[gtranslate] ISRAELE PROSEGUE GLI ATTACCHI, COSTRINGENDO MIGLIAIA DI CIVILI PALESTINESI, AD EVACUARE DALLE LORO TERRE SENZA ALCUNA ALTERNATIVA - WHAT-U

Nonostante le raccomandazioni degli Stati Uniti che hanno chiesto a Israele di evitare  ulteriori sfollamenti di massa e morti civili in Palestina, messaggio supportato anche dal vicepresidente Kamala Harris durante una sua recente visita nella regione, lunedì gli aerei da guerra israeliani hanno bombardato pesantemente un’area intorno a Khan Younis, nel sud di Gaza.  Qui l’esercito ha ordinato evacuazioni di massa dalla città per un’offensiva di terra che si sta allargando e che sta spingendo i palestinesi in una porzione di territorio sempre più ristretta.  Facendo quindi esattamente il contrario di quanto promesso all’America che in virtù del suo aiuto, dopo l’attacco del 7 ottobre, che comprendeva l’invio di munizioni e molto altro,  aveva chiesto a Israele di non infierire sulla popolazione palestinese e di non allargare la propria egemonia, ma di  combattere solo per eliminare i governanti di Hamas di Gaza. Invece la guerra più mortale degli ultimi decenni, che ha ucciso migliaia di esseri umani, ha provocato lo sfollamento di oltre tre quarti della popolazione palestinese dal suo territorio, che ammonta a 2,3 milioni di persone. E da quando venerdì è terminata la tregua durata una settimana, la conta dei morti è tornata a salire. Israele sembra stia correndo per sferrare un colpo mortale contro Hamas – se ciò è possibile , date le profonde radici del gruppo nella società palestinese – prima di qualsiasi nuovo cessate il fuoco. Ma è probabile che il prezzo crescente aumenti ulteriormente la pressione internazionale affinché si ritorni al tavolo dei negoziati.

Gli attacchi aerei e l’offensiva di terra nel nord di Gaza hanno ridotto vaste aree della città di Gaza e delle aree vicine a un deserto pieno di macerie. Centinaia di migliaia di residenti sono fuggiti a sud durante l’assalto. Ora circa 2 milioni di persone – la maggior parte della popolazione del territorio – sono ammassate nei 230 chilometri quadrati (90 miglia quadrate) della parte meridionale e centrale di Gaza, dove si sta muovendo l’offensiva di terra israeliana, minacciando di rendere inabitabili aree ancora più grandi. Dopo la rottura della tregua, l’esercito israeliano ha ordinato alla popolazione di allontanarsi da un’area di circa 62 chilometri quadrati (24 miglia quadrate) all’interno e nei pressi di Khan Younis, secondo le mappe di evacuazione rilasciate dall’esercito israeliano. E ciò riduce ulteriormente lo spazio disponibile per i palestinesi di oltre un quarto. I costanti bombardamenti ai margini di Khan Younis, la seconda città più grande di Gaza, hanno illuminato il cielo sopra la città lunedì sera, e un flusso di ambulanze che trasportavano feriti, tra cui diverse donne e bambini, si è riversato nell’ospedale principale. Negli ultimi giorni, gli attacchi israeliani sono stati “su scala feroce”, ha detto Mohammed Aghaalkurdi, un operatore umanitario del gruppo Aiuto medico per i palestinesi a Khan Younis. I quartieri e i rifugi per sfollati si sono svuotati. Volantini lanciati dai militari hanno chiestoalle persone di dirigersi a sud verso il confine con l’Egitto, ma senza lasciare Gaza, poiché sia ​​Israele sia il vicino Egitto si sono rifiutati di accettare rifugiati. L’area che Israele ha ordinato di evacuare copre circa un quinto di Khan Younis. Prima della guerra, quella zona ospitava circa 117.000 persone, e ora ospita anche più di 50.000 sfollati dal nord, che vivono in 21 rifugi, ha detto l’ONU. Ad oggi non si sa quanti siano in fuga. Alcuni palestinesi hanno ignorato gli ordini di evacuazione passati, dicendo che non si sentono più sicuri dal momento che anche le aree in cui è stato detto loro di fuggire sono state bombardate. E molti temono anche che non potranno mai tornare nelle loro case. Non è chiaro dove le truppe israeliane si siano spostate nel sud di Gaza, ma i militari hanno detto alla gente di rimanere lontani dalla strada principale tra Khan Younis e Deir al-Balah, suggerendo che le forze si stavano spostando tra le due città. I media israeliani hanno anche riferito di intensi combattimenti tra le truppe israeliane e i militanti di Hamas nel nord di Gaza nel campo profughi di Jabaliya e nel distretto di Shijaiya nella città di Gaza. Il contrammiraglio Daniel Hagari, portavoce militare israeliano, ha detto che l’esercito sta inseguendo Hamas con la “massima forza” nel nord e nel sud, cercando di ridurre al minimo i danni ai civili. Ha indicato una mappa che divide il sud di Gaza in decine di isolati per dare “istruzioni precise” ai residenti su dove evacuare. La maggior parte è invitata a fuggire a sud, ma, in modo confuso, una mappa pubblicata lunedì dai militari su X invitava le persone a fuggire a Fakhari, un distretto a est di Khan Younis che i militari avevano ordinato di evacuare il giorno prima. “Il livello della sofferenza umana è intollerabile”, ha detto Mirjana Spoljaric, presidente del Comitato internazionale della Croce Rossa, durante una rara visita a Gaza. “È inaccettabile che i civili non abbiano un posto sicuro dove andare a Gaza e, con l’assedio militare in atto, non esiste nemmeno un’adeguata risposta umanitaria attualmente possibile”.

Il Ministero della Sanità di Gaza ha affermato, senza fare distinzione tra morti di civili e di combattenti, che il bilancio delle vittime nel territorio dal 7 ottobre ha superato le 15.890 persone – il 70% delle quali donne e bambini – con oltre 42.000 feriti. Video dell’Associated Press hanno mostrato donne in lacrime, inginocchiate sui corpi dei propri cari e li baciavano. Il portavoce del Ministero della Sanità, Ashraf al-Qidra, ha detto che centinaia sono stati uccisi o feriti dalla fine del cessate il fuoco, e molti sono ancora intrappolati sotto le macerie. Non è possibile confermare in modo indipendente i rapporti sul campo di battaglia da entrambe le parti. Israele afferma di prendere di mira gli agenti di Hamas e di attribuire ai militanti la colpa delle vittime civili, accusandoli di operare in quartieri residenziali. Tuttavia, non fornisce alcuna spiegazione sui suoi attacchi militari.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY