[gtranslate] DEPP VINCE LA CAUSA PER DIFFAMAZIONE CONTRO L'EX AMBER - WHAT-U

Finalmente sulla querelle infinita tra Johnny Depp e Amber Heard la giuria si è pronunciata. In modo sicuramente singolare. Non determinando vincitori in assoluto, perlomeno sul fronte economico, perché a Deep è stata data ragione nella sua causa per diffamazione contro l’ex moglie Amber, che ha perso perché accusata di avere fabbricato accuse di violenza e abusi avvenuti prima e durante il suo breve matrimonio con la star dei Pirati dei Caraibi ritenute non vere nel verdetto finale. Invece alla Heard è stato riconosciuto il fatto di essere stata diffamata dall’avvocato di Depp quando ha definito una bufala le sue accuse di abuso.

Quindi i membri della giuria hanno ritenuto che Depp dovrebbe ricevere 15 milioni di dollari per danni ddall’ex moglie, mentre la Heard dovrà incassare 2 milioni di dollari da Johnny.

Grande è stato il supporto dei fan di Depp che si sono messi in fila durante la notte per prendere posto oggi in aula. Gli spettatori che non potevano entrare si sono messi in fila per strada per applaudire l’attore ogni volta che appariva all’esterno.

Depp ha citato in giudizio la Heard per diffamazione presso il Fairfax County Circuit Court per un editoriale del dicembre 2018 che scrisse  sul Washington Post nel quale si definì “una figura pubblica che rappresentava gli abusi domestici”. Chiaro, sebbene sottinteso, il riferimento al marito attore che a causa di questa dichiarazione dovette fare i conti con notevoli danni alla reputazione e conseguentemente anche economici, visto che per le accuse di Amber dovette dire addio alla saga dei Pirati dei Caraibi.

La giuria civile di sette persone ha dovuto prendere una decisione unanime per formulare il verdetto. E il giudizio è stato formulato dopo 12 ore (in tre giorni) di Camera di Consiglio.

In sei settimane dai racconti di Johnny e Amber sono emersi particolari inediti dell’orribile ménage che legava i due. Alla faccia dell’amore, inclusi dettagli macabri da gettare un’ombra persino sulla combattuta storia di Oliver e Barbara nel film La guerra dei Roses.

La Heard ha testimoniato che Depp l’ha aggredita fisicamente o sessualmente più di una dozzina di volte. Depp ha detto di non aver mai colpito Heard, e l’ha accusata di avere inventato accuse di abusi che non ci sono mai stati e di essere stata lei  ad attaccarlo fisicamente più volte non il contrario. Durante le discussioni conclusive, entrambe le parti hanno detto alla giuria che un verdetto a loro favore avrebbe restituito la vita ai loro clienti. Depp non ha aspettato in Virginia la decisione. Ha trascorso gli ultimi giorni sul palco, cantando e suonando la chitarra con Jeff Beck nel Regno Unito.

La Heard quando ha lasciato l’aula dopo la lettura del verdetto, seguita dai suoi avvocati, ha detto: “La delusione che provo oggi è al di là delle parole. Ho il cuore spezzato dal fatto che la montagna di prove non fosse ancora abbastanza per resistere al potere, all’influenza e all’influenza sproporzionati del mio ex marito. Sono ancora più delusa dal significato di questo verdetto per le altre donne. È una battuta d’arresto. Porta indietro l’orologio a un tempo in cui le donne quando parlavano pubblicamente di abusi venivano vilipese. Credo che gli avvocati di Johnny”, ha concluso, “siano riusciti a convincere la giuria a trascurare la questione chiave della libertà di parola e a ignorare prove conclusive. Sono triste di aver perso questo caso. Ma sono ancora più triste di aver perso un diritto che pensavo di avere come americana: parlare liberamente e apertamente”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY