[gtranslate] UN VESTITO REALIZZATO CON GLI SCARTI DEL GIARDINO DI RE CARLO, FINISCE AL MUSEO NAZIONALE SCOZZESE - WHAT-U

Un vestito da museo e non un museo qualunque, quello che è stato celebrato ieri, sabato 1 luglio, dagli stilisti titolari del noto marchio nell’universo del sostenibile, Vin + Omi, al National Museum of Scotland, perché è stato realizzato utilizzando ritagli di crine di cavallo ed erbacce che arrivano direttamente dal giardino di Highgrove Estate, la casa di campagna di re Carlo e della regina consorte Camilla, immerso nell’idilliaca campagna inglese del Gloucestershire. Re Carlo, 74 anni, sbarazzandosi dei rifiuti del suo giardino, ha offerto l’opportunità ai due geniali manager di realizzare un abito con oltre un chilogrammo di scarto di crine reale e oltre due chilogrammi di  ortiche, dove sul davanti è stata aggiunto una sort di claim “Resist”.

“Nel 16° e 17° secolo, il crine di cavallo era usato nella corsetteria per le donne ed era molto costrittivo”, ha detto Omi in esclusiva a People dal suo laboratorio nel Norfolk. “Volevamo capovolgere quell’idea. Le donne ora hanno lavori di rilievo, gestiscono paesi e volevamo rompere quella nozione di restrizione”.

L’abito, che è stato presentato per la prima volta alla sfilata Vin + Omi 2019, da ieri parte della nuova mostra ” Beyond the Little Black Dress “, al termine dell’evento verrà spostato nella collezione permanente del museo.

“La collaborazione con re Carlo è stata olistica, ci ha permesso di esplorare i suoi giardini e non ci ha mai vietato nulla. È sempre stato molto rispettoso, del nostro lavoro”, ha detto il designer nato a Singapore. “Dandoci tra l’altro ottimi suggerimenti!”

Una delle idee del re è stata quella di raccogliere oltre 3.000 ortiche da Highgrove nel 2019 offrendo anche l’aiuto dei suoi giardinieri personali. E il risultato è stato una collezione “leggera e ariosa” di 10 pezzi, tre dei quali ora risiedono permanentemente nell’iconico Victoria and Albert Museum di Londra.

I due stilisti hanno co-fondato l’etichetta nel 2004 dopo aver lavorato con molte associazioni il cui compito era quello di togliere la plastica e i rifiuti dagli oceani. E quella plastica ora loro l’hanno trasformata in un tessuto a beneficio delle comunità locali. Il team aveva incontrato l’allora principe Carlo a un evento di moda nel 2018. Con lui avevano parlato del loro lavoro. E lui si offrì di aiutarli.  Vin e Omi ora hanno i giardinieri del re sempre a disposizione e ricevono regolarmente anche lettere personali di incoraggiamento dal sovrano affinché continuino a fare al meglio il loro lavoro, come hanno sempre fatto. “Passiamo molto tempo a rovistare nella spazzatura del re”, ha detto la coppia di stilisti a People. “È davvero divertente e mi piace pensare che si diverta pure lui”.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY