[gtranslate] LLOYDS, LA RICETTA PER RILANCIARE I CONSUMI - WHAT-U

Lloyds Bank, quinto gruppo bancario e assicurativo del Regno Unito, operante in Inghilterra e Galles come Lloyds Bank e in Scozia come Lloyds Bank Scotland, ha stanziato 3,8 miliardi di sterline per future perdite sui prestiti. Praticamente quasi 1 miliardo di sterline in più rispetto ai 2,9 miliardi paventati dagli analisti della City. Chapeau per un gruppo che aveva già riportato una perdita di £ 602 milioni. 

Un’operazione per il più grande fornitore di mutui del Regno Unito con quasi il 20% del mercato ipotecario e uno dei maggiori istituti di credito per le piccole imprese, che sta facendo vedere i i primi segni di ripresa nel Regno Unito sul fronte della spesa legata ai consumi e del mercato immobiliare. Le prospettive comunque restano incerte e la fragilità economica continuerà a restare una costante per almeno il resto dell’anno. Lloyds prima delle svalutazioni aveva registrato un avanzo commerciale di £ 3,5 miliardi, in calo del 26%. E realizzato un utile di £ 19 milioni, al netto delle imposte.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY