[gtranslate] MUKESH AMBANI, L'UOMO PIÙ POTENTE DELL'ASIA, ORGANIZZA GRANDI FESTEGGIAMENTI PER LE NOZZE DEL FIGLIO ANANT - WHAT-U

Essere il figlio dell’uomo più ricco dell’Asia dà sicuramente dei privilegi. Lo sa bene Anant Ambani, 28 anni, e anche la sua fidanzata di lunga data, Radhika Merchant, 29, che si sposeranno a luglio. Radhika è la figlia di Viren Merchant, CEO di Encore Healthcare Pvt. Ltd. e dell’imprenditrice Shaila Merchant. Anant è figlio dell’industriale miliardario Mukesh Ambani, 66 anni, magnate osannato da molti capi di stato e star di Hollywood e Bollywood che venerdì sono arrivati nella piccola città di Jamnagar, nell’India occidentale, per festeggiare la notizia di questo matrimonio. Tanti gli ospiti. Al momento si contano già 1.200 persone, tra queste molte superstar come Rihanna, Bill Gates, Mark Zuckerberg , Sunder Picha, Ivanka Trump e la celebrità di Bollywood, Shah Rukh Khan.

Chi è Mukesh Ambani?

Secondo Forbes, Mukesh Ambani, è attualmente il decimo uomo più ricco del mondo con un patrimonio netto di 115 miliardi di dollari. È alla guida di Reliance Industries Limited, la più grande compagnia privata indiana, fondata da suo padre Dhirubhai Ambani nel 1966, con interessi che vanno dai prodotti petrolchimici, al petrolio e al gas, alle telecomunicazioni e alla vendita al dettaglio, il cui fatturato ha superato i 19 miliardi di dollari americani e i profitti i 2 miliardi.

L’azienda è stata fondata dal magnate indiano Dhirubhai Ambani nel 1966, ma è stato negli anni ’70 che il gruppo si è espanso fino a diventare ciò che è ora un enorme conglomerato, che registra un fatturato annuo di oltre 100 miliardi di dollari, con interessi che vanno dai prodotti petrolchimici, al petrolio e al gas, alle telecomunicazioni e alla vendita al dettaglio. Oggi questa compagnia ha più di 420 milioni di abbonati e offre servizi 5G. All’inizio di questa settimana, la Disney ha siglato un accordo da 8,5 miliardi di dollari per fondere le sue attività in India con la Reliance Industries di Ambani, formando un nuovo colosso industriale. Tra i beni che la famiglia Ambani possiede, c’è anche un condominio privato di 27 piani, denominato Antila, del valore di 1 miliardo di dollari a Mumbai. E poi tre eliporti, un garage da 160 auto, un cinema privato, una piscina e un centro fitness.

I detrattori di Ambani affermano che la sua azienda è fiorita principalmente grazie ai suoi legami politici e al “capitalismo clientelare”. Ora Ambani ha iniziato a passare il testimone ai suoi due figli e alla figlia. Il figlio maggiore, Akash Ambani, attualmente è presidente di Reliance Jio; sua figlia, Isha, supervisiona la vendita al dettaglio; e il più giovane, Anant, che si sposerà a luglio, è stato inserito nel nuovo business energetico. Non è la prima volta che Ambani organizza grandi festeggiamenti per un matrimonio. Nel 2018, quando si è sposata sua figlia, ha invitato tante star di calibro internazionale per i festeggiamenti pre-matrimoniali, come Beyoncé, gli ex segretari di Stato americani Hillary Clinton e John Kerry solo per citare alcuni nomi.

Tornando al matrimonio del figlio, alcuni insider hanno reso noto che agli ospiti è stato chiesto di indossare abiti a tema giungla per visitare un centro di salvataggio per animali gestito dal futuro sposo, Anant, noto come “Vantara” o “Stella della foresta”. Durante i festeggiamenti ci saranno anche cerimonie tradizionali indù in vari templi. Agli ospiti, molti dei quali arrivati ​​con aerei charter, verranno serviti 500 piatti creati da circa 100 chef. Nella lista degli invitati figurano anche Mohammed Bin Jassim al Thani, primo ministro del Qatar; Stephen Harper, ex primo ministro canadese; e il re Jigme Khesar Namgyal Wangchuck e la regina Jetsun Pema del Bhutan. Il magnate però non si dimentica mai dei meno abbienti. Mercoledì infatti ha organizzato un banchetto per 51.000 persone che vivono nei villaggi vicini.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY