Varese, è in vendita a 430mila euro.

Lo si legge su un annuncio “premium” dell’agenzia immobiliare Sognocasa di Caronno Pertusella. “La proprietà è completamente indipendente con due ingressi carrai e due pedonali e vanta un area esterna di oltre 2.000 mq arricchita da una elegante piscina con vista panoramica. Internamente la villa necessità di un “rinfresco generale” che ne esalti ancor di più l’ottima fruibilità interna. Disposta su 4 livelli, la composizione interna è formata da ingresso/soggiorno con camino del ‘700, ampia zona pranzo, cucina e terrazza panoramica , 5 camere , 4 bagni e grande veranda con una esposizione che regala un gioco luci di grande impatto.

La particola posizione offre un suggestivo panorama sulla vallata e sulle montagne circostanti. Completano la proprietà due cortili e una grande autorimessa”. La villa seppur molto spaziosa e a buon prezzo, non è in ottimo stato, sebbene già alcuni lavori nella villa del senatur siano entrati nell’inchiesta sulla gestione dei fondi della Lega per cui sono stati processati, fra gli altri, lo stesso fondatore del Carroccio e il figlio Renzo. Un luogo emblematico dove si sono tenute centinaia di riunioni politiche negli anni d’oro di Bossi. In questa casa però il senatur ha sperimentato anche il dolore, perché sempre qui, lo scorso 12 febbraio si è sentito male ed è stato portato all’ospedale di circolo di Varese.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY