[gtranslate] PUTIN NON MOLLA SUL GRANO E A BREVE INCONTRERÀ KIM - WHAT-U

Il presidente russo Vladimir Putin all’inizio della settimana ha dichiarato che l’accordo storico  che consentiva all’Ucraina di esportare grano in sicurezza attraverso il Mar Nero nel corso della guerra non sarà ripristinato finché l’Occidente non soddisferà le richieste di Mosca sulle proprie esportazioni agricole. Un braccio di ferro che il leader russo ha iniziato già lo scorso luglio quando ha rifiutato di prorogare l’accordo, perché lo sblocco degli ostacoli alle esportazioni russe di cibo e fertilizzanti non era stato onorato. Un punto fermo sul quale Putin dice di essere irremovibile. Anche se nel frattempo ha pensato anche a una controproposta, o meglio un accordo aggiuntivo, “non alternativo”,  ha precisato, durante la visita al presidente turco Recep Tayyp Erdogan che coinvolge ben tre Paesi. La Russia, che spedirebbe un milione di tonnellate  di grano a buon mercato in Turchia. La Turchia che si occuperebbe della lavorazione e la successiva consegna ai Paesi Terzi poveri. Il Qatar che si farebbe carico del sostegno finanziario.

Cosa accadrà ora? Senza accordo aggiuntivo di fatto si potrebbe bloccare la filiera considerata vitale per le forniture alimentari globali, soprattutto in Africa, Medio Oriente e Asia con conseguenze molto nefaste contrariamente a chi sperava che il presidente turco Recep Tayyip Erdogan potesse far fare passi da gambero a Putin. Ma il leader russo si sa che è irremovibile. Putin ha ribadito queste lamentele all’inizio di questa settimana dicendo anche ai giornalisti che se tali impegni fossero onorati, la Russia potrebbe ritornare all’accordo “entro pochi giorni”. Erdogan ha anche espresso la speranza che una svolta possa arrivare presto, aggiungendo ” che “riguardo la Turchia e le Nazioni Unite – che hanno entrambe mediato l’accordo originale – hanno messo insieme un nuovo pacchetto di proposte per sbloccare la questione. “Crediamo che raggiungeremo una soluzione che soddisferà le aspettative in breve tempo”, ha detto il leader turco nel corso della conferenza stampa tenutasi con Putin nella località russa di Sochi. L’Ucraina e la Russia sono i principali fornitori di grano, orzo, olio di girasole e altri beni su cui fanno affidamento i paesi in via di sviluppo. I dati del Centro di coordinamento congiunto di Istanbul, che ha organizzato le spedizioni nell’ambito dell’accordo, mostrano che il 57% del grano proveniente dall’Ucraina è andato ai paesi in via di sviluppo, con la principale destinazione la Cina, scrive AP.

Prezzi dei cereali alle stelle

I prezzi dei cereali sono aumentati dopo che la Russia si è ritirata dall’accordo, ma da allora sono scesi, indicando che per il momento non c’è una grande crisi nel mercato. Ma il mancato rilancio dell’accordo avrà “impatti drastici” in paesi come la Somalia e l’Egitto che fanno molto affidamento sul grano del Mar Nero, secondo Galip Dalay, membro associato del think tank Chatham House di Londra. Putin sta cercando un po’ di sollievo dalle sanzioni e allo stesso tempo è impegnato.

Il leader russo ha aggiunto che il Paese spedirà 1 milione di tonnellate (1,1 milioni di tonnellate) di grano a buon mercato in Turchia per la lavorazione e la consegna ai paesi poveri. Oltre a ritirarsi dall’accordo sul grano, la Russia ha ripetutamente attaccato la regione di Odessa, dove si trova il principale porto ucraino sul Mar Nero. Ore prima dell’incontro di Sochi, le forze del Cremlino hanno lanciato un secondo sbarramento in due giorni sull’area. L’aeronautica ucraina ha dichiarato di aver intercettato 23 dei 32 droni che avevano preso di mira le regioni di Odessa e Dnipropetrovsk. Non specificava i danni causati da coloro che riuscirono a passare.

La Russia potrebbe sperare di poter utilizzare il proprio potere sulle esportazioni ucraine del Mar Nero come merce di scambio per ridurre le sanzioni economiche occidentali. Alcune aziende sono state caute nel fare affari con la Russia a causa di tali sanzioni, anche se gli alleati occidentali hanno assicurato che cibo e fertilizzanti sono esenti. Mosca, tuttavia, resta insoddisfatta. Lunedì il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha esortato Mosca a ritornare sull’accordo, insistendo che “non c’erano motivi legali e politici perché la Russia si ritirasse dall’accordo”.

