[gtranslate] EMISSIONI GAS SERRA DELL'ECONOMIA UE: -7,1% NEL TERZO TRIMESTRE DEL 2023 - WHAT-U

Nel terzo trimestre del 2023, le emissioni di gas serra dell’economia dell’UE sono stimate a 787 milioni di tonnellate di CO 2 equivalenti (CO 2 -eq), registrando una diminuzione del -7,1% rispetto allo stesso trimestre del 2022 (847 milioni di tonnellate di CO 2 -eq ). eq). Il prodotto interno lordo (PIL) dell’UE è rimasto stabile e ha registrato solo una piccola variazione (-0,2% nel terzo trimestre del 2023, rispetto allo stesso trimestre del 2022). Questo è ciò che si evince dai dati sulle stime trimestrali delle emissioni di gas serra per attività economica pubblicati da Eurostat. Nel terzo trimestre del 2023, i settori economici responsabili delle maggiori riduzioni rispetto al terzo trimestre del 2022 sono stati la fornitura di elettricità e gas (-23,7%), le famiglie (-6,5%) e l’industria manifatturiera (-4,9%). 

Emissioni di gas serra in calo in 23 Paesi Ue 

Nel terzo trimestre del 2023, si stima che le emissioni di gas serra siano diminuite in 23 paesi dell’UE, rispetto al terzo trimestre del 2022. Si stima un aumento per Malta (+7,7%), Cipro (+3,7%), Lettonia (+ 3,4%) e Slovacchia (0,9%). Tra questi 4 membri dell’UE, 3 hanno registrato un aumento del PIL: Malta (+7,1%), Cipro (+2,5%) e Slovacchia (+1,1%).

Le maggiori riduzioni dei gas serra sono stimate per Estonia (-30,7%), Bulgaria (-18,6%) e Germania (-12,2%)

Dei 23 membri dell’UE che si stima abbiano ridotto le proprie emissioni, 11 hanno registrato anche un calo del PIL (Irlanda, Estonia, Austria, Lussemburgo, Svezia, Finlandia, Repubblica Ceca, Paesi Bassi, Germania, Danimarca, Ungheria). L’Italia ha mantenuto il suo PIL allo stesso livello del terzo trimestre del 2022, riducendo al contempo le emissioni di gas serra. Si stima che gli altri 11 paesi dell’UE (Romania, Croazia, Grecia, Portogallo, Bulgaria, Belgio, Spagna, Slovenia, Polonia, Francia, Lituania) siano riusciti a ridurre le emissioni pur aumentando il loro PIL.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY