[gtranslate] DONALD TRUMP: "PIÙ MI ATTACCANO PIÙ LA MIA POPOLARITÀ CRESCE". WILLIS: LA SUA UNA COSPIRAZIONE CRIMINALE" - WHAT-U

(Ph. CHANDAN KHANNA and Christian MONTERROSA / AFP)

Donald Trump nel bene per alcuni nel male per altri continua a tenere banco. Dopo che si è aggiunta anche la Georgia all’elenco dei detrattori che lo accusano di aver tentato di sovvertire i risultati ufficiali delle elezioni presidenziali del 2020, al fine di ribaltare l’esito generale delle elezioni, vinte da Joe Biden, sul suo canale Social Truth Trump, in barba anche alla sua quarta incriminazione, continua a ripetere che si tratta della solita caccia alle streghe perpetrata nei suoi confronti. Per la quale tra l’altro questa volta non dovrà presentarsi in  tribunale da solo, ma con 18 suoi collaboratori, tra cui Rudy Giuliani, suo ex avvocato ed ex sindaco di New York, e Mark Meadows, ex capo dello staff della Casa Bianca durante il suo mandato, accusati con lui come si legge nel documento diffuso lo scorso lunedì sera dal gran giurì della contea di Fulton, di vari reati, tra i quali quello di intralcio al processo elettorale, di false dichiarazioni, di cospirazione contro lo stato, nel tentativo di influenzare i testimoni a fare false testimonianze. Il reato più grave è la violazione del Racketeer Influenced and Corrupt Organizations Act (RICO) – una legge federale pensata per contrastare i gruppi del crimine organizzato come la mafia – e comporta una pena massima di 20 anni.

“Una cospirazione criminale”, queste le parole della procuratrice distrettuale della contea di Fulton, Fani Willis che poco prima della mezzanotte del 14 agosto, ha indetto una conferenza lampo sottolineando che l’ex presidente Usa non solo è formalmente incriminato in altri tre stati, ma gli sono stati addebitati ben 13  crimini di vario genere. In Georgia, a New York per aver pagato con fondi sottratti alla campagna elettorale il silenzio della pornostar Stormy Daniels con cui aveva avuto una relazione, a Miami per le carte classificate portate via dalla Casa Bianca e conservate in un gabinetto del suo resort a Mar-a-Lago. E a Washington per il ruolo attivo nel tentativo di sovvertire i risultati delle presidenziali 2020 che portarono all’assalto al Congresso del 6 gennaio.

Un’accelerata dell’ultima ora quella della procura della Georgia che, dopo aver impiegato 30 mesi a chiudere le indagini, ora con almeno 24 ore di anticipo sui tempi previsti, ora ha anche ottenuto l’ok del Grand Jury – l’organismo legale chiamato a decidere se le prove raccolte sono sufficienti per procedere con una nuova incriminazione – ai capi d’imputazione nei confronti di Trump. 

“Concedo agli incriminati l’opportunità di consegnarsi volontariamente non più tardi del 25 agosto a mezzogiorno” ha dunque affermato la Willis. Non è chiaro se è una deadline o se vedremo sfilare tutti o parte dei co-imputati già nei prossimi giorni nel tribunale di Atlanta già blindatissimo all’esterno con tanto di sacchi di sabbia. E non è da escludere che proprio tanta agitazione abbia convinto la procura a stringere sui tempi nel timore di ulteriori intimidazioni dei testimoni.

Quali gli altri reati addebitati a Trump?  Quello di aver tentato di spingere un funzionario pubblico a violare il suo giuramento di fedeltà (3 capi). Accusa, quest’ultima, basata sulla ormai nota telefonata (di cui sono emerse le registrazioni) fatta da Trump al locale segretario di Stato repubblicano Brad Raffensperger: per chiedergli di “trovare” gli 11.780 voti mancanti e rovesciare con quelli il risultato elettorale.

Ancora, cospirazione per aver tentato di impersonare pubblici ufficiali (la vicenda dei falsi grandi elettori). Cospirazione per commettere una falsificazione di primo grado (2 capi). Cospirazione per sostenere il falso per iscritto e con dichiarazioni ufficiali. Cospirazione per aver incitato a sottoscrivere documenti falsi. Aver sottoscritto documenti falsi, aver affermato il falso. Il processo, ha affermato la Willis, entro 6 mesi. Addebiti particolarmente insidiosi, perché rientrano nell’ambito dei reati statali e non federali. Nel caso di condanna, se pur rieletto presidente non potrà “auto-graziarsi”, né potranno farlo altri eventuali vincitori. Molti però considerano la procuratrice Willis una persona di parte. E nonostante tutto Trump resta il candidato Repubblicano favorito alle presidenziali del 2024.