I colloqui di lunedì si sono svolti nel contesto della recente controffensiva dell’Ucraina contro le forze d’invasione del Cremlino. Negli ultimi sviluppi, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha detto domenica che il ministro della Difesa Oleksii Reznikov sarà sostituito questa settimana . Il lavoro richiede “nuovi approcci”, ha detto Zelenskyj, senza approfondire. Reznikov lunedì ha pubblicato una foto della sua lettera di dimissioni. Si dice che Putin ed Erdogan, leader autoritari entrambi al potere da più di due decenni, abbiano uno stretto rapporto, favorito in seguito al fallito colpo di stato contro Erdogan nel 2016, quando Putin fu il primo grande leader a offrire il suo sostegno. Il presidente turco li ha mantenuti durante i 18 mesi di guerra in Ucraina. La Turchia non ha aderito alle sanzioni occidentali contro la Russia in seguito alla sua invasione, emergendo come principale partner commerciale e hub logistico per il commercio estero della Russia. Allo stesso tempo, anche la Turchia, membro della NATO, ha sostenuto l’Ucraina, inviando armi, incontrando Zelenskyj e appoggiando la richiesta di Kiev di aderire all’alleanza occidentale. La Russia, nel frattempo, ha adottato misure per rafforzare i suoi legami militari con la Corea del Nord . Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu, che si è recato a Pyongyang il mese scorso, ha detto lunedì che i due paesi potrebbero organizzare esercitazioni di guerra congiunte. La portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, Adrienne Watson, ha osservato che Shoigu ha cercato di persuadere la Corea del Nord durante il suo viaggio a vendere munizioni di artiglieria alla Russia. Gli Stati Uniti hanno motivo di pensare che il leader nordcoreano Kim Jong-Un “si aspetta che queste discussioni continuino” e “includano un impegno diplomatico a livello di leader in Russia”, ha detto lunedì Watson.

La scorsa settimana la Casa Bianca ha riferito di disporre di informazioni secondo cui Putin e Kim si erano scambiati lettere in seguito alla visita di Shoigu. Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale John Kirby ha detto che le lettere erano “più a livello superficiale”, ma che i colloqui tra Russia e Corea del Nord sulla vendita di armi stavano avanzando. Un funzionario americano ha detto lunedì che il leader nordcoreano Kim Jong Un potrebbe presto recarsi in Russia per incontrare il presidente Vladimir Putin mentre il Cremlino cerca di acquisire attrezzature militari da utilizzare nella guerra in Ucraina . Il funzionario, che non era autorizzato ad affrontare la questione pubblicamente e ha parlato con l’Associated Press in condizione di anonimato, dicendo che gli Stati Uniti si aspettano che Kim effettui il viaggio entro il mese. Il funzionario ha poi aggiunto che gli Stati Uniti non sono sicuri esattamente dove o quando avrà luogo l’incontro, ma la città portuale di Vladivostok nel Pacifico sarebbe una possibilità probabile data la sua relativa vicinanza alla Corea del Nord. La portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale, Adrienne Watson, ha osservato lunedì che il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu si è recato a Pyongyang il mese scorso e ha cercato di persuadere la Corea del Nord a vendere munizioni di artiglieria alla Russia. “Abbiamo informazioni secondo cui Kim Jong Un si aspetta che queste discussioni continuino, includendo un impegno diplomatico a livello di leader in Russia”. Poi ha aggiunto: “gli Stati Uniti stanno esortando la Corea del Nord “a cessare i negoziati sugli armamenti con la Russia e a rispettare gli impegni pubblici assunti da Pyongyang di non fornire o vendere armi alla Russia”.

Shoigu ha detto che i due paesi potrebbero organizzare esercitazioni di guerra congiunte.

La Casa Bianca la scorsa settimana ha dichiarato di disporre di informazioni secondo cui Putin e Kim si erano scambiati lettere in seguito alla visita di Shoigu. Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale John Kirby ha detto che le lettere erano “più a livello superficiale”, ma che i colloqui tra Russia e Corea del Nord sulla vendita di armi stavano avanzando.

Ora è pronto il treno blindato che trasporterà il leader nordcoreano Kim Jong-un da Vladimir Putin, partendo da Pyongyang e arrivando nella città portuale di Vladivostok. Una scelta non insolita nella sua famiglia, visto che il padre era terrorizzato all’idea di volare e si spostava solamente via terra e via mare. Si tratta di un treno di 21 carrozze, antiproiettile con a bordo solo computer Apple – non disponibili per i nordcoreani ai quali è proibito l’utilizzo di prodotti statunitensi, una cantina fornitissima di vini, in particolare quello francese, il preferito di Kim. Le cucine? Tutte attrezzate per servire ai passeggeri piatti tipici di qualsiasi nazionalità desiderino. E poi c’è anche una lussuosissima cabina privata, con interni bianchi, dove si svolgono le riunioni più delicate. Come quelle che dovrà affrontare Kim.

Il treno di Kim Jong-un

La velocità non è di certo elevata: il treno blindato viaggia a circa 60 km/h, probabilmente a causa dell’esterno corazzato. Per percorrere i 265 km fino a Vladivostok, potrebbe volerci quasi un giorno intero. Nemmeno la situazione ferroviaria della Corea del Nord aiuta. Nel 2004, oltre 160 persone furono uccise a Ryongchon, al confine con la Cina, quando treni carichi di materiale combustibile presero fuoco a causa di una collisione.All’epoca si pensò anche a un possibile attentato alla vita di Kim Jong-il, visto che il suo treno aveva attraversato la città poche ore prima dell’esplosione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY