[gtranslate] NEGLI USA, RECORD NEGATIVO DI DECRESCITA DELLA POPOLAZIONE - WHAT-U

Quest’anno è la prima volta dal 1937 che la popolazione statunitense è cresciuta meno rispetto a qualsiasi altro anno dalla fondazione della nazione. Basta dare un’occhiata ai dati pubblicati oggi dall’Ufficio del Censimento degli Stati Uniti che mostrano che la popolazione nel 2021 è cresciuta solo dello 0,1%, che per dirla in numeri significa una crescita inferiore al milione in tutto l’anno. La causa? La diminuzione della fertilità e della migrazione internazionale, combinata con l’aumento della mortalità a causa dell’invecchiamento della popolazione e del Covid-19 che di fatto hanno operato un taglio netto alla media totale.

Quest’anno negli Usa si è registrato il tasso di crescita più lento mai registrato in tutto il XX secolo fatta eccezione per il periodo dal 1918 al 1919, durante il quale gli americani hanno dovuto fronteggiare una pandemia causata dall’influenza e la prima guerra mondiale

A dirla tutta un decremento delle nascite si era palesato già a partire dalla metà del 2010 quando per l’appunto i nuovi nati e il saldo migratorio internazionale erano diminuiti e allo stesso tempo erano aumentati anche i decessi. 

Ecco i cambiamenti della popolazione

A dare il colpo di grazia ci ha pensato la pandemia di COVID-19 che ha avuto un impatto significativo non solo sulle nascite, ma anche sui modelli migratori internazionali sia da che verso gli Stati Uniti.

La migrazione internazionale netta (NIM) ha aggiunto 247.000 alla popolazione della nazione tra il 2020 e il 2021

Migrazione da Porto Rico nel corso degli anni

A Porto Rico più che il Covid è stato l’uragano Maria a provocare un’emigrazione senza precedenti che poi si è mitigata dall’inizio di luglio 2020 fino al 30 giugno 2021. “E’ stato terribile”, racconta oggi Martin, “che dice di essersi trasferito in Italia con tutta la famiglia dopo l’uragano”. E come lui anche Louis e Blanco che oltre a perdere la casa hanno anche perso l’attività fonte dei loro guadagni.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY