LA SOLIDARIETÀ DEI VIP PER L’UCRAINA, DA ARMANI A DI CAPRIO, FEDERER, CHER, ECCO CHI SONO I DIVI IN PRIMA LINEA DALLA PARTE DI CHI SOFFRE


Si allunga la lista dei vip che in tutto il mondo offrono aiuti economici a chi ancora si trova nelle città bombardate e ospitalità a coloro che sono riusciti a fuggire dalla guerra, con il minimo indispensabile in una borsa o una piccola valigia da poter trasportare. La cantante Cher si è offerta di ospitare famiglie ucraine nella sua casa. Gli attori Ryan Reynolds e Blake Lively stanno supportando la raccolta fondi dell’Agenzia Onu per i Rifugiati. La leggenda del tennis svizzero Roger Federer ha donato 500mila dollari in aiuti per i bambini ucraini. La macchina della solidarietà si è messa in moto subito, quando il presidente russo Putin ha dichiarato in diretta planetaria l’annessione delle regioni ucraine separatiste del Donbass e, poche ore dopo, ha dato il via alle ostilità. Tra i primi che hanno offerto il loro sostegno nei confronti dello Stato sotto attacco ci sono gli attorie coppia nella vita Ryan Reynolds e Blake Lively. Le due star hollywoodiane hanno lanciato un appello perché vengano fatte donazioni a favore dell’Agenzia Onu per i Rifugiati (UNHCR), che loro si sono proposti di raddoppiare fino a un massimo di 1 milione di dollari. “In quarantotto ore, tantissimi ucraini sono stati costretti a fuggire dalle loro case verso i Paesi vicini. Hanno bisogno di protezione. Quando farete una donazione, la raddoppieremo, fino a raggiungere il milione di dollari”, ha promesso Reynolds, mentre la moglie su Instagram ha spiegato che Usa per Unhcr (@usaforunhcr) “sta fornendo aiuti salvavita e sta anche lavorando con i Paesi vicini per garantire protezione a queste famiglie”.

L’attore Sean Penn fuggito a piedi dall’Ucraina unendosi all’esodo di centinaia di migliaia di civili dopo avere abbandonato il progetto di girare un documentario sulla guerra in corso direttamente da Kiev, al Washington Post l’attore ha dichiarato: “Se lasciamo che l’Ucraina combatta da sola, la nostra anima come America è persa. Zelensky e gli ucraini sono simboli del coraggio”. L’imprenditore americano Joe Bastianich, come inviato speciale del programma Le Iene ha documentato la fuga dei civili, aiutando anche molte famiglie ad attraversare il confine. “La situazione è apocalittica, sto vedendo scene che ricordano le immagini della seconda guerra mondiale: le famiglie al confine tra Ucraina e Polonia si dividono, perché gli uomini ucraini tra i 18 e i 60 anni non possono uscire dal Paese, sono tutti chiamati in servizio. Le donne, i bambini e gli anziani impiegano 30 ore a superare il confine e poi camminano nei boschi, perché in Polonia non sanno dove andare. O c’è qualcuno che li aspetta, e ho visto auto da tutta Europa recuperare i profughi che hanno contatti all’estero, oppure è il caos. Non ci sono posti per dormire, non ci sono campi, mancano cibo, acqua, coperte, pannolini. Serve tutto“.

In Italia molte sono state le manifestazioni di solidarietà nei confronti dell’Ucraina, motivo per cui il paese è stato aggiunto alla lista dei paesi nella black list di Putin. La Rappresentante di Lista, reduce da Sanremo 2022 e dal successo della loro “Ciao Ciao”, già tormentone. Veronica Lucchesi e Dario Mangiaracina, sul profilo Twitter di LRDL hanno lanciato l’idea di un concerto per l’Ucraina: “Un concertone per raccogliere fondi per i profughi e la popolazione colpita. Noi ci saremmo. Chi vorreste su quel palco? Colleghe, amici, musiciste, cantanti, facciamo qualcosa” hanno scritto. Giorgio Armani durante la Milano Fashion Week moda donna per l’autunno/inverno 2022-2023, che si è conclusa lo scorso 27 febbraio, in solidarietà con la popolazione ucraina ha fatto sfilare le sue modelle senza la musica che di prassi le accompagna durante lo show in passerella, nel totale silenzio, sotto gli occhi della senatrice a vita Liliana Segre, che ha elogiato questo gesto simbolico. È notizia di pochi giorni fa la decisione del cantante italiano Al Bano, che spesso è stato invitato da Putin ad esibirsi in Russia dove è molto amato, di ospitare 3 rifugiati ucraini nella sua tenuta di Cellino San Marco in provincia di Brindisi.


L’attore Christopher Ashton Kutcher e la moglie MIla Kunis su GoFundMe hanno avviato una raccolta fondi per l’Ucraina chiamata Stand With Ukraine con una donazione di 3 milioni di dollari il 4 marzo che ad oggi (19 marzo, ndr) ha raccolto 34.633.000 dollari. raccolti su un obiettivo di 30.000.000 $La raccolta fondi da allora ha raccolto oltre 18 milioni di dollari. Gli ex co-protagonisti di That 70s Show hanno lanciato l’iniziativa in un video in cui Kunis – nata a Chernivtsi, in Ucraina, e arrivata negli Stati Uniti nel 1991 – ha condiviso il suo orgoglio per la sua eredità. Kutcher è intervenuto per condividere come i loro sforzi di raccolta fondi aiuteranno. La top model Gigi Hadid invece ha detto che avrebbe donato tutti i suoi guadagni incassati per la partecipazione alle sfilate della settimana della moda autunno 2022 questo mese per sostenere gli sforzi di soccorso umanitario per le persone colpite dall’invasione russa dell’Ucraina. Hadid, il cui padre è palestinese, donerà fondi anche alle persone in Palestina che sono state colpite dal conflitto Israele-Hamas . Bethenny Frankel, la star di Real Housewives of New York City , ha attraverso l’associazione senza fini di lucro BStrong  ha raccolto 4 milioni di dollari in donazioni, oltre ai 10 milioni di dollari che l’organizzazione destinerà per il sostegno di coloro che sono in fuga dall’Ucraina. di sostenere l’Ucraina. BStrong ha iniziato ad aiutare i rifugiati ucraini a trasferirsi in Polonia a febbraio e ha consegnato 100.000 kit di emergenza pieni di sonniferi, articoli da toeletta, cibo, acqua e generatori. BStrong prevede di continuare ad assistere l’Ucraina nei prossimi mesi e continua ad accettare donazioni. L’attore e sostenitore del clima Leonardo Dicaprio ha donato 10 milioni di dollari per sostenere l’Ucraina attraverso l’International Visegrad Fund. La nonna di DiCaprio è nata a Odessa, in Ucraina, ed è emigrata in Germania nel 1917. Il cantautore e artista Global Citizen Abel Tesfaye, noto anche come The Weeknd, ha raccolto 1 milione di dollari nel Programma alimentare mondiale per sostenere gli sforzi dell’organizzazione contro la fame nel mondo. Cui ha aggiunto una sua donazione diretta iniziale di 500mila dollari, e ancora altri 500mila li verserà alla fine del suo prossimo tour. I fondi saranno utilizzati per sostenere i rifugiati ucraini e le persone in altre crisi umanitarie in tutto il mondo.

Kit Harington, la star de Il Trono di Spade, si è unita a un folto gruppo di attori, tra cui Adrian Lester, Simon Pegg, Hugh Bonnevile e David Tennant, in video e spot radiofonici per aiutare a raccogliere 120 milioni di dollari per il Disasters Emergency Committee , una coalizione di 15 importanti organizzazioni non profit umanitarie in il Regno Unito, che sostiene i soccorsi ucraini. Tra gli ultimi, per ora, della lista in ordine temporale a offrire sostegno, anche a cantante Cher si è offerta di ospitare famiglie ucraine nella sua casa.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!