A UN MESE DALL'ATTACCO DI HAMAS, LA CONTROFFENSIVA DI ISRAELE ORA PUNTA ALL'OCCUPAZIONE E CONQUISTA DI GAZA - WHAT-U

Ieri  Israele, esattamente un mese dopo l’inizio della guerriglia, ha detto che le sue forze di terra stanno combattendo contro i combattenti di Hamas all’interno della più grande città di Gaza, segnalando una nuova fase e un obiettivo importante del conflitto. Quello di conquistare questo  territorio e prenderne il completo  controllo dopo la guerra. Che sarà lunga e difficile, ha commentato il primo ministro Benjamin Netanyahu. Finora Hamas, secondo i dati degli israeliani, ha ucciso 1.400 persone dal 7 ottobre, giorno che ha segnato l’inizio della guerra.  Dall’inizio dell’attacco sono 240 le persone che sono state sequestrate da Hamas e più di 250.000 israeliani hanno fatto sfollare altre centinaia di persone dalle case vicino ai confini di Gaza e del Libano, a causa dei continui lanci di razzi su Israele. Secondo il Ministero della Sanità del territorio controllato da Hamas, a Gaza sono state uccisi più di 10.300 palestinesi, due terzi dei quali donne e minori . Si ritiene che più di 2.300 siano sepolti a causa degli scioperi che hanno ridotto in macerie interi isolati della città. Circa il 70% dei 2,3 milioni di abitanti di Gaza sono fuggiti dalle proprie case e più di 700.000 di loro hanno trovato rifugio nelle scuole delle Nazioni Unite. I civili a Gaza fanno affidamento su una piccola quantità di aiuti e le forniture di cibo e acqua  sono diminuite dopo settimane di assedio.

Le truppe di terra israeliane hanno combattuto i militanti palestinesi all’interno di Gaza per oltre una settimana, tagliando il territorio a metà e circondando Gaza City . Parlando in un’intervista con ABC News andata in onda lunedì sera, Netanyahu ha detto che i militari hanno ucciso diverse migliaia di combattenti di Hamas dall’inizio della guerra. Il bilancio delle vittime del Ministero della Sanità di Gaza non distingue tra civili e combattenti – e i combattenti uccisi non portati negli ospedali non verrebbero conteggiati. Ieri Israele ha scatenato un’altra ondata di attacchi in tutta la Striscia di Gaza mentre altre centinaia di palestinesi fuggivano da Gaza City verso sud. Centinaia di migliaia hanno dato ascolto agli ordini israeliani di dirigersi verso la parte meridionale di Gaza, fuori dal percorso dell’assalto di terra tenendo conto del fatto che le truppe israeliane controllano parte della rotta nord-sud. Ma sono continuati anche i bombardamenti del sud.

Un attacco aereo israeliano ha distrutto diverse case ieri a Khan Younis. Nella città di Deir al-Balah, i soccorritori hanno estratto almeno quattro morti e diversi bambini feriti dalle macerie di un edificio raso al suolo. Una guerra che continua senza sosta e costerà moltre altre vite umane.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY