it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
APPLICAZIONE DELLA LEGGE SULL'IMMIGRAZIONE NELL'UE. ECCO I RISULTATI - WHAT-U

Nel 2018 secondo le stime di Eurostat, l’Ufficio statistico dell’Unione europea, 471 000 cittadini non UE sono stati rifiutati l’ingresso nell’UE. Circa 602 000 cittadini non comunitari sono stati trovati illegalmente presenti in uno degli Stati membri dell’UE. Il numero di cittadini non comunitari emessi con l’ordine di lasciare uno Stato membro dell’UE ha raggiunto 478 000 persone. Circa 198.000 cittadini non comunitari, in seguito a un ordine di uscita, sono stati rinviati in un altro paese (compresi altri Stati membri dell’UE), di questi 158 000 sono stati rimpatriati al di fuori dell’UE.

Il 7% in più di cittadini non UE ha rifiutato l’ingresso nell’UE nel 2018 rispetto al 2017
Nel 2018, a 471 200 cittadini non UE è stato rifiutato l’ingresso nell’UE in una delle sue frontiere esterne, in aumento del 7% rispetto ai 439 500 del precedente anno.

Quasi la metà dei rifiuti di ingresso è stata registrata in Spagna (230 500), seguita da Francia (70 400) e Polonia (53 700); insieme questi tre Stati membri dell’UE hanno rappresentato il fatto che tre su quattro (75%) di tutti i cittadini non UE hanno rifiutato l’ingresso nell’UE nel 2018.

3% in meno di cittadini non UE trovati illegalmente presenti nell’UE nel 2018 rispetto al 2017
Nel 2018, 601 500 cittadini non UE sono stati trovati illegalmente presenti nell’UE. Ciò è diminuito del 3% rispetto a un anno prima (618 800) e del 72% rispetto ai livelli del 2015, quando il numero totale di cittadini non UE trovati illegalmente era di 2 154 700 – il numero più alto di sempre registrato.

La Germania ha registrato il maggior numero di cittadini non UE illegalmente presenti nel 2018 (134 100), seguiti da Francia (105 900), Grecia (93 400) e Spagna (78 300). Questi quattro Stati membri hanno rappresentato insieme il 68% di tutti quelli che sono stati trovati illegalmente nell’UE.

Il 7% in meno di cittadini
non UE ha ordinato di lasciare il territorio degli Stati membri dell’UE nell’UE nel 2018 rispetto al 2017 Nel 2018, a circa 478 200 cittadini non UE è stato ordinato di lasciare il territorio dello Stato membro dell’UE, in calo del 7% rispetto al l’anno precedente (516 100).

Tra gli Stati membri dell’UE, la Francia ha segnalato il maggior numero di cittadini non UE ordinati a lasciare il proprio territorio nel 2018 (105 600), seguiti da Spagna (59 300), Grecia (58 300) e Germania (52 900). La Spagna ha registrato il maggior aumento del numero di cittadini non comunitari ordinati per partire tra il 2017 e il 2018 sia in termini assoluti che relativi (fino a 31 900 persone o + 117%).

Il 17% in meno di cittadini non UE è stato restituito al di fuori dell’UE nel 2018 rispetto al 2017
Nel 2018, 157 900 cittadini non UE emessi con l’ordine di lasciare il territorio di uno Stato membro dell’UE sono stati restituiti al di fuori dell’UE; una riduzione del 17% rispetto a un anno prima (189 900).

La Germania ha registrato il maggior numero di cittadini non UE rientrati al di fuori dell’UE (29 100), seguita dalla Polonia (25 700) e dal Regno Unito (24 500).


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!