Gli americani sono profondamente divisi lungo le linee di partito nelle loro opinioni sulle azioni del presidente Donald Trump nei casi penali più recenti intentati contro di lui , mostra un nuovo sondaggio, con circa la metà che afferma che il suo presunto tentativo di interferire nel conteggio dei voti della Georgia nel 2020 era illegale. Un sondaggio dell’Associated Press-NORC Center for Public Affairs Research, condotto prima delle accuse di lunedì nel caso della Georgia, mostra anche che circa la metà degli americani – il 53% – approva il fatto che il Dipartimento di Giustizia abbia incriminato Trump per i suoi sforzi per rimanere in carica dopo aver perso le elezioni del 2020. Il sondaggio rileva che l’85% dei democratici approva le accuse penali presentate il 2 agosto dal consigliere speciale Jack Smith , rispetto al 47% degli indipendenti e solo al 16% dei repubblicani. Complessivamente, 3 americani su 10 disapprovano, inclusi circa due terzi dei repubblicani. E poi evidenzia che le incriminazioni senza precedenti di un ex presidente hanno fatto poco per scuotere una divisione fondamentale nell’elettorato: la maggioranza degli americani disapprova Trump, ma rimane popolare all’interno del GOP. Nel complesso, il 35% degli americani ha una visione favorevole di Trump e il 62% sfavorevole. Tra i repubblicani, invece, sette su 10 vedono favorevolmente l’ex presidente, e circa 6 su 10 affermano di volere che faccia un’altra corsa per la Casa Bianca .

Il sondaggio è stato condotto dal 10 al 14 agosto, prima che Trump e 18 dei suoi alleati venissero incriminati lunedì scorso in Georgia per i loro sforzi per ribaltare i risultati elettorali dello stato, ma con forti indicazioni che le accuse erano imminenti. Al momento del sondaggio, il 51% degli adulti statunitensi credeva che Trump avesse agito illegalmente in quel caso, compreso il 16% dei repubblicani. Ciò è coerente con un sondaggio AP-NORC condotto a giugno. Trump ha negato ogni illecito asserendo che le accuse contro di lui sono politicamente motivate mentre cerca una rivincita contro il presidente democratico Joe Biden .

Solo circa 2 adulti statunitensi su 10 – il 17% – affermano di avere “molta” fiducia nelle persone che gestiscono il Dipartimento di Giustizia. Il basso livello di fiducia abbraccia lo spettro politico, con solo il 26% dei democratici, il 14% degli indipendenti e il 7% dei repubblicani che affermano di avere molta fiducia nelle forze dell’ordine federali. Circa la metà degli americani ha “solo una certa” fiducia nel DOJ, mentre circa un terzo ha “quasi nessuna fiducia”. I repubblicani hanno molte più probabilità dei democratici di non avere quasi alcuna fiducia nel Dipartimento di Giustizia, dal 48% al 18%.

Mentre circa la metà crede che Trump abbia fatto qualcosa di illegale quando si tratta dell’insurrezione del 6 gennaio e delle accuse in Georgia, insieme al caso riguardante documenti riservati trovati nella sua casa in Florida, solo circa un terzo afferma che Trump ha agito illegalmente presumibilmente coprendo il silenzio pagamenti in denaro a una donna che ha detto di avere una relazione con lei. Questa è stata la base per le accuse che Trump dovrà affrontare a New York City promosse dal procuratore distrettuale di Manhattan Alvin Bragg.

Nel complesso, gli americani affermano che le azioni di Trump dopo le elezioni presidenziali del 2020 hanno fatto di più per minacciare la democrazia che per difenderla, dal 54% al 19%. Un quarto degli adulti statunitensi afferma di non aver fatto nessuno dei due. I repubblicani sono divisi sull’impatto delle decisioni di Trump: il 43% dice che ha difeso la democrazia, mentre il 23% dice che l’ha minacciata. Circa un terzo dei repubblicani afferma di non aver né difeso né minacciato la democrazia. Gli americani sono in gran parte in disaccordo con l’affermazione di Trump secondo cui le elezioni del 2020 gli sarebbero state rubate. Sette su 10 affermano che Biden è stato legittimamente eletto presidente, un numero che è stato costante nell’ultimo anno. Ma tra i repubblicani, il 57% afferma che l’elezione di Biden è stata illegittima, rispetto al 32% degli indipendenti e al 2% dei democratici.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY