JEFF BEZOS E LAUREN WENDY SÁNCHEZ AMORE SEMPRE A GONFIE VELE - WHAT-U

È difficile vedere Jeff Bezos, in versione free time e in dolce compagnia della sua compagna Lauren Wendy Sánchez, ma ieri sera il fondatore di Amazon, 58 anni, ha attraversato Mayfair in jeans bianchi Brunello Cucinelli da  600 sterline mano nella mano  con Lauren prima di recarsi a cena in un noto ristorante, nel cuore di Londra, riporta il Daily Mail.

Lui serio alla vista del paparazzo, lei sorridente, indossava un mini abito bianco e un ciondolo malocchio al collo. Non è chiaro se i due abbiano cenato assieme a Tom Cruise visto che anche l’attore è arrivato quasi in contemporanea a loro e secondo molti rumors ci sarebbe qualcosa di importante in pentola.  

Oramai è noto che Tom Cruise girerà un film nello spazio con la NASA e sembra assai probabile che anche Bezos abbia qualcosa a che vedere con questo ambizioso progetto. Il patron di Amazon qualche anno fa ha fondato Blue Origin, una società dedicata al turismo spaziale che prevede la realizzazione di voli sub-orbitali.

Che proprio questa comune passione per lo spazio li abbia portati ad andare a cena nello stesso posto?

I due, oltre a condividere l’amore per lo spazio, hanno anche un altro curioso punto in comune. Il personal trainer che nonostante l’avanzare dell’età li aiuta a mantenersi in forma.

Il ponte non si smonta

Il ponte non si smonta nemmeno se lo chiede il patron di Amazon per passare con il suo superyacht.   

Secondo il The New York Times, il ponte De Hef di Rotterdam (nei Paesi Bassi), che ha 95 anni, non verrà smontato, nemmeno in parte, per far passare il superyacht di Jeff Bezos. Infatti, in seguito alle polemiche emerse dopo la diffusione della notizia, il costruttore dell’imbarcazione, ovvero l’azienda olandese Oceanco, ha scelto di non richiedere il permesso.

Nei piani iniziali, si sarebbe dovuto smantellare una parte del ponte per far passare il superyacht lungo 127 metri e troppo alto per passare sotto il ponte di Koningshaven, che localmente viene chiamato De Hef. I costi sarebbero stati a carico di Oceanco e all’epoca dell’annuncio si era fatto riferimento a una successiva ricostruzione del ponte “come se nulla fosse accaduto”. Ma lo storico De Hef rappresenta un monumento nazionale e dunque la risposta finale è stata no.

Ora Bezos dovrà trovare altre soluzioni per portare in mare il suo superyacht. Tuttavia, da tempo si discute in merito al fatto che quello di passare sotto quel ponte rappresenti l’unico modo per far raggiungere il mare all’imbarcazione che per ora resta in cantiere.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!