PUTIN, ECCO PERCHÉ LA NOSTRA OPERAZIONE SPECIALE HA CAMBIATO GLI EQUILIBRI MONDIALI - WHAT-U

Il presidente russo Vladimir Putin con Maria Zakharova, la portavoce del ministero degli Esteri russo
(ph. Getty Images)

Il presidente russo Vladimir Putin, scrive l’agenzia russa Tass, ha definito gli eventi in Ucraina e altri eventi recenti una parte dei “cambiamenti tettonici” nell’ordine mondiale, parlando giovedì alla riunione plenaria del Valdai International Discussion Club. “Le cose che sono successe di recente e che accadono ora, inclusa, ad esempio, la direzione ucraina, sono cambiamenti che non sono iniziati ora o dopo l’inizio dell’operazione militare speciale russa, no. Tutti questi cambiamenti sono in corso da molti anni, da molto tempo, vengono semplicemente notati da alcuni e ignorati da altri. Ma questi sono cambiamenti tettonici dell’intero ordine mondiale”, ha detto Putin, rispondendo a una domanda su cosa è cambiato per lui personalmente in un anno. Il presidente ha spiegato che le placche tettoniche si muovono costantemente all’interno della corteccia terrestre. “Come dicono gli specialisti, si muovono e si muovono e tutto è pacifico e tranquillo. Ma i cambiamenti accadono. Poi, all’improvviso, si bloccano e l’energia inizia ad accumularsi, si accumula e poi, boom – si verifica un terremoto. L’accumulo di tale energia, questo tipo di sfogo ha portato agli eventi in corso, ma questi cambiamenti stavano accadendo prima”, ha detto Putin.

Secondo il presidente, il succo degli eventi in corso è l’emergere di nuovi centri di potere. “Gli eventi accadono, beh, a causa di circostanze oggettive. Alcuni dei precedenti centri di potere svaniscono. Non parlerò del perché accade, ma è un processo naturale: crescita, morte, cambiamenti. Emergono nuovi centri : per lo più in Asia, ovviamente, ma c’è anche l’Africa al fronte, […] e l’America Latina”, ha osservato il presidente. Putin ha specificato che le azioni della Russia “evidenziano gli eventi in corso e spingono alcuni processi che iniziano a verificarsi più velocemente di quanto probabilmente siano avvenuti fino ad ora”. “Ma, nel complesso, sono inevitabili e sarebbe successo indipendentemente dalle azioni della Russia sulla direzione ucraina”, ha concluso Putin. Tornando sul fronte dei negoziati giovedì la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova in un briefing ha detto: “Non abbiamo ricevuto alcuna richiesta da parte ucraina per un incontro con il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov a margine di qualsiasi evento”, ha affermato.”Per quanto riguarda i negoziati con l’Ucraina, la nostra posizione su questo tema è ben nota e non è cambiata”, ha ricordato la ministra, “l’abbiamo espressa molte volte in fasi diverse, rispondendo anche alle richieste del regime di Kiev, sul dialogo, sui negoziati , incontri e così via, e lo abbiamo sempre fatto tenendo conto delle realtà territoriali e della situazione sul campo. La domanda non è per noi, ma per cosa sta succedendo con il regime di Kiev. Si sono ritirati dal processo negoziale, si sono ulteriormente consolidati solo sul rifiuto dei negoziati in quanto tali”. A questo proposito, Zakharova ha richiamato l’attenzione su una dichiarazione rilasciata dal presidente ucraino Vladimir Zelensky lo scorso maggio che di fatto poneva condizioni ben chiare sulla possibilità di iniziare una trattativa.  “La Russia dovrebbe prima restituire tutti i territori e solo dopo sedersi al tavolo dei negoziati”.

“Era maggio, in autunno la retorica era cambiata di nuovo”, ha osservato Zakharova, “Il 30 settembre Zelensky ha firmato un decreto in cui si affermava che era impossibile tenere negoziati con il presidente russo. In seguito ha spiegato che Kiev sarebbe stata pronta a negoziare con la Russia, ma solo con un altro presidente russo. Washington dovrebbe saperlo, in modo che non ripeta lo stesso mantra che di fatto lascia intendere che è la Russia che non sarebbe pronta per i negoziati”.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